LANDR BLOG

Teoria musicale

Accordi estesi: come aggiungere colore alle tue canzoni con le estensioni degli accordi

Accordi estesi: come aggiungere colore alle tue canzoni con le estensioni degli accordi

Gli accordi sono i pilastri che reggono il tuo songwriting. Insieme al ritmo e alla melodia, l’armonia è una delle parti più importanti di una composizione musicale.

Il suono dei tuoi accordi dice molto sull’identità della tua musica. Le semplici strutture armoniche funzionano bene, ma accordi ricchi possono far risaltare una canzone.

Aggiungere estensioni ai tuoi accordi significa portare quella ricchezza nelle tue tracce.

In questo articolo, ti insegnerò a costruire accordi con le estensioni e ti mostrerò come usarli per portare le tue canzoni oltre la classica triade.

Quali sono gli accordi estesi?

Gli accordi estesi sono sonorità verticali con toni di colore aggiuntivi oltre alla triade di base dei toni dell’accordo.

Gli accordi estesi sono sonorità verticali con toni di colore aggiuntivi oltre alla triade di base dei toni dell’accordo.

Se sembra complicato, non ti preoccupare. Sto per analizzare da zero tutto il necessario per capire le estensioni!

Costruzione di accordi

L’aggiunta di estensioni inizia con la costruzione di accordi.

Se hai bisogno di un aggiornamento, consulta il nostro articolo su come costruire accordi per rinfrescarti la memoria.

Le basi sono piuttosto semplici. Costruisci accordi stratificando terze, una sopra all’altra.
La relazione tra questi intervalli e la nota fondamentale determina la qualità dell’accordo.

È necessario tenere traccia del grado di scala e della qualità di ciascun intervallo per identificare l’accordo.

Ad esempio, se impili alcuni terze su un pentagramma, otterrai un pupazzo di neve:

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/Extensions101_1-CMaj.jpg

Identificando gli intervalli, sai che stai guardando una triade maggiore.

Fin qui tutto bene.

Facciamo un ulteriore passo avanti.

Se stai allenando l’orecchio, probabilmente saprai che alcuni accordi contengono più di tre note.

Ma quali note puoi aggiungere al tuo accordo? Come funziona e come influenzerà il tuo suono?

7 accordi

Conosci già le quattro qualità di accordo che puoi creare con tre note. Maggiore, minore, diminuito e aumentato. Cosa succede quando ne aggiungi uno in più al mix?

Per iniziare, prova ad aggiungere una terza sopra l’ultima nota nel tuo pupazzo di neve:

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/Extensions101_2-CMaj7.jpg

Se valuti gli intervalli di ogni nota rispetto alla radice, hai un terza maggiore, una quinta perfetto e una settima maggiore.

Questo identifica l’accordo come una settima maggiore.

Tuttavia, ogni volta che si modifica la qualità di un intervallo, cambia anche la qualità dell’accordo risultante.

Se provi tutte le combinazioni, otterrai:

  • Maggiore settima
  • Dominante settima
  • Settima minore
  • Settima semi-diminuita

Per ora mi concentrerò sui primi tre, poiché sono i più usati.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/02/Extensions101_3-CMaj7-extensions.gif

Aggiungere questi quattro accordi di note al tuo vocabolario ti offre una vasta gamma di opzioni!

Più note?

Gli accordi con quattro note non sono ancora considerati estesi.

Poiché la relazione di intervallo di tutte e quattro le note ha un impatto sulla qualità dell’accordo, chiamiamo le prime quattro note di un accordo i toni dell’accordo.

Poiché la relazione di intervallo di tutte e quattro le note ha un impatto sulla qualità dell’accordo, chiamiamo le prime quattro note di un accordo i toni dell’accordo.

Poiché la relazione di intervallo di tutte e quattro le note ha un impatto sulla qualità dell’accordo, chiamiamo le prime quattro note di un accordo i toni dell’accordo.

Ma torniamo all’esempio aggiungendo una terza al tuo pupazzo di neve (che sta iniziando a somigliare sempre di più ad un totem):

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/Extensions101_4-CMaj9.jpg

Se si valuta la relazione di questa nota con la tonica, il risultato è diverso. È il secondo grado della scala, ma un’ottava sopra.

Questa è la nona. È la prima delle estensioni.

Le estensioni sono note che si accumulano come terze sul totem, ma non hanno l’effetto di modificare la qualità complessiva dell’accordo.

Possiamo aggiungere queste note ad un accordo per il colore, ma la loro qualità dell’intervallo non cambierà la struttura di base dell’accordo.

L’accordo risultante in questo caso? Do maggiore 9.

Ascolta il colore che la nona dà l’accordo.
C’è una piacevole tensione dalla sua stretta vicinanza sia alla radice che alla terza. L’accordo sembra più ricco, ma è ancora una settima.

Ci siamo quasi. Ma ci sono altre estensioni da considerare!

Estensioni disponibili

Per la terza successiva che aggiungi al tuo pupazzo di neve, il risultato non è esattamente lo stesso.

Invece di ricchezza e raffinatezza, questa prossima estensione aggiunge una spiacevole dissonanza stridente. Qualcosa nell’undicesima che hai appena aggiunto non va d’accordo con la settima dell’accordo di Do maggiore.

Quindi, come puoi sapere quali estensioni usare? La risposta sta nell’evitare la qualità dissonante che hai creato accidentalmente.

La dissonanza è un termine soggettivo il cui significato si è evoluto considerevolmente nella storia della musica, ma qui sto parlando di un tipo molto specifico di dissonanza.

La regola generale è che l’aggiunta di estensioni che creano un intervallo dissonante di nona minore con uno dei toni dell’accordo non è consentita.

La regola generale è che l’aggiunta di estensioni che creano un intervallo dissonante di nona minore con uno dei toni dell’accordo non è consentita.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/Extensions101_6-CMaj11.jpg

Per usare l’undicesima, dovremo modificarlo. L’unico accidentale che possiamo aggiungere per evitare la creazione di altri none minori è un diesis.

Aggiungendo il diesis otterrai Do maggiore 7 #11, una sonorità piacevolmente complessa che allo stesso tempo sembra stabile ed intensa.

Aggiungendo il diesis otterrai Do maggiore 7 #11, una sonorità piacevolmente complessa che allo stesso tempo sembra stabile ed intensa.

La #11 è la stessa classe di pitch della #4.
Se ti suona familiare, è perché il grado sollevato di scala in 4a è la nota caratteristica della modalità Lidia.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/02/Extensions101_7-CMaj11.jpg

In effetti, se si compila l’accordo con tutte le sue estensioni scrivendole nella loro forma più semplice, si può vedere che un accordo con tutte le sue estensioni è composto da tutte le note della scala corrispondente.

1-3-5-7-9-11-13 = 1-3-5-7-2-4-6

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/02/Extensions101_5-CMaj_AllExtensions.jpg

Questo è noto come la relazione accordo/scala. Non è necessario memorizzare ogni singola tensione disponibile se si ha già familiarità con le modalità della scala maggiore.

Il rapporto tra modalità e accordi ti dice quali estensioni puoi aggiungere ad un accordo, ma anche su quale scala suonare mentre stai improvvisando. Abbastanza fico!

Scrivere con accordi estesi

Se la gigantesca pila di terze che hai appena creato appare goffa a questo punto, hai assolutamente ragione.

Nel mondo reale, gli accordi estesi non sempre contengono ogni singola nota possibile e probabilmente non saranno espressi come una sonorità verticale a blocchi.

Nel mondo reale, gli accordi estesi non sempre contengono ogni singola nota possibile e probabilmente non saranno espressi come una sonorità verticale a blocchi.

Nella maggior parte dei casi, scegli di aggiungere solo alcune estensioni: una 9 qui o una #11 per enfatizzare. Per rendere i tuoi accordi ancora più funzionali puoi persino omettere un tono di accordo o due se non contribuiscono all’armonia. Sta a te!

Ma ora che conosci la relazione tra le modalità e gli accordi estesi, puoi utilizzare le estensioni ovunque tu possa considerare l’utilizzo della modalità associata.

Se hai bisogno di un aggiornamento, consulta il nostro articolo sulle modalità musicali.

Ecco le basi: puoi pensare al carattere delle modalità come i colori su una scala, dai più a chiari ai più scuri.

Più note sollevate una modalità contiene, “più luminosa” sembra. Più toni bassi, “più scura”.

È lo stesso principio con le estensioni degli accordi. Puoi rendere immediatamente più luminoso il suono di una 7a maggiore aggiungendo l’estensione #11.

O alleggerisci un accordo minore aggiungendo la tredicesima, la 6° naturale e caratteristica della modalità Dorica!

Tecniche estese

Le estensioni di accordi sono una parte utile del tuo vocabolario musicale. Più le incorpori nel tuo songwriting, più capirai come possono dare unicità alle tue canzoni.

Ora che hai qualche idea su come portare più note nella tua armonia, fai esperimenti e vedi cosa possono fare le estensioni nella tua musica.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post