LANDR BLOG

IspirazioneTeoria musicale

Accordi maggiori: come usare l’accordo più allegro in musica

Accordi maggiori: come usare l’accordo più allegro in musica

Se c’è un accordo che dovresti imparare quando sei agli inizi con uno strumento o l’apprendimento della teoria musicale, è l’accordo maggiore.

Gli accordi maggiori sono onnipresenti nella musica: è difficile trovare una canzone che non utilizzi un accordo maggiore o qualche variazione su uno.

Quindi, in questo articolo, esploreremo ciò che c’è da sapere sugli accordi maggiori, come funzionano nelle tonalità maggiori e minori e come puoi applicarli nel tuo modo di scrivere.

Inoltre alzeremo il coperchio su alcuni argomenti più avanzati come le estensioni degli accordi maggiori.

Ma prima, tuffiamoci nelle basi.

Cos’è un accordo maggiore?

Un accordo maggiore si verifica quando tre note vengono suonate insieme per formare quella che è conosciuta come una triade. Le note che formano una triade di accordi maggiori sono la fondamentale, una terza maggiore e una quinta perfetta.

Ad esempio, un accordo di Do maggiore sarà composto da Do, la nota fondamentale, Mi, che è una terza maggiore di Do, e Sol, che è una quinta perfetta di Do.

La triade maggiore è la forma più basilare di un accordo maggiore, ma altri accordi maggiori possono essere costruiti con note aggiuntive purché includano la caratteristica relazione dell’intervallo di terza maggiore con la fondamentale.

Cos’è un intervallo di terza maggiore?

Una terza maggiore è esattamente quattro semitoni (o mezzi passi) sopra la nota fondamentale.

Se guardi il nostro esempio di Do maggiore, Mi sale di quattro mezzi passi da Do, motivo per cui è la terza maggiore in un accordo di Do maggiore.

 

Cos’è un quinto intervallo perfetto?

Una quinta perfetta è esattamente 7 semitoni sopra la nota fondamentale.

Nel nostro esempio di Do maggiore, il Sol è 7 mezzi passi sopra al Do.

Se vuoi saperne di più sugli intervalli, abbiamo trattato ogni intervallo di musica nei post precedenti, troverai persino esempi di musica popolare per ciascuno di essi!

Inversioni di accordi maggiori

Naturalmente, ci sono diversi modi per suonare gli accordi maggiori, perché le note che compongono qualsiasi accordo maggiore possono essere riorganizzate.

Nella teoria musicale, ci sono tre inversioni principali in cui è possibile suonare un accordo maggiore, quindi diamo un’occhiata a quei voicing degli accordi.

Posizione di radice

Quando un accordo maggiore non è invertito, viene suonato nella cosiddetta posizione fondamentale.

Il motivo per cui prende questo nome è perché la nota fondamentale viene suonata nella parte inferiore della triade con la terza maggiore e la quinta perfetta impilate sopra.

Quindi, in una triade di Do maggiore troverai il Do in basso, Mi al centro e Sol in alto.

Prima inversione

Nella prima inversione la nota fondamentale viene spostata all’inizio dell’accordo, la nota più bassa della triade invece la terza maggiore con la quinta perfetta posta al centro della triade.

Prendendo il nostro esempio di Do maggiore, un primo accordo di Do maggiore di inversione utilizza le note Mi, Sol e Do in ordine crescente.

Seconda inversione

Nella seconda inversione la nota fondamentale si trova nel mezzo dell’accordo e la quinta nota perfetta è ora la più bassa dell’accordo con la terza sopra.

Ancora una volta, usando il nostro esempio di Do maggiore, la sua seconda forma di inversione userebbe le note Sol, Do e Mi in quest’ordine.

Utilizzo degli accordi maggiori nelle progressioni di accordi

Potresti essere tentato di gravitare verso accordi maggiori nel tuo modo di scrivere perché sono considerati “felici”

La realtà è che gli accordi maggiori, proprio come tutti gli altri accordi, hanno il loro posto speciale all’interno di una progressione di accordi.

Non suoneranno necessariamente bene se non li usi nel modo giusto.

Il modo migliore per identificare dove appartiene un accordo maggiore in una progressione di accordi è guardare i gradi di scala di qualunque
tonalità su cui stai lavorando.

In una scala maggiore (o tonalità maggiore), le triadi maggiori si formano quando sono costruite sul primo, quarto e quinto grado della scala.

Ad esempio, nella tonalità di Do maggiore puoi costruire una triade su ogni grado della scala.

Se lo farai, vedrai che gli accordi costruiti sul quarto e sul quinto grado sono entrambi maggiori. Mentre gli accordi di secondo, terzo e sesto grado sono tutti accordi minori. Questi sono chiamati accordi diatonici perché sono costruiti utilizzando solo le note disponibili nella tonalità di Do maggiore.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2021/02/Using-major-chords-in-chord-progressions.jpg

Questo è il motivo per cui gli accordi 1-4-5 vengono utilizzati in molte progressioni di accordi comuni: sono tutti costruiti sui gradi della scala maggiore che comprendono gli accordi maggiori.

Puoi anche costruire un accordo maggiore all’interno della scala minore: l’accordo maggiore esiste solo su determinati gradi della scala minore.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2021/02/Major-chord-extensions.jpg

Costruire una triade su ogni grado di La minore naturale produce accordi maggiori su Do, Fa e Sol, terzo, quinto e sesto grado di quella scala.

Se non capisci perché quelle triadi maggiori si formano lì, ha più senso quando pensi al circolo delle quinte.

Prenditi un momento per familiarizzare con il
circolo delle quinte, se non l’hai già fatto: è probabilmente il concetto più importante da capire quando impari la teoria musicale occidentale!

Nel circolo delle quinte, La minore è la tonalità minore relativa al Do maggiore e Fa e Sol sono le chiavi adiacenti al Do maggiore: sono anche gli accordi maggiori che si trovano nell’esempio di Do maggiore sopra.



Estensioni degli accordi maggiori

Gli accordi maggiori non si fermano alle triadi, in generi come il jazz potresti sentire parlare di accordi maggiori come la settima maggiore o nona maggiore.

Questi accordi essenzialmente aggiungono un settimo o un nono intervallo sopra una triade maggiore, è la maniera in cui la musica jazz aggiunge un ulteriore livello di colore e dissonanza agli accordi che utilizza.

Ma essenzialmente si applica lo stesso principio, tranne per il fatto che aggiungi la settima o la nona alla posizione di inversione dell’accordo.

Ecco come suona, ad esempio, un accordo di settima maggiore in posizione fondamentale.

Ci sono molti altri modi per pensare alle estensioni degli accordi all’interno della teoria musicale, fortunatamente abbiamo scritto sulle estensioni degli accordi in modo più dettagliato.

Un trampolino di lancio

L’accordo maggiore è di solito il primo punto da cui gli studenti iniziano con la teoria musicale.

Per molti versi ha senso, l’accordo maggiore non è eccessivamente complicato per coinvolgere la tua mente e iniziare ad usarlo in musica.

Ma non restare bloccato sugli accordi maggiori per troppo tempo: probabilmente ti annoierai!

Credimi, ci sono molte cose là fuori nel mondo della teoria musicale in cui è molto più interessante entrare se vuoi davvero approfondire.

Per ora, esercitati con le tue triadi maggiori, scale, progressioni di accordi e cadenze e una volta che avrai imparato queste cose sarai pronto per entrare nel tunnel del divertimento (leggermente più avanzato).

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post