LANDR BLOG

Distribución musicalPromozione musicale

Come mettere la tua musica su Spotify e fare in modo che venga riprodotta

Come mettere la tua musica su Spotify e fare in modo che venga riprodotta

Spotify è senza dubbio la più grande piattaforma di streaming musicale al mondo in questo momento.

Ogni giorno migliaia di artisti caricano la loro musica sulla piattaforma per raggiungere i propri fan, trovarne di nuovi e guadagnare soldi dagli stream.

Inutile dire che la distribuzione della tua musica online su Spotify e altre piattaforme di streaming dovrebbe far parte del tuo piano di promozione musicale.

In questo articolo, esamineremo tutto ciò che devi fare per mettere la tua musica su Spotify, essere inserito nelle playlist giuste e guadagnare nuovi fan.

Analizzeremo anche alcuni suggerimenti per ottenere di più dalla distribuzione digitale, mettere i tuoi testi su Spotify e organizzare il tuo piano di marketing musicale online.

Ma prima, ecco come mettere la musica su Spotify.

Passaggio 1: termina il tuo album

Sembra ovvio, ma per mettere la tua musica su Spotify hai bisogno di un prodotto finito.

Anche se hai un mix finale di un album o un singolo pronto per essere pubblicato, ci sono molte cose da considerare per mettere le tue tracce online.

Ad esempio, devi masterizzare il tuo album in modo che possa essere confrontato in volume con altri album su Spotify.

Se non ottieni un master all’altezza degli standard della piattaforma di streaming, le tue tracce suoneranno più basse di altre tracce su Spotify e le tue canzoni non si distingueranno.

Il modo migliore per ottenere un ottimo master, senza andare da un ingegnere di mastering professionista, è utilizzare un programma di mastering basato su I.A. come LANDR che porta le tue tracce agli standard di mastering in pochissimo tempo.



Una volta che hai un master finale, avrai bisogno di altri dettagli come le copertine degli album e una buona tracklist.

Arriveremo a questi passaggi in un secondo.

Passaggio 2: trova un distributore digitale

Non puoi caricare i tuoi brani direttamente su Spotify.

Piuttosto, devi lavorare con un servizio di distribuzione digitale.

Questi servizi consentono di posizionare tutte le tue tracce su ogni piattaforma di streaming disponibile in quel preciso momento.

Dovrai pagare per accedere ai loro servizi e ce ne sono diversi tra cui puoi scegliere.

LANDR è un’ottima opzione che combina la distribuzione digitale con strumenti di collaborazione e l’accesso al mastering alimentato da I.A.

I distributori digitali aiutano a garantire che la tua musica sia formattata correttamente per ciascuna piattaforma di streaming.

Raccolgono anche le tue royalty da tutte le piattaforme in modo da ottenere pagamenti da ogni servizio di streaming in un unico posto.

È un servizio prezioso che ti fa risparmiare tempo e fa in modo che tu venga pagato più velocemente; il piccolo prezzo che ogni distributore addebita vale totalmente la pena.

Passaggio 3: invia le tue tracce

Dopo aver scelto un servizio di distribuzione digitale, è il momento di caricare le tue tracce.

Ogni fornitore di servizi ha il proprio sistema unico per l’invio di tracce, ma in generale seguono tutti un processo simile.

Per caricare la tua traccia devi caricare un formato di file non compresso della tua traccia. Ciò significa che dovrai caricare un file .WAV in formato 44,1kHz a 16 bit.

È possibile impostare facilmente questi parametri durante l’esportazione dell’audio dalla DAW.

Dopo aver caricato le tracce nella tua libreria, seleziona “rilascio” e verrai indirizzato alla pagina del modulo di rilascio.

Passaggio 4: assicurati di avere i diritti per utilizzare il tuo materiale

Se hai utilizzato campioni nella tua traccia o qualsiasi melodia che non hai scritto, devi ottenere una licenza di copyright per utilizzare quel materiale.

In caso contrario, il tuo rilascio potrebbe accusare ritardi o annullamenti.

Per dimostrare che hai il diritto ad utilizzare il materiale di qualcun altro, dovrai includere la prova dei diritti e le conferme di pagamento per il materiale concesso in licenza.

Per ottenere la prova dei diritti è necessario entrare in contatto con i titolari dei diritti di qualsiasi campione o melodia utilizzati e ottenere una licenza.

Se non li includi nelle informazioni sul rilascio della distribuzione, potresti ricevere un’email dal tuo fornitore di distribuzione che richiede ulteriori informazioni.

Passaggio 5: inserisci i metadati del tuo album

I metadati sono estremamente importanti per organizzare e classificare correttamente le tue tracce su Spotify.

I metadati sono anche fondamentali per ottenere trazione con l’algoritmo di Spotify.

Vuoi che Spotify sappia quale genere di musica fai, in modo che possa suggerire le tue tracce agli ascoltatori che preferiscono il tuo genere musicale.

Quando compili i metadati, dovrai inserire il titolo della traccia, il genere, il sottogenere, gli artisti principali, i featuring, il cantautore, l’editore, il produttore, i collaboratori ed i testi.

Se disponi già di un codice ISRC per il tuo album, inseriscilo qui.

Inoltre, ricorda che se la tua traccia utilizza contenuti espliciti, devi contrassegnarla come tale.

Passaggio 6: inserisci le informazioni sull’etichetta

Indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno un’etichetta, devi indicare chi è il proprietario della tua traccia.

Se stai rilasciando in modo indipendente puoi elencarti come proprietario, altrimenti dovrai inserire il nome dell’etichetta.

Quindi dovrai indicare il proprietario della composizione, l’anno di composizione, il proprietario della registrazione principale, l’anno di registrazione e la lingua dei metadati della pubblicazione.

I nomi della composizione e i proprietari del master di registrazione verranno visualizzati nei negozi, quindi inserisci queste informazioni come desideri che vengano visualizzate.

Se lavori con un’etichetta, è meglio seguire questi passaggi con loro se non sei sicuro di chi possiede cosa.

Passaggio 7: carica la copertina

Le copertine degli album sono super importanti per far risaltare e creare interesse intorno al tuo album.

È un quadratino che puoi utilizzare per identificare il tuo marchio artistico, quindi fallo contare perché è la prima cosa che gli ascoltatori di Spotify vedono durante la navigazione.

Naturalmente, ci sono una serie di specifiche per il caricamento delle copertine degli album.

Soprattutto, devi caricare un’immagine di minimo 3000 x 3000 pixel formattata come .JPEG.

Devi inoltre utilizzare un’immagine di qualità che non sia pixelata, senza immagini esplicite e che non includa un URL o qualsiasi contenuto che non hai il diritto di utilizzare.

Passaggio 8: impostare una data di rilascio e selezionare i servizi di streaming

Ci sei quasi!

Nella fase finale, è necessario impostare la data di rilascio.

Questo è molto importante perché impostare la data di rilascio con sufficiente anticipo ti darà il tempo di dichiarare i tuoi campioni e anche preparare il tuo piano di marketing per la pubblicazione.

Nel passaggio finale, sceglierai anche le piattaforme su cui desideri pubblicare la tua musica.

Dato che in questo articolo stiamo parlando di pubblicare musica su Spotify, assicurati che Spotify sia selezionato in questa sezione.

Se non desideri che la tua uscita sia disponibile in determinati paesi, puoi specificarlo qui.

Dopo aver inviato la tua uscita

Congratulazioni! La tua uscita è pronta per arrivare Spotify.

Ora è il momento di pianificare una promozione attorno al tuo percorso.

Il modo migliore per ottenere visibilità per la tua musica su Spotify è inserirla su una playlist famosa.

Non importa chi sei, puoi proporre le tue tracce per qualsiasi playlist pertinente al tuo genere.

Per presentare le tue tracce per la playlist, devi prima rivendicare il tuo profilo artista di Spotify, se non l’hai già fatto.

In questo momento, se rilasci le tue tracce tramite LANDR, verrà creato automaticamente un profilo. Tutto quello che devi fare è reclamarlo.
Per farlo dovrai accedere al tuo account Spotify for Artists e rivendicare il tuo profilo.

Una volta rivendicato il tuo profilo, puoi aggiornare la tua immagine del profilo e otterrai quel bel segno di spunta blu verificato sulla pagina dell’artista.

Ora potrai inviare le tue tracce inedite alle playlist.

Ricorda, è estremamente importante pianificare la tua pubblicazione con largo anticipo perché ci vuole tempo per presentare le tue tracce ai curatori delle playlist di Spotify.

Come regola generale, hai bisogno di un minimo di cinque giorni per poter essere preso in considerazione per una playlist; in poche parole non sarà deleterio giocare in anticipo.

Ecco perché è fondamentale pianificare la data di uscita con largo anticipo rispetto all’invio delle tracce al servizio di distribuzione.

Inoltre avrai un po’ di tempo in più per pianificare tutte le altre attività di marketing necessarie per l’uscita della tua traccia o album.

Tutti a bordo del motore stream!

Le piattaforme di streaming sono ben consolidate come il modo principale in cui le persone ascoltano la musica online.

È il modo migliore per mettere la tua musica sul mercato e venire pagato ogni volta che qualcuno ascolta la tua traccia.

Ora che sai come mettere la tua musica su Spotify, è ora di finire quell’album e pubblicarlo nel mondo.

Buona fortuna con la tua prossima uscita!

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post