LANDR BLOG

Mix e mastering

10 suggerimenti per mixare un album

10 suggerimenti per mixare un album

L’elemento più importante di qualsiasi album finito, EP o mixtape è mantenere un suono coerente.

Quando produciamo un album, abbiamo tutti il desiderio di raggiungere quella consistenza finale che attira gli ascoltatori. È per questo che LANDR ora esegue il mastering degli album, proprio per regalarti quel suono masterizzato uniforme nell’intero progetto.

Tuttavia ottenere un buon album masterizzato con un suono coerente inizia con la fase di mixaggio dell’album stesso. Mixare diverse canzoni rimanendo fedele al feeling generale del tuo album non è poi così facile.

Ti stai chiedendo come mixare un album? In questo articolo imparerai 10 cosine di mix che ti aiuteranno ad ottenere un suono più coeso in tutti i tuoi mix.

1. Usa concetti, non copie

Non copiare semplicemente i settaggi dei tuoi canali, ma cerca invece di ricordarti il processo per arrivarci e ripetilo.

Potresti essere tentato dal comporre la batteria sulla prima traccia e poi semplicemente copiare e incollare ciascun plugin nel brano successivo…Nooo, non farlo! Potresti incasinarti da solo.

Anche se la tua sorgente è stata tracciata nella stessa sessione con gli stessi microfoni, l’audio può variare molto tra esibizioni diverse.

Anche se la tua sorgente è stata tracciata nella stessa sessione con gli stessi microfoni, l’audio può variare molto tra esibizioni diverse.

Probabilmente dovrai comunque regolare nuovamente la soglia e l’attacco/rilascio della tua compressione.

Quindi ricorda come hai elaborato concettualmente piuttosto che con le impostazioni specifiche dei parametri. Utilizza gli stessi concetti generali tra le tracce, ma sperimenta con diversi colori di compressione/EQ.

Questo approccio ti consentirà di mantenere il tuo album in uno stato di coesione generale e di creare variazioni minime tra le tue canzoni contemporaneamente.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-channelstrip-anim.gif

2. Concentrati sui tuoi elementi principali

Decidi quali sono i punti focali dei tuoi mix e mantienili coerenti.

Cose come il livello generale della voce principale o la quantità di basso sub sono le prime cose che l’ascoltatore-tipo udirà. Mantenerle nello stesso campo di gioco è un fattore importante per ottenere coerenza.

Decidi quali saranno gli elementi principali del tuo mix prima ancora di iniziare il processo.

Ad esempio, sapere che la tua voce principale ha bisogno di essere “in faccia” nel mix ti permetterà di prendere decisioni che le creano spazio mentre procedi.

Tenere a mente gli elementi principali renderà più facile prendere decisioni quando inizierai ogni mix del tuo album. Decidi in anticipo e mixa di conseguenza.

3. Mixa lasciando margine

Sviluppa buone e coerenti abitudini creando margine (“headroom”): non posso non continuare a stressarti su questo concetto!.

Lasciare la giusta quantità di headroom ti dà più chiarezza e una migliore separazione tra gli elementi di ciascun mix.

Se vuoi la coerenza, avrai bisogno di quella separazione durante tutto il tuo album.

Una headroom sana garantisce che tutte le tracce siano pronte per la masterizzazione una volta completato il mix. Tutte le tue decisioni di mixaggio portano al mastering, quindi è molto importante.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-Headroom.jpg

Non sei sicuro di come lasciare margine? Leggi la nostra guida per l’headroom ed inizia a lasciare il giusto spazio nei tuoi mix.

Inoltre, un buon margine in tutte le tue canzoni ti darà un enorme vantaggio quando arriverà il momento di…

4. Utilizzare un mix di riferimento

Confronta! Confronta! Confronta!

Più confronti le tue tracce l’una contro l’altra, più capirai quali devono essere trascinate nell’atmosfera complessiva del disco che stai cercando di ottenere.

Se tutte le canzoni sono di un livello simile (headroom sana), sarai in grado di confrontarle facilmente con le altre tracce dell’album senza essere fuorviato dalle differenze di livello.

Beccati pure alcune tracce di riferimento da utilizzare anche per l’intero progetto. Formeranno una linea di base con cui puoi confrontarti mentre mixi da una traccia all’altra.

Durante il processo, confronta il tuo mix con musica pubblicata commercialmente, master veloci o altre versioni del tuo mix.

Scopri di più su come inserire il riferimento di mix giusto nel tuo flusso di lavoro con la nostra guida sul mix referencing.

5. Ripeti le tecniche solo quando ha senso

Riutilizza determinate tecniche solo quando è appropriato.

Solo perché hai usato un riverbero “gated” sul rullante in una traccia, non significa che ogni traccia di rullo del tuo album ne abbia bisogno. La coerenza non significa necessariamente ripetizione.

La coerenza non significa necessariamente ripetizione.

Tieniti assolutamente un paio di assi nella manica, ma il tuo intero album risulterà più coeso se li usi con gusto e nel contesto di ogni mix.

