LANDR BLOG

Distribución musicalIspirazione

Sequenziare un album: come dare il flusso perfetto alle tue uscite

Sequenziare un album: come dare il flusso perfetto alle tue uscite

Hai finito di mixare il tuo album e sei quasi pronto per il mastering. Tutto ciò che è rimasto ora è organizzare l’ordine dei tuoi brani al meglio.

A conti fatti, cosa fa volare un album?

Si chiama album sequencing e farlo intelligentemente è ciò che rende le tue canzoni un album vero e proprio. È un’arte perduta che manterrà i tuoi ascoltatori interessati fino all’ultimo fade out.

Quindi…cosa mettere all’inizio? Cosa va per ultimo e cosa c’è in mezzo?

In questo articolo ti darò consigli su come ordinare le tue tracce, come creare silenzi e dissolvenze tra le tue canzoni e come creare un’atmosfera coinvolgente con il sequencing.

Cosa significa sequenziare un album?

Album sequencing è il processo usato per collocare le tracce in un ordine ben preciso, su un album, EP o mixtape.

Esso include la cura del silenzio tra le canzoni, la creazione di fade-in e fade-out tra le tracce e la scelta dell’ordine della musica in una release.

Perché il sequencing degli album è importante?

È importante, per non dire fondamentale, per molte ragioni.

È la tua ultima possibilità di curare la presentazione delle canzoni prima di distribuire la tua musica.

Creare una sequenza definisce la relazione tra ogni canzone. Senza un buon susseguirsi di canzoni, il tuo album è solo un’altra playlist.

Senza un buon susseguirsi di canzoni, il tuo album è solo un’altra playlist.

Playlist e streaming hanno cambiato il modo in cui ascoltiamo, ma gli album non stanno scomparendo del tutto. Singole canzoni potrebbero interessare inizialmente gli ascoltatori, tuttavia sono gli album interi che li trasformano in fans.

Hai lavorato duramente su ogni dettaglio del tuo album, quindi prenditi il tempo per concentrarti sul sequencing. Se fatto bene, può dare più impatto ad ogni transizione nel tuo album.

Come puoi creare quell’impatto e farlo durare nel tempo?

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/LandrMusicIcon.gif

Come creare una sequenza avvincente

Il sequencing è una delle parti più affabili, intuitive e divertenti del lavorare sul tuo album.

Se sei cresciuto ascoltando musica, ne hai già un’idea. Imprimilo nella tua mente mentre procedi: se qualcosa sembra giusto, probabilmente lo è!

Il sequencing è una delle parti più affabili, intuitive e divertenti del lavorare sul tuo album.

Non esiste un modo giusto o sbagliato per sequenziare un album, ma ci sono alcune linee guida utili a cui pensare mentre procedi.

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare a mettere in sequenza la tua uscita:

1. Inizia forte

Comincia con una traccia di impatto.

È vitale per invitare i tuoi ascoltatori a lungo raggio. La traccia iniziale è la prima impressione sul tuo album, quindi fai in modo che risalti.

2. Scegli i tuoi singoli

Se una canzone del tuo album è già stata pubblicata come singolo, inseriscila all’inizio della scaletta.

Lascia che i tuoi fans si connettano con le tracce che riconoscono in anticipo.

3. Pensa come un disco

I dischi in vinile hanno un lato A e B. I tuoi ascoltatori potrebbero non necessariamente fruire delle tue tracce su vinile, ma l’idea di un lato A e B può aiutarti a strutturare la tua selezione.

Mettere tracce più lunghe o più impegnative verso la fine darà a tutti quei grandi appassionati di musica qualcosa da mettere nella loro playlist “deep cuts”.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Recordflipping.gif

4. Pensa alla sequenza del tuo album come ad una narrativa

Scusa il cliché, ma il tuo album è un viaggio!

È una delle cose più interessanti del formato album ed una grande parte del perché gli album contino ancora.

Sequenzia le tue tracce per costruire e rilasciare la tensione sull’intera release. Le tue tracce colpiranno più forte individualmente e l’effetto complessivo verrà migliorato.

Se hai una serie di tracce melanconiche, prova a frapporre con qualcosa di più allegro.

Anche l’opposto funziona. Raggruppa brani simili per sostenere l’atmosfera.

Come mettere in sequenza l’album nella tua DAW

Ora che hai un senso dell’ordine delle tue canzoni, è ora di sistemarle nella DAW.

Il modo migliore per sequenziare un album è quello di esportare tutte le tue canzoni in una nuova sessione DAW.

Ciò ti consentirà di cambiare facilmente l’ordine, aggiungere spazi ed occuparti delle tue dissolvenze in relazione al resto delle tue tracce.

