LANDR BLOG

RegistrazioneStrumenti musicali

Fonografia: 10 modi per usare il suono trovato nella tua produzione

Fonografia: 10 modi per usare il suono trovato nella tua produzione

Innovarsi nell’arte e nella musica significa spingersi oltre i confini e staccarsi dagli schemi tradizionali.

Un modo in cui i musicisti più avventurosi sfidano le convenzioni è usando suoni non musicali nel loro lavoro.

Gli elementi sonori del nostro mondo quotidiano possono essere parti importanti di una composizione musicale.

Catturare questi suoni allo stato brado si chiama registrazione sul campo (“field recording” anche conosciuta come fonografia). La fonografia apre infinite possibilità, eppure l’uso di questi “suoni trovati” nella tua produzione non è così facile come sembra.

Questo post ti spiegherà come incorporare le registrazioni sul campo nella tua musica e i modi creativi per manipolare quei suoni trovati nella tua DAW.

Che cos’è la registrazione sul campo?

La registrazione sul campo è il termine usato per descrivere qualsiasi registrazione audio che ha luogo al di fuori di uno studio di registrazione.

La registrazione sul campo è il termine usato per descrivere qualsiasi registrazione audio che ha luogo al di fuori di uno studio di registrazione.

La registrazione sul campo deriva dalla pratica del lavoro sul campo. I ricercatori viaggiano verso culture e luoghi diversi dai loro e documentano ciò che trovano lì.

Negli anni ’40, il compositore Pierre Schaeffer iniziò a sperimentare con la registrazione della voce umana e degli ambienti naturali.

Queste composizioni uniche furono gli inizi della Musique Concrete, che gettò le basi per gran parte della musica sperimentale e d’avanguardia di oggi.

In passato, l’acquisizione di registrazioni sul campo richiedeva attrezzature costose e competenze specialistiche. Oggi, grazie alla tecnologia moderna, chiunque abbia uno smartphone ha la possibilità di registrare audio.

Per iniziare: di quale attrezzatura hai bisogno?

Tutto ciò che serve per acquisire registrazioni sul campo è un microfono, un dispositivo di registrazione e un set di cuffie.

Se hai uno smartphone, hai già un dispositivo in grado di effettuare registrazioni sul campo.

Se hai uno smartphone, hai già un dispositivo in grado di effettuare registrazioni sul campo.

Se hai uno smartphone, hai già un dispositivo in grado di effettuare registrazioni sul campo.
Tuttavia, se investi in un dispositivo specifico per la registrazione sul campo otterrai una qualità audio superiore e alcune utili funzioni per il tuo flusso di lavoro.

Dai un’occhiata al nostro elenco dei 13 migliori registratori sul campo per iniziare a catturare i suoni del mondo che ti circonda.

Quali tipi di suoni dovresti registrare?

Il bello della registrazione sul campo è che puoi catturare qualsiasi suono tu possa immaginare di usare nelle tue tracce.

Una volta deciso il tipo di attrezzatura che desideri utilizzare, è ora di uscire e iniziare a registrare.

Ecco alcune idee per cominciare con la registrazione sul campo:

  • voci umane
  • conversazioni incoerenti lontane
  • suoni della natura
  • suoni industriali come macchine, costruzioni, ecc.



Come utilizzare la registrazione sul campo nelle tue produzioni

Una volta acquisite le registrazioni sul campo, dovrai incorporarle nelle tue tracce.

La stratificazione di suoni trovati su elementi musicali è un ottimo modo per aggiungere profondità e interesse ad una traccia.

La stratificazione di suoni trovati su elementi musicali è un ottimo modo per aggiungere profondità e interesse ad una traccia.

Ma puoi anche essere creativo manipolando i suoni con effetti o usando le registrazioni per creare elementi musicali come ritmi o linee di basso.

Le possibilità sono praticamente infinite, ma ecco alcuni suggerimenti su come lavorare con le registrazioni sul campo nel DAW:

1. EQ

Può sembrare ovvio, ma ci sono molti modi creativi e utili per usare l’EQ.

Forse vuoi solo isolare determinati suoni dalla tua registrazione filtrando le frequenze indesiderate.

Puoi anche usare l’EQ per evidenziare determinate frequenze e creare suoni innaturali ed interessanti.

2. Gating

Il gating è una tecnica leggermente più avanzata che può isolare completamente determinati suoni dalla tua registrazione.

Insieme alla compressione, il gating è uno degli strumenti principali per il controllo della gamma dinamica.

Una delle sfide che potresti dover affrontare durante la registrazione all’aperto è la raccolta di rumori di fondo eccessivi.

L’impostazione della soglia del gate nel DAW determina il livello in cui verrà attivato e interrotto il segnale.

Qualunque cosa al di sopra della soglia non verrà toccata, mentre qualsiasi cosa al di sotto verrà tagliata. Ottimizzare l’attacco e il rilascio ti aiuterà a rendere il suono del gate naturale e trasparente.

3. Trasposizione

La trasposizione è il processo di regolazione del tono della registrazione, ma può alterare completamente la sensazione di un suono.

