LANDR BLOG

Creatore di BeatIspirazioneVideo

Usare i loop significa imbrogliare? Come essere creativi con i suoni predefiniti

Preview of youtube video

Un acceso dibattito è in corso sin dagli albori del campionamento nella musica: l’uso di suoni prefabbricati significa imbrogliare?

Gli scettici affermano che puoi arrivare solo fino ad un certo punto prima che il tuo lavoro non sia più tuo. Ma è davvero una scorciatoia creativa usare i loop?

Nel 2021 la questione dovrebbe essere risolta. I suoni campionati hanno provocato esplosioni di creatività in quasi tutti i generi della musica moderna. Chiunque sbandieri il lato negativo non vede il potenziale nei flussi di lavoro basati su loop.

Ma non credermi sulla parola: in questo articolo analizzerò i principali motivi per cui i loop campionati sono creativi quanto qualsiasi altro strumento che hai come produttore.

Inoltre, spiegherò i modi più innovativi per lavorare con loro per creare musica nuova ed emozionante.

Iniziamo.


Tutti costruiamo sul lavoro degli altri

Prima di tutto, sfatiamo il mito che ogni artista crei il proprio lavoro interamente da solo.

Ogni creatore ha influenze e tecniche apprese, anche gli anticonformisti che hanno rivoluzionato il gioco con le loro innovazioni.


In effetti, molte delle materie prime utilizzate in musica all’origine possono essere fatte risalire a generazioni fa.

Sto parlando di elementi fondamentali come le comuni progressioni di accordi o i pattern di batteria.

Alcuni di questi sono radicati così profondamente che è impossibile dire chi li abbia “inventati”. Ogni artista che arriva li usa a modo suo per creare qualcosa di unico.

Si può dire lo stesso dei loop. Solo perché non hai creato un campione da zero non significa che non ci sia potenziale creativo nell’usarlo. Immagina se le persone assumessero lo stesso atteggiamento nei confronti di scale e accordi!

In parole povere, se hai creato tu stesso il risultato finale, è la tua composizione. Non importa quali strumenti hai usato.

In parole povere, se hai creato tu stesso il risultato finale, è la tua composizione. Non importa quali strumenti hai usato.

La tecnologia stimola l’innovazione

Ogni volta che esce una nuova tecnologia musicale, i detrattori sono pronti ad affermare che sta peggiorando la musica moderna.

Non sono qui per schierarmi su questo argomento, ma devi ammettere che il ritornello è familiare.

Il ragionamento è che i nuovi strumenti lo rendono troppo facile e gli artisti non hanno bisogno di sviluppare le abilità di cui avevano bisogno per un lavoro di qualità.

Invece, i più conservatori insistono che gli artisti dovrebbero pagare i debiti con i vecchi modi di fare musica prima di avere la possibilità di essere creativi.

È un atteggiamento piuttosto negativo, ma non ha mai infastidito nessuno che sia abbastanza motivato da realizzare la propria visione nonostante l’accesso limitato a strumenti professionali.



In effetti, il rovescio della medaglia di questo argomento è che la nuova tecnologia rimuove effettivamente le barriere che impediscono ai creatori di esprimere le proprie idee.

Guardando indietro, lo stesso vale per molte tecnologie precedenti. In confronto, l’affermazione dell’era degli anni ’60 che i sintetizzatori non sono veri strumenti sembra piuttosto stupida.

L’approccio migliore è semplicemente abbracciare il cambiamento e utilizzare gli strumenti che ti ispirano. Non preoccuparti di ciò che qualcun altro ha da dire!

Come essere creativi con i suoni predefiniti

L’approccio migliore è semplicemente abbracciare il cambiamento e utilizzare gli strumenti che ti ispirano. Non preoccuparti di ciò che qualcun altro ha da dire!

Con i grandi concetti dietro le spalle, parliamo di tecniche pratiche per usare i loop in modo creativo.

Ecco quattro idee per creare i tuoi loop con il tuo workflow.