Ti consentirà inoltre di sentire come suoneranno effettivamente per un ascoltatore e ti aiuteranno a garantire che tutto il tuo audio sia pronto per il mastering come album.

I due strumenti tecnici che devi conoscere nella tua DAW sono dissolvenze (fade-in/out) e silenzi. Ecco come utilizzare entrambi per creare il flusso di album perfetto.

1. Aggiungi i fades

L’applicazione di fades è una delle funzioni di base della tua DAW.

Comprendere le dissolvenze e usarle musicalmente per migliorare il susseguirsi dei pezzi nel tuo album è una forma d’arte. Questo processo imposta il tono di come l’ascoltatore interpreterà il silenzio che separa le tue canzoni.

Se fatto bene, il fade può assumere quella caratteristica inquietante e drammatica del sequenziare un album.

Non c’è davvero una regola ferrea su quale tipo di dissolvenza funziona meglio e dove. Il miglior consiglio è di usare le tue orecchie, ma memorizza i diversi stili. Potrebbe non essere ovvio quale sia il migliore, quindi sperimenta di traccia in traccia.

Pensa a creare una dissolvenza in apertura o in uscita come una performance musicale.

Se fatto bene, il fade può assumere quella caratteristica inquietante e drammatica del sequenziare un album.

2. Aggiungi i silenzi

Quando si parla di sequencing, il silenzio è potente quanto il suono.

Quando si parla di sequencing, il silenzio è potente quanto il suono.

Gli spazi tra le canzoni ti consentono di creare il ritmo del tuo album.

Periodi più lunghi di silenzio tra canzoni possono “resettare” l’ascoltatore. Usa queste pause più lunghe a tuo vantaggio. Ad esempio, questo può essere utile se è necessario allontanare l’attenzione dell’ascoltatore da due tracce simili.

Per contro, una silenzio più corto può aiutarti a mantenere un determinato stato d’animo.
Mantieni i silenzi più lunghi quando è necessario creare quel cambio di rotta tra canzoni o stati d’animo.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Speaker.jpg

3. Lascia che l’ambiente faccia il suo lavoro

Permettere il completo decadimento di una coda di riverbero può anche preparare gli ascoltatori per ciò che verrà dopo.

Di nuovo, puoi usare questo effetto per distogliere l’attenzione dalle somiglianze tra due tracce.

Prova a trattare la tua dissolvenza come una parte aggiuntiva dell’intro della tua prossima canzone. L’ordine delle tue canzoni e l’atmosfera che lasci dovrebbero essere collegati.

4. Non vederla, ascoltala.

Ascolta la tua musica per idee su come trattare i tuoi silenzi.

Chiudi gli occhi mentre cerchi di determinare i silenzi. Il riferimento visivo fornito dalla DAW può indurti a concentrarti maggiormente su come appaiono le cose rispetto a come suonano.

Non lasciare che la griglia ti inganni nel tagliare gli spazi sbagliati. Il sequencing è tutto basato sulla sensazione dell’album, quindi prova a fare affidamento a questo.

5. Senti il battito (animale)

Contare le tue battute e battiti per determinare il silenzio tra le tracce è un ottimo modo per aggiungere un po ‘di ritmo ai tuoi silenzi.

Contare le tue battute e battiti per determinare il silenzio tra le tracce è un ottimo modo per aggiungere un po’ di ritmo ai tuoi silenzi.

Questo approccio funziona per sostenere la stessa energia tra tracce ritmicamente simili.
Usa i tuoi transienti come segnalini e organizza di conseguenza le tue dissolvenze ed i tuoi silenzi.

Suggerimento: non fare affidamento su questo approccio per tutto il tempo. Può risultare prevedibile.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Speedindications.jpg

6. Rimpicciolisci & Zoom out

Stai attento quando esamini i tuoi tempi di dissolvenza al microscopio. L’iper-focus potrebbe farti sentire brevi periodi di silenzio più lunghi di quanto non siano in realtà.

Fai in modo di conoscere di questo effetto in modo da non rendere i tuoi spazi troppo brevi.

Di nuovo, i fades riguardano l’ascolto, non la vista. Ascolta prima di guardare. Se suona bene, allora va bene!

I sogni in sequenza

Il sequencing è un’arte. È tanto importante quanto mixare o arrangiare. Devi pensare al sequenziare come ad un’estensione del tuo songwriting.

Decidere esattamente come gli ascoltatori percepiranno il tuo album finito è super soddisfacente. Pensa ai tuoi album preferiti. È facile vedere come il sequencing degli album abbia un ruolo enorme nel modo in cui viviamo la musica.

Cerca di portare la stessa attenzione ai dettagli nei tuoi di album.

Ora che hai qualche idea su come sequenziare il tuo capolavoro, torna alla tua DAW e goditi il silenzio!

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post