LANDR BLOG

IspirazioneTeoria musicale

Dominanti secondarie: come aggiungere drammaticità alle tue progressioni di accordi

Dominanti secondarie: come aggiungere drammaticità alle tue progressioni di accordi

Tirare fuori nