LANDR BLOG

Creatore di BeatTeoria musicale

Allenamento dell’orecchio: suggerimenti teorici per un uso migliore dei campioni

Allenamento dell’orecchio: suggerimenti teorici per un uso migliore dei campioni

La musica basata su campioni potrebbe sembrare tanto lontana dalla teoria musicale tradizionale.

Eppure, comprendere le basi della teoria può aiutarti a fare musica migliore, indipendentemente dagli strumenti che usi.

La teoria può essere difficile, ma vale la pena conoscerla per applicarla al tuo flusso di lavoro, in questo caso con i campioni.

Ecco cinque suggerimenti per come allenare l’orecchio in modo da utilizzare meglio i tuoi campioni.

1. Prendilo in nota

Questo è il problema numero uno per i produttori quando si tratta di integrare campioni con contenuto armonico A seconda della tua esperienza con la teoria musicale, all’inizio può essere un po’ complicato e dovrai usare il tuo orecchio per aiutarti.

Per iniziare, devi identificare la chiave della tua traccia. Se scrivi canzoni improvvisando accordi e linee, potresti non sapere subito in che chiave è la tua canzone.

Ecco un suggerimento piuttosto importante: una canzone inizia normalmente su un’armonia tonica. Ciò significa che il primo accordo nella canzone può spesso dirti subito quale sia la chiave!

Una canzone inizia normalmente su un’armonia tonica.

Per chiudere completamente il caso dovrai guardare le tue progressioni armoniche. Cerca il momento armonico della canzone, l’accordo che sembra più stabile e più vicino alla “casa-base” della traccia.

Quindi analizza con i numeri romani per essere sicuro. Il segno più convincente che conferma una chiave è il movimento da un accordo dominante all’accordo tonico in cui una frase si siede.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/09/Ear-Training-Theory-Tips-for-Using-your-Samples-Better_VI.png

Fai attenzione a quei V-I!

Una volta determinata la chiave della traccia, devi trovare la relazione del campione con essa.

Ecco dove entra in gioco l’allenamento dell’orecchio! Se il tuo campione è una singola nota, dovrai trovare la relazione di intervallo tra il campione e la nota tonica della chiave della tua canzone.

Se hai bisogno di più pratica per identificare le relazioni di intervallo ad orecchio, dai un’occhiata alla nostra raccolta di app per la formazione dell’orecchio per sviluppare le tue abilità.

Infine, utilizza la funzione di trasposizione del campionatore per ri-intonare il campione del numero corretto di semitoni, trasponendolo in una nota nella chiave della traccia.

2. Prova le chiavi relative

Le chiavi relative sono chiavi maggiori e minori correlate che condividono la stessa tonalità della chiave.

Le chiavi relative sono chiavi maggiori e minori correlate che condividono la stessa tonalità della chiave.

Ogni chiave maggiore ha un relativo minore e ogni chiave minore ha un corrispondente relativo maggiore.

Ciò significa che una sequenza melodica di note può sempre funzionare in almeno due chiavi!

Anche se il tuo campione ha una melodia maggiore, potrebbe essere più interessante sul minore relativo e viceversa.

Per trovare il minore relativo di una chiave maggiore, prendi la scala con la stessa tonalità che inizia e termina al sesto grado.

Per trovare il maggiore relativo di una chiave minore, prendi la scala con la stessa tonalità che inizia e termina al terzo grado.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/02/Circle-Of-Fifths-Major-Triads.gif

E poi ci sono le modalità. Se sei disposto a uscire dalla scala maggiore, puoi utilizzare le formule di scala correlate per spostare le melodie campionate in diverse modalità!

Ad esempio, una melodia in Do maggiore che contiene il tono principale (Si) che suona su una radice di Fa è in realtà un Fa Lidio!

3. Conosci le tue qualità di accordi diatonici

Solo perché un campione contiene un accordo maggiore o minore non significa che sei limitato a usarlo come accordo tonico in una singola chiave (e relativo minore/maggiore).

Accordi maggiori e minori hanno entrambi un posto all’interno di una chiave. Questi sono chiamati accordi diatonici.

Gli accordi diatonici sono gli accordi costruiti su ogni grado della scala contenente solo note all’interno della chiave.

Gli accordi diatonici sono gli accordi costruiti su ogni grado della scala contenente solo note all’interno della chiave.

Ecco un utile diagramma per ricordare l’ordine delle qualità degli accordi sulla scala principale:

diatonic chords major scale

Guardando il grafico è facile vedere che ogni chiave ha tre accordi principali e tre accordi minori. Indipendentemente dalla chiave in cui ti trovi, avrai tre opzioni per entrambi se trasponi i tuoi campioni.

4. Effettua progressioni con accordi paralleli

Quando lavori con un campione che contiene un accordo, potresti sentirti un po’ limitato.

Dal momento che non puoi modificare le relazioni tra le note all’interno del campione, sei costretto a rimanere fedele a ciò che hai.

Ciò non significa che non sia possibile creare intere progressioni basate su un singolo campione armonico.

La trasposizione parallela può essere una tecnica di accordo interessante di per sé.

La trasposizione parallela può essere una tecnica di accordo interessante di per sé.

In effetti, ci sono molti esempi di canzoni classiche che sono costruite su accordi paralleli.

È un ottimo esempio di come a volte le limitazioni possano aumentare la creatività!

5. Sperimenta con il ritmo

Finora ho parlato solo di armonia, ma ci sono altrettante conoscenze teoriche che riguardano il ritmo.

Non è necessario che i ritmi campionati si abbinino perfettamente in blocchi. Prova a sfasare l’inizio e la fine dei groove di percussioni per vedere modi unici in cui possono stare insieme.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/09/Ear-Training-Theory-Tips-for-Using-your-Samples-Better_3against4.png

Potresti addirittura scoprire che questi accenti ritmici alternativi producono poliritmi, i quali aggiungono più pathos a loop altresì opachi.

Orecchie ben allenate

L’allenamento dell’orecchio è una delle componenti più importanti della teoria musicale.

Le abilità sviluppate attraverso l’addestramento dell’orecchio ti aiuteranno in ogni situazione musicale, anche quando si tratta di usare campioni.

Prova questi suggerimenti la prossima volta che fatichi con campioni e teoria musicale.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Michael Hahn

Michael Hahn is an engineer and producer at Autoland and member of the swirling indie rock trio Slight.

@Michael Hahn

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post