LANDR BLOG

Teoria musicale

Struttura della canzone: come organizzare una canzone

Preview of youtube video

Ti sei mai chiesto come strutturare una canzone?

Esistono molti modi per assemblare progressioni di accordi, melodie e ritmi in parti che formano una struttura coesiva.

Sebbene non ci siano regole ben specifiche per strutturare una canzone, a volte, usare una formula può essere d’aiuto quando scrive un brano musicale.

In questa guida, esamineremo ogni tipo di struttura di canzone pop e come ogni parte di una canzone si adatta ad un forma.

Alla fine di questo processo, sarai a conoscenza di tutti i tipi di struttura della forma canzone e come l’intro, strofa, ritornello, pre-ritornello, bridge e finale si incastrano nella struttura di un pezzo.

5 tipi di struttura di una canzone

Le canzoni possono essere strutturate in vari modi.

Con poche eccezioni, scoprirai che la maggior parte delle strutture dei brani sono definite dalle lettere A e B che indicano sezioni diverse.

Oppure vedrai le lettere V, C e B usate per indicare verse (strofa), chorus (ritornello) e bridge (ponte).

Per i nostro scopo di oggi esamineremo le 5 principali strutture musicali che troverai in tutta la musica:

  1. AABA
  2. VCVC
  3. VCVCBC
  4. Head-Solo-Head
  5. Lineare o pienamente composta

 
Immergiamoci!

1. AABA

Se hai mai ascoltato uno standard jazz classico probabilmente hai sentito questo formato.

Molti compositori leggendari come Duke Ellington usavano questa prima struttura di base nelle loro composizioni.

In AABA, ogni sezione dura esattamente otto battute.

Ogni sezione A segue una progressione di accordi simile.

La sezione B seguirà quindi una progressione di accordi nettamente diversa, ad esempio una terza maggiore o minore.

Spesso la sezione B utilizzerà una progressione di accordi 2-5-1 per tornare alla sezione A finale.

Naturalmente, non è necessario seguire rigidamente il modello a otto battute.

Ad esempio, potrebbe essere utile estendere la sezione B di altre otto battute per sorprendere l’ascoltatore.

Ad esempio, potrebbe essere utile estendere la sezione B di altre otto battute per sorprendere l’ascoltatore.

AABA è un ottimo formato da considerare se stai scrivendo musica strumentale, specialmente jazz.

Per un esempio, dai un’occhiata a Take the A Train di Duke Ellington.



2. VCVC

Ogni volta che vengono utilizzati strofa e ritornello nella notazione della struttura della canzone, la canzone conterrà i testi.

VCVC è una struttura di songwriting molto semplice che presenta due ritornelli e due strofe.

VCVC è una struttura di songwriting molto semplice che presenta due ritornelli e due strofe.

In seguito ci immergeremo nella meccanica delle strofe e dei ritornelli.

Per ora, basta capire che in una struttura di brani VCVC le sezioni del ritornello sono le stesse, mentre la strofa uno e due saranno diverse tra loro in termini di testi.

Smells Like Teen Spirit dei Nirvana segue una struttura VCVC abbastanza chiara, tranne per il fatto che la canzone entra in una terza ripetizione finale della strofa e dell’inciso.

La canzone presenta anche quella famosa sezione di pre-ritornello in cui Cobain ripete la parola Hello.



3. VCVCBC

L’unica differenza tra VCVC e VCVCBC è il ponte tra il secondo ed il terzo chorus.

In questa struttura di brani, viene utilizzata una sezione aggiunta per riportare il brano al terzo ritornello e rimuovere una terza strofa eventualmente ripetitiva.

Potresti incontrare la similare struttura VCVCBV usata in molte tracce dove invece di terminare sul ritornello, la canzone termina in una sezione di strofa aggiunta.

Nella traccia dei Weezer Say it Aint So puoi chiaramente sentire il ponte prima del terzo e ultimo ritornello.



4. Head-Solo-Head

Questa è una forma molto comune trovata nei generi musicali che fanno uso dell’improvvisazione, in particolare nella musica jazz.

Head-Solo-Head è una forma molto comune che si trova nei generi musicali che fanno uso dell’improvvisazione, in particolare nella musica jazz.

Di solito, la sezione da cui si parte presenta una melodia riconoscibile ad uno standard jazz che la band suonerà insieme.

Questa melodia nella sezione di testa segue una progressione di accordi che verrà usata in seguito durante la sezione dell’assolo.

La parte solista può ripetersi per un tempo molto lungo, di solito abbastanza così ogni musicista può esibirsi in un assolo.

Le sezioni soliste nel jazz spesso culminano con un assolo di batteria o un periodo di “scambi di quattro” tra ogni musicista ed il batterista.

In questo caso “trading fours” si riferisce allo scambio di assoli su quattro battute.

Giant Steps di John Coltrane, per esempio, segue molto questa struttura.



5. Lineare (totalmente composta)

La musica non deve seguire una struttura ripetitiva.

In effetti, c’è molta musica fantastica che non segue affatto alcuna struttura!

La musica non deve seguire una struttura ripetitiva. In effetti, c’è molta musica fantastica che non segue affatto alcuna struttura!

Questo tipo di struttura musicale può essere definito lineare o totalmente composta.

Troverai questa struttura in molta musica classica, ambientale, elettronica e sperimentale.

Zodiac Shit dei Flying Lotus è un esempio di canzone che non segue affatto nessuna struttura.



Presentiamo… la tua canzone!

Ora che abbiamo esaminato le cinque strutture principali della canzone, tuffiamoci nelle singole parti di una canzone.

La maggior parte delle canzoni inizia con una sorta di introduzione che presenta uno strumento anziché una parte vocale.

Se stai scrivendo una canzone pop, tieni presente che vorrai arrivare al punto molto rapidamente. Non perdere l’ascoltatore con un’introduzione troppo estesa.

Tuttavia, se la tua canzone non deve attenersi a una formula pop, l’intro è un buon posto per impostare il tono della tua traccia.

Scrivere la strofa

La tua strofa è dove si sviluppa la narrazione o la storia dietro i tuoi testi.

La tua strofa è dove si sviluppa la narrazione o la storia dietro i tuoi testi.

Una canzone deve riguardare qualcosa, quindi la tua prima strofa è un ottimo posto per presentare l’argomento.

Sta a te decidere se le tue strofe devono far rima o no, ma dovrebbe avere almeno una metrica ritmica che spinge la canzone.

In genere una strofa si svilupperà attraverso circa otto battute di musica.

Riscalda il pubblico con un pre-ritornello

Il tuo pubblico sta aspettando il tuo ritornello.

Dopo tutto, è la parte più importante e memorabile della tua traccia.

Puoi giocare con quell’anticipazione con un breve pre-chorus.

Gioca con l’anticipazione dell’inciso con un breve pre-chorus.

Un pre-ritornello potrebbe essere breve quanto due battute, ma potrebbe essere lungo quanto la sezione delle tue strofe: dipende da te.

Un crescendo riconoscibile o una pausa nel pre-chorus può essere sufficiente per eccitare i tuoi ascoltatori per l’inciso che verrà.

Il ritornello è il punto cruciale della tua canzone

Il ritornello è la parte della tua canzone che vuoi che la gente ricordi.

Poiché si ripete dopo ogni strofa, dovrebbe essere il punto focale della tua canzone.

Liricamente vorrai consegnare il messaggio principale della tua canzone in un modo semplice e memorabile.

Tradizionalmente il ritornello doveva essere cantato insieme come un coro. Coro e chorus sono parole simili per un motivo.

Per rendere memorabile il tuo ritornello, hai bisogno di un buon gancio vocale.

Il ritornello è la parte della tua canzone che vuoi che la gente ricordi.

Una linea memorabile di parole affini con una semplice melodia che chiunque può canticchiare è un ottimo punto di partenza quando si scrive il proprio gancio vocale.

Il ponte per andare da qualche parte

Sapere quando usare una sezione di bridge e cosa fare con una di queste può essere un po’ confusionario.

Ma, in generale, ne userai uno verso la fine di una canzone tra gli ultimi due incisi.
O a volte prima dell’ultimo verso se ci sono tre strofe.

Sapere cosa mettere in un ponte è un’altra domanda, ci sono molte cose che puoi fare…

Alcuni artisti li usano per costruire un ritornello trionfante finale.

Mentre altri li usano per decostruire e ricostruire completamente la canzone.

Dipende da te come usi il tuo bridge, ricorda solo che l’obiettivo del ponte è riportare la canzone al ritornello.

Dipende da te come usi il tuo bridge, ricorda solo che l’obiettivo del ponte è riportare la canzone al ritornello.

In sostanza, il tuo bridge deve portare musicalmente l’ascoltatore da qualche parte.

Chiusura con la coda (o finale)

Terminare bene una canzone può essere un po’ complicato.

Potresti fare un fade out su una jam in studio, finire con un grosso accordo, tagliare bruscamente la canzone o cambiare completamente il ritmo.

Dipende da te come finisci la tua traccia, ma terminare una canzone in modo memorabile è abbastanza importante poiché è l’ultima cosa che chiunque ascolterà.

Non dimenticare di pensare a come l’outro avvolge anche qualsiasi aspetto lirico o musicale della tua traccia.

Liricamente potresti voler finire la storia che la tua canzone sta raccontando se l’ultima strofa e il ritornello non lo fanno già.

Sonicamente dovrai dare l’impressione di essere risolutivo o, a seconda della tracklist del tuo album, vorrai che il finale colleghi alla perfezione la canzone successiva.

La struttura della canzone esiste per essere cambiata

Per quanto siano utili per organizzare il tuo songwriting, non pensare che qualsiasi cosa tu scriva debba seguire una formula rigida.

Prenditi la licenza creativa per uscire dalle strutture musicali tradizionali quando vuoi.

La tua formula di songwriting vale solo se la tua traccia è qualcosa di cui sei orgoglioso.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post