LANDR BLOG

Mix e masteringStrumenti musicali

Tracce di riferimento: come migliorare il suono con i riferimenti di mixaggio

Tracce di riferimento: come migliorare il suono con i riferimenti di mixaggio

È facile bloccarsi nel proprio mondo quando si sta mixando da molto tempo.

Le tracce di riferimento possono tirarti fuori dalla quella buca.

Se non ti fai una passeggiata fuori per avere una prospettiva, potresti perdere il quadro generale e andare troppo lontano nella direzione sbagliata.

Quando ti stai avvicinando alla fine di un progetto, è fondamentale avere un’idea chiara delle caratteristiche generali del tuo mix. E, ancora più importante, come il tuo mix si confronta con altre uscite commerciali.

Come trovi la giusta prospettiva dopo ore di lavoro con gli stessi suoni?

La soluzione semplice è il mix referencing.

Cos’è il mix referencing?

Il riferimento di mix (“mix referencing”) è il processo di confronto del tuo mix quasi finito con i mix precedenti che hai realizzato, altre versioni del tuo mix nello stesso progetto o registrazioni commerciali per determinare la qualità del tuo mix.

Utilizzando una traccia di riferimento

Sembra semplice, ma ci sono alcune cose cruciali da considerare per rendere il tuo riferirsi il più efficace possibile.

Prima di iniziare, è importante ricordare che non esiste un modo “corretto” per come il tuo mix dovrebbe suonare.

Ci sono così tante opinioni diverse sull’argomento che nessun approccio dovrebbe essere preso come il vangelo e lo stesso vale per il riferimento di mix.

La migliore regola empirica: se ti piace, allora va bene.

In questo articolo, analizzerò alcune delle più utili abitudini di riferimento di mix e ti mostrerò come usarle per avvicinarti a tracce pronte per la diffusione al primo tentativo.

Iniziamo con il finalizzare!

Corrispondenza di livello

Una regola cardinale è quella di avvicinare il livello del materiale di riferimento alla tua traccia il più possibile.

Piccole differenze di volume possono avere un effetto sorprendentemente massiccio sulla percezione del suono.

Puoi solo fare confronti profondi se sei sicuro che le differenze che senti provengono dai mix stessi e non da qualsiasi effetto psicoacustico o cambiamenti nella catena di ascolto.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0001_Level-MatchingB.jpg

Corrispondenza misurata

Per essere sicuro di abbinare i livelli correttamente, devi prendere sul serio la misurazione.

Il misuratore del canale nella tua DAW va bene per la maggior parte delle attività di misurazione, ad esempio assicurandoti di mantenere sempre un ampio margine.

Ma i plugin di misuratori dedicati offrono alcuni vantaggi particolarmente utili quando si fa mix referencing. Sienda FreeG è una bella opzione gratuita se stai cercando di fare l’upgrade del tuo metro di misurazione.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0000_Sienda-Free-G.jpg

Il processo prima e dopo

Prima di andare troppo lontano, la differenza più grande tra i tuoi mix e una registrazione professionale finita è l’effetto del processo di masterizzazione.

Usa LANDR per masterizzare rapidamente le tracce non ancora ultimate. Il master approssimativo fornirà un campo di gioco più vasto per il confronto in determinate circostanze.

I tuoi brani masterizzati ti faranno sicuramente avvicinare ad un stadio finale, ma anche fare continui riferimenti prima e dopo averli masterizzati con LANDR, aiuta.

Se sei vicino a finire il tuo mix e vuoi confrontarlo con una versione dello stesso progetto, fai il bounce di entrambi e crea master veloci da confrontare.

La tua versione master ti aiuterà a decidere dove andare a parare con quelle decisioni finali.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0002_Projects-Folder-Referencing.jpg

Cosa ascoltare e guardare mentre fai riferimento

Ok, torniamo indietro. Una volta che i tuoi livelli sono abbinati correttamente, è il momento di identificare le parti del tuo mix che lo rendono diverso dal materiale di riferimento.

Ecco alcune cose da ascoltare:

Il tuo profilo EQ complessivo

Il contenuto di frequenza complessivo della tua traccia è la caratteristica più evidente da confrontare tra le tue tracce.

Presta particolare attenzione alle estremità più lontane dello spettro di frequenza. I mix amatoriali sono spesso tormentati da boomy basse, incontrollate e da alte violente che non si estendono oltre il midrange superiore.