Non buttarci dentro qualcosa solo per motivi di coerenza. Mixa mirando alla coesione, ma fallo in modo intelligente. Ricorda, le tue tracce devono ancora suonare bene da sole.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-overload.jpg

6. Utilizzare i bus

Bussing è il processo di “routing” di più tracce nello stesso canale aux della DAW.

Sii furbo con i tuoi bus e applica l’elaborazione a più tracce contemporaneamente dove puoi.

“Bussing” è ideale per le situazioni in cui si hanno più microfoni che catturano la stessa fonte. Gli ingegneri dell’era analogica non hanno dovuto mettere sette diversi compressori su ogni singolo microfono e neanche tu dovresti.

Gli ingegneri dell’era analogica non hanno dovuto mettere sette diversi compressori su ogni singolo microfono e neanche tu dovresti.

L’applicazione della compressione o EQ su più tracce tramite un bus ti consente di tenere a mente l’immagine più grande mentre procedi. Vedrai che figata utilizzare un solo processore.

Se hai meno processori da gestire, le modifiche su tutti i mix del tuo album sono più gestibili.

Il che mi porta al prossimo punto…

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-Single-Effect.jpg

7. Creare un piano di master bus

Se decidi di fare qualsiasi processo di master bus, assicurati di avere un piano.

L’elaborazione del master bus (talvolta chiamato 2-bus) applica effetti all’intero mix tramite il canale master fader.

Ricorda, è incredibilmente facile apportare grandi cambiamenti al suono del tuo mix quando lo stai influenzando a livello globale.

Ad esempio: decidere sulla catena a 2-bus che si adatta alla visione del tuo progetto e modificarlo per adattarlo a ogni mix del tuo album è un buon modo per ottenere coerenza con il master bus.

Evita la compressione applicata al master bus per motivi di volume… Il tuo mastering si occuperà di tutto ciò. Va bene usare la compressione per questioni di “colla”, carattere e controllo della dinamica.

Se non disponi di un piano ben ponderato che include una chiara idea di ciò che stai tentando di realizzare con il master bus, è consigliabile non metterci proprio le mani.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-Notebook.jpg

8. Fai delle pause

L’affaticamento dell’orecchio è un vero problema per gli ingegneri del suono e questo include anche te!

Un mix che fai alla fine di una maratona di mix può essere sorprendentemente diverso da quello che fai all’inizio, quando sei fresco.

La coerenza può soffrire del fatto che tu abbia lavorato su alcune tracce con orecchie fresche e su altre con orecchie stanche. Potresti iniziare a prendere certe decisioni quando sei stanco che non avresti preso in precedenza, e viceversa.

In generale, presta particolare attenzione a spendere troppo tempo a con le cuffie in testa o con i monitor troppo sparati.

In generale, presta particolare attenzione a spendere troppo tempo a con le cuffie in testa o con i monitor troppo sparati.

Come regola generale, per ogni 2 ore di mixaggio le nostre orecchie hanno bisogno di circa 15-30 minuti di pausa.

Le tue orecchie sono il tuo strumento più prezioso in studio, quindi trattale con cautela.

9. Tieni sotto controllo le tracce

Fai attenzione alle tracce extra. Se sei come me, probabilmente ti stavi facendo dei viaggioni in studio e hai registrato un sacco di tracce mentre sperimentavi.

Ma se butti dentro tutto nel lavello, potresti presto trovarti a combattere.

Tieni sotto controllo le tue tracce extra e includile in base al tuo piano generale di cui parlavo sopra. Se non si adattano alla tabella di marcia, prendi in considerazione la possibilità di eliminarle completamente.

Non modificare i tuoi elementi principali solo per creare una traccia usa e getta. La tua coesione finirà per soffrirne, nel quadro generale.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/Cohesive_Album-Kitchen-Sink.jpg

10. Masterizza con il pensiero fisso sull’album

Mixare alla ricerca di consistenza non termina dopo il mixaggio. Il mastering deve preservare il suono che hai modellato, mentre lavoravi duramente al tuo album.

Il mastering deve preservare il suono che hai modellato con dedizione nei tuoi mix.

Ma se stai masterizzando traccia per traccia, mantenere quella coesione può essere difficile.

Il mastering degli album di LANDR tiene conto dell’intero album durante la fase di mastering per preservare il tuo duro lavoro.

Semplicemente seleziona le tracce e masterizzale come album nella libreria LANDR. È l’ultimo pezzo del puzzle per far funzionare il tuo album nel suo complesso.

Adesso tutti insieme

Alla fine, il mix dovrebbe scomparire sullo sfondo mentre l’ascoltatore fruisce della tua musica. La coerenza è come ci si arriva.

Vogliamo tutti evitare di trascinare qualcuno fuori dal flusso per pensare al mix!

Rendi questi 10 suggerimenti di mix parte della tua routine e sarai sulla buona strada per coinvolgere ed appassionare la gente al tuo album, mixtape o EP.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post