LANDR BLOG

Registrazione

Come produrre una sessione vocale in 6 passaggi

Come produrre una sessione vocale in 6 passaggi

Una buona ripresa vocale può sublimare o distruggere una traccia.

Ecco perché i migliori artisti e produttori si impegnano così tanto per registrare le voci nel miglior modo possibile.

Potresti pensare che della costosa attrezzatura professionale sia tutto ciò che serve per ottenere un suono eccezionale.

Eppure anche i migliori microfoni o preamp più fichi non contano se la performance è scadente o la registrazione non è stata eseguita correttamente.

Il vero trucco per ottenere tracce pulite e professionali è una produzione di qualità. È un processo che continua fino al master finale.

Una buona produzione vocale va oltre i microfoni che usi per registrare. È tutto il processo che attui durante una sessione per ottenere il risultato finale corretto per la tua traccia.

In questo articolo spiegherò come produrre una sessione vocale in 6 passaggi, anche se stai solo registrando te stesso.

Iniziamo.

1. Imposta la tua sessione DAW

Qualsiasi buona registrazione vocale inizia con la giusta configurazione nella tua DAW.

Prima avrai fatto il routing delle tue tracce, bus e I/O, prima potrai dimenticarti del tuo computer e concentrarti sulle prestazioni.



Qualsiasi buona registrazione vocale inizia con la giusta configurazione nella tua DAW.

Le voci sono ciò che conferisce alle tue tracce il loro elemento umano e il conseguente potere emotivo. Se sei sicuro che la tua DAW sia configurata correttamente, puoi metterti al lavoro e concentrarti nel dare tutto nelle tue riprese.

Il tuo setup DAW varierà a seconda del tuo flusso di lavoro, ma ecco le cose più importanti da ricordare per una sessione vocale:

  • Assicurati di registrare l’ingresso corretto della tua interfaccia audio
  • Assicurati di sapere come utilizzare la cartella delle takes o e il comping della tua DAW
  • Assicurati di sapere come entrare e uscire (punch in/out) per le sezioni difficili
  • Crea un bus per la tua voce nel caso avessi bisogno di più tracce

2. Scegli il microfono giusto e la configurazione adatta a te

Non tutti i microfoni funzionano perfettamente per ogni voce e stile di canto.



In effetti, il suono di diversi tipi di microfono può variare così tanto che scegliere il migliore non è sempre facile.

C’è molto da tenere in considerazione quando si tratta di scegliere un microfono. Se hai bisogno di una panoramica approfondita, consulta la nostra guida alla scelta del microfono.

Ma se stai solo cercando le nozioni di base, ecco cosa tenere a mente:

  • Abbina il tipo di microfono allo stile di canto
  • Pensa in anticipo al tuo mix
  • Sperimenta con diversi microfoni per trovare ciò che funziona per te

Scegliere il microfono giusto è importante, ma anche l’ambiente in cui registri è importante.

Scegliere il microfono giusto è importante, ma anche l’ambiente in cui registri è importante.

Non puoi semplicemente registrare la tua voce in una camera da letto non trattata e aspettarti di suonare bene come una cabina vocale professionale.

Tuttavia non è necessario pagare per costose sessioni in studio per ottenere un buon suono vocale. Puoi ottenere ottimi risultati usando alcune semplici tecniche se usi una cabina vocale fai-da-te.

Se vuoi leggere una guida completa alla costruzione di una cabina vocale fai-da-te, dai un’occhiata al nostro post tutorial; di seguito le questioni più importanti:

  • Usa materiali morbidi come coperte o cuscini per coprire le superfici dure
  • Cerca di evitare spazi angusti con pareti parallele
  • Concentrati sull’attenuazione dell’area direttamente dietro di te dove è puntato il microfono

Dovrai anche utilizzare un paio di cuffie chiuse per sentire bene te stesso ed un filtro anti-pop per diminuire clic e pops che escono mentre canti determinate parole.

3. Headroom, gain staging e mix del monitor

Il prossimo passo più importante per la produzione della voce è un buon mix del monitor.

Un monitor mix è ciò che senti nelle tue cuffie mentre canti.

Un monitor mix è ciò che senti nelle tue cuffie mentre canti.

Assicurati di avere un buon equilibrio tra la tua traccia strumentale e la tua voce in cuffia.

È importante sentire chiaramente, ma non così forte da cantare molto più piano di quanto faresti altrimenti.

Presta attenzione alle impostazioni nella tua interfaccia audio e DAW. Se senti un ritardo fastidioso, potresti avere un problema con la latenza.

Per risolverlo, puoi ridurre la dimensione del buffer della sessione DAW o abilitare il monitoraggio hardware sulla tua interfaccia.

Un trucco che molti produttori usano per far sentire i cantanti più a loro agio durante le registrazioni è aggiungere un leggero riverbero alle voci nel mix del monitor.

Questo può aiutare a creare l’atmosfera per una sessione vocale, ma assicurati di non stampare accidentalmente il riverbero sulla voce principale.

Imposta il riverbero su un canale aux in modo che non interferisca con le tue riprese vocali.

Mentre lavori sul mix del monitor, controlla il gain staging e l’headroom. Le voci possono essere estremamente dinamiche, quindi dovrai assicurarti di lasciare abbastanza spazio per i passaggi più forti.




Se hai bisogno di un aggiornamento sull’headroom, consulta la nostra guida per il gain staging, anche se la regola generale è di mantenere i tuoi picchi intorno a -9 dBFS con il grosso dei tuoi suoni intorno a -18 dBFS.

4. Riscaldati e non spingere troppo

È facile passare lunghi periodi a lavorare sulla voce quando vuoi davvero ottenere una ottima take.

Cantare richiede molto sforzo fisico, quindi devi assicurarti di non bruciarti la voce o ferire le tue corde vocali.

Cantare richiede molto sforzo fisico, quindi devi assicurarti di non bruciarti la voce o ferire le tue corde vocali.

Il modo migliore per prevenirlo è con un buon riscaldamento vocale.

Scegli un riscaldamento vocale che ti faccia sentire pronto a cantare comodamente per molto tempo e fallo ogni volta che inizi una sessione vocale.

Durante il monitoraggio, assicurati di rimanere idratato e di fare pause regolari. Non insistere se fai fatica o ti senti stanco, peggiorerà solo le cose!

5. Usa la tua DAW per aiutarti

Tutti sognano di seguire una perfetta interpretazione vocale al primo tentativo.

Non è impossibile, ma è molto più comune registrare su diverse riprese, entrando specificatamente nei punti più difficili, organizzando il tutto in un secondo momento in una traccia “comp”.

È qui che la potenza del tuo flusso di lavoro DAW brilla davvero.

Punching in significa avviare la registrazione in un punto specifico e registrare solo una piccola sezione della canzone.

In questo modo puoi isolare i passaggi difficili e provarli finché non ottieni la performance che desideri.

Se stai attento a mantenere tutto il resto uguale, puoi saltare in vari punti diversi della traccia, senza un preciso ordine.


Dovrai sperimentare per trovare esattamente il flusso di lavoro migliore, ma ecco l’idea di base:

  • Inizia con alcune riprese complete per avere un’idea della canzone
  • Punch in nei punti più difficili
  • Non logorarti su una singola sezione, cerca di ottenere materiale utilizzabile per ogni parte
  • Crea una traccia di comp, editando insieme i momenti migliori di ogni ripresa

6. Non preoccuparti se non funziona

Cantare bene dipende da tanti fattori.

Sentirsi non al 100%, stanco o anche solo poco entusiasta può far precipitare le tue sessioni vocali.

Sentirsi non al 100%, stanco o anche solo poco entusiasta può far precipitare le tue sessioni vocali.

Cerca di non metterti troppa pressione inseguendo la perfezione.

Dopo tutto, quando hai una configurazione da studio a casa puoi riprovare ogni volta che ne hai bisogno.

Le voci più fiche hanno sempre un senso di energia e stile. Se non ti senti all’altezza, potresti ottenere risultati migliori se riprovi quando sei pronto.

Detto questo, alcune delle più grandi performance vocali di tutti i tempi sono state il risultato di condizioni tutt’altro che ideali.

Concediti una possibilità, ma non scoraggiarti se i risultati non sono subito perfetti.

Ottime voci in studio

Registrare le voci è una delle situazioni di registrazione più difficili in cui ti puoi trovare.

Eppure puoi rendere la tua sessione vocale più facile per te stesso se segui queste linee guida quando registri.

Se hai superato questo articolo, avrai un’ottima idea di come produrre le tue sessioni vocali.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post