I mix amatoriali sono spesso tormentati da boomy basse, incontrollate e da alte violente che non si estendono oltre il midrange superiore.

Usa prima le tue orecchie, ma se hai un plugin EQ o metro che può visualizzare il contenuto della frequenza, mettilo sul master bus e osserva come il tuo mix si sovrappone al materiale di riferimento.

TDR Nova è un ottimo plugin gratuito per la visualizzazione del contenuto delle frequenze delle tracce.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0003_TDR-NOVA.jpg

La tua dinamica complessiva

Le dinamiche complessive della tua traccia sono il risultato della compressione yapplicata su tutto il mix.

La gamma dinamica delle diverse registrazioni può variare notevolmente, quindi è importante controllare con riferimenti appropriati per il tuo genere e stile.

Ad esempio, una registrazione naturale di un combo jazz avrà probabilmente una gamma molto più dinamica rispetto a una radio pop destinata a offrire il massimo del punch ai piccoli altoparlanti.

Se trovi che la tua traccia di riferimento è considerevolmente più o meno dinamica della tua, potrebbe essere una buona idea rivisitare l’elaborazione sulla tua traccia e chiederti se stai ottenendo il suono che stavi cercando in primo luogo.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0004_Dynamics.jpg

Il tuo livello e la gamma di frequenza di ogni singolo elemento

Mentre ti concentri, prova a capire come i singoli elementi dovrebbero sedersi nel tuo mix. Consultando il materiale di riferimento puoi ricevere indizi su cosa dovrebbe andare e dove.

Noterai che gli strumenti possono essere posizionati in modo molto diverso da mix a mix mentre inizi ad analizzare le registrazioni professionali.

Fai del tuo meglio per identificare le gamme di frequenza occupate da ogni strumento. Dovresti anche essere consapevole di quale elemento di ciascun mix sia il più forte.

Puoi farlo abbassando gradualmente i tuoi monitor fino a quando quasi tutto è diventato inudibile. L’ultimo suono udibile prima che il suono scompaia del tutto è l’elemento generale con più volume.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_Attenuate_900x470.gif

Altre considerazioni di riferimento

Una volta che hai iniziato a cogliere i fattori che diversificano i mix, ci sono alcuni altri aspetti da tenere presente per assicurarti di fare riferimento come un professionista.

A quale materiale dovrei fare riferimento?

Con così tanta musica là fuori, quale materiale di riferimento ti darà più informazioni sui tuoi mix?

Puoi scegliere quasi tutto, ma i mix commerciali di professionisti rispettati dovrebbero costituire la maggior parte di ciò a cui fai riferimento.

Scegli qualcosa di stilisticamente coerente, che corrisponda al tuo modo di lavorare. Sarà il più informativo.

È inoltre necessario utilizzare le tecniche di riferimento per confrontare le revisioni dello stesso mix mentre ci si lavora.

Se non si confrontano direttamente le nuove versioni con i tentativi precedenti, è possibile che tu stia spostando lateralmente anziché in avanti o ripetendo gli stessi errori due volte.

Fai riferimento ovunque, a qualsiasi cosa

I tuoi fan ascoltano la tua musica in migliaia di ambienti di ascolto diversi. Per aiutare il tuo mix ad emergere su tutta la linea, assicurati di fare riferimento a quanti più sistemi puoi.

Le tue tracce masterizzate da LANDR semplificano questo passaggio. Dal momento che, ovviamente, non è possibile utilizzare un plugin metro per livellare la corrispondenza di un autoradio con un HI-FI domestico.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/05/MixReferencing_0005_Listening-Environment.jpg

Una versione approssimativa del tuo brano masterizzato con LANDR sarà molto più vicina al livello di una registrazione commerciale, immediatamente.

Ascoltare la differenza tra i tuoi mix e la traccia di riferimento su una varietà di sistemi diversi ti darà molte informazioni utili.

Oltre ai tuoi monitor, controlla le tracce su un impianto stereo di casa o dell’auto, cuffie, auricolari, altoparlanti per laptop, il telefono e qualsiasi altro sistema di riproduzione a cui hai accesso: tutto ciò conta!

Il vantaggio di riferimento

Ora che sai cosa guardare ed ascoltare, buttati ed inizia a fare riferimento!

Prendendo il tempo per entrare in queste buone abitudini di riferimento, svilupperai le tue orecchie più di quanto pensi.

C’è così tanto da imparare da altri mix che non passerà molto tempo prima di ottenere risultati migliori già dal primo tentativo.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post