Questa è un’ottima tecnica da utilizzare con le registrazioni vocali. Regolare l’intonazione su o giù anche solo di alcuni semitoni può dare alla registrazione un’atmosfera ultraterrena.

4. Riverbero e delay

L’aggiunta di riverbero o delay ad una registrazione sul campo è un modo semplice ed eccezionale per aggiungere profondità alla traccia.

Tra il plugin di riverbero integrato della tua DAW e quelli di sviluppatori di terze parti, ci sono letteralmente migliaia di riverberi e stili di delay tra cui scegliere.

Sperimenta con i parametri di riverbero e delay per accentuare densità, riflesso e forma, in modo da aggiungere un interesse spaziale alla tua traccia.

5. Panoramica

Giocare con il panning della registrazione sul campo è un’altra tecnica semplice per aggiungere interesse spaziale alle tue tracce.

Per la voce o i suoni della natura, prova a utilizzare tracce duplicate con panning alle estremità opposte del campo stereo.

È anche possibile sovrapporre i suoni in modo che il tempo sia leggermente “fuori”, il che creerà profondità e un effetto simile al ritardo nella registrazione sul campo.

Se vuoi sperimentare qualcosa di più complicato del pan integrato nelle tue tracce audio, proprio come il riverbero, ci sono un sacco di possibilità per eseguire il panning delle tue registrazioni sia nei preset nella DAW, sia attraverso plugin esterni.

6. Inversione o Reverse

Un modo semplice per manipolare i suoni trovati è semplicemente metterli al contrario.

Ciò può aggiungere un’atmosfera minacciosa alle registrazioni vocali o creare un suono completamente nuovo se utilizzato su registrazioni di macchinari.

Prendere alcuni dei tuoi suoni e usarli sia velocizzati che in reverse in una traccia è una tecnica eccezionale quando usi le registrazioni sul campo come strumento.

7. Tagliuzzare

A seconda di come usi le tue registrazioni sul campo nelle tue tracce, stratificare morsi e pezzettini in un ordine senza senso è un altro modo che puoi adoperare per aggiungere interesse e profondità alla tua traccia.

8. Sidechaining

Le regole sono pensate per essere infrante e puoi creare alcuni effetti interessanti usando i sidechain in modi non tradizionali.

Se hai una registrazione di una trama o di un suono statico, prova a collegarlo ad un elemento percussivo come un loop di batteria. Disattiva l’audio del loop e vedi che tipo di curve di volume ritmiche emergono.

9. Creare strumenti personalizzati

L’uso di uno strumento o di un campionatore personalizzato nella DAW è un ottimo modo per creare pattern di batteria, linee di basso o parti di synth.

Molti produttori usano brevi campioni di suoni diversi (casse, piatti, ecc.) per scrivere i propri pattern.

Prima di farlo, probabilmente vorrai utilizzare il suggerimento citato precedentemente per tagliuzzare le tue registrazioni.

Affetta ogni registrazione in più segmenti di una battuta e poi nel tuo strumento personalizzato.

In questo modo è possibile creare arrangiamenti e regolare i parametri di ogni singolo suono mentre si procede.

10. Usare plugin creativi

Esistono migliaia di VST di terze parti che è possibile acquistare o scaricare per elaborare i suoni trovati in modi unici.

Ecco alcuni plugin ideali per l’elaborazione delle registrazioni sul campo:

Sinevibes Hologram
Questo processore di effetti ri-sintetizza il suono in tempo reale. Converte il tuo suono in una serie di onde sinusoidali correlate di frequenze diverse.

Due modulatori flessibili a forma d’onda multipla applicano movimento ritmico al suono ri-sintetizzato. In questo modo è possibile creare linee di basso, parti di synth e pattern di batteria dalle registrazioni sul campo.

MDSP Smart Electronix Livecut Beat Chopper
Un beat-slicer dal vivo che è un algoritmo pensato per simulare il taglio automatico di breakbeat come lo stile dei primi jungle e tracce di drum and bass. Potresti ottenere risultati davvero interessanti se riuscissi a tagliare pezzi di registrazioni sul campo attraverso questo VST gratuito.

Stagecraft Echothief
Echothief è un riverbero di convoluzione che ti consente di modellare spazi reali con convoluzione. Le tecniche IR avanzate di Stagecraft ti danno accesso alla risposta all’impulso di spazi troppo rumorosi per essere registrati con metodi tradizionali.

Le possibilità quando si usano i plugin con le registrazioni sul campo diventano infinite, dai un’occhiata a questo elenco di migliori plugin VST gratuiti di sempre per un elenco solido di plugin di effetti per aggiungere un tocco unico ai suoni trovati.

Registrare il mondo intorno a te

Proprio come la produzione di musica digitale, l’incorporazione delle registrazioni sul campo nei brani consente infinite possibilità.

Può essere difficile sapere come utilizzare bene le registrazioni sul campo nelle tue tracce e farle sembrare coerenti con la tua musica, ma con alcuni effetti semplici e tecniche di produzione di base puoi fare diventare musicali anche suoni non musicali.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post