1. Usa uno strumento basato su loop

Incollare i loop campionati sulla timeline è un modo perfetto per lavorare con i suoni prefabbricati.

Ma puoi sbloccare molta creatività interagendo più direttamente con i suoni che usi in una sessione.

Sto parlando dell’utilizzo di uno strumento basato su loop come LANDR Chromatic.


È un plugin di loop controllabile tramite MIDI che mette a portata di mano suoni stimolanti. Ogni patch di Chromatic è una selezione curata di loop chiamata set. I set sono sfogliabili da Mood per farti pensare fuori dagli schemi.

La parte migliore è quanto sia divertente suonare Chromatic come uno strumento e utilizzare gli effetti e i modificatori per creare nuovi suoni.

Rimarrai sorpreso di quanto sia facile suonare ed esibirsi con i loop.

2. Scatenati con gli effetti

Gli effetti audio sono uno dei modi migliori per trasformare un loop nella tua creazione musicale.

Gli effetti audio sono uno dei modi migliori per trasformare un loop nella tua creazione musicale.

Se non sei preoccupato di mantenere intatte le caratteristiche originali del tuo suono, non c’è limite a quanto lontano puoi spingerti.

Usare i loop in questo modo riguarda molto di più il sound design e la sperimentazione.

Invece di usare un suono per le sue caratteristiche musicali, puoi prendere la sua consistenza e scatenarti.

Con tutti i plugin creativi disponibili, puoi rendere un semplice campione completamente irriconoscibile con pochi effetti di inserimento.


Suggerimento:LANDR Chromatic è dotato di potenti effetti integrati per scolpire i suoni che troverai nei suoi set e stati d’animo. Tra effetti di filtro, ritardo, riverbero e lo-fi troverai tantissimi modi divertenti per elaborare i tuoi loop. E lungo la strada, imparerai qualcosa sulle catene di segnale e su come interagiscono i diversi effetti. È una vittoria per tutti!


3. Sperimenta con tono e tempo

Puoi facilmente cambiare un loop familiare in qualcosa di nuovo manipolando il tono e il tempo.

Se lavori in Ableton Live, la funzione Warp ti consente di adattare qualsiasi loop al contesto della tua canzone. Ma è molto di più se usato in modo creativo.

Prova a trasporre i loop verso l’alto o verso il basso, o cambia il loro tono per vedere dove altro potrebbero inserirsi in una traccia.

Potresti scoprire che i tuoi loop hanno una sensazione completamente diversa trasposta in una chiave diversa.

Suggerimento: LANDR Chromatic ti consente di manipolare intonazione e tempo al volo utilizzando i tasti neri sulla tastiera. Provalo per vedere come suonano i loop a velocità doppia, a metà tempo o con l’intonazione di ottave su e giù. I risultati potrebbero sorprenderti!

4. Estrailo dal contesto

Infine, è abbastanza comune vedere campioni organizzati rigorosamente per genere.

È un modo utile per scoprire i suoni, ma non è l’ultima parola su dove puoi usarli.

In effetti, il campionamento left-field è uno dei modi più entusiasmanti per sfidare le aspettative nella produzione musicale.

Il campionamento left-field è uno dei modi più entusiasmanti per sfidare le aspettative nella produzione musicale.

Gli artisti più innovativi hanno sempre sfidato le convenzioni, quindi cerca opportunità per utilizzare i loop in modi inaspettati.

Loop, stati d’animo e colori infiniti

Loops in music production aren’t going away anytime soon.I loop nella produzione musicale non scompariranno presto.

Se ti sei mai preoccupato di questioni di autenticità mentre li usi, non dovresti lasciare che ti impedisca di fare musica.

In effetti, non è probabile che questo tipo di critica obsoleta durerà ancora a lungo poiché gli artisti continuano a sviluppare musica nuova ed eccitante con i loop.

Ora che hai spunti di riflessione, torna alla tua DAW e continua a creare.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

LANDR

Various contributors from the LANDR team of music mentors.

@LANDR

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post




Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

LANDR

Various contributors from the LANDR team of music mentors.

@LANDR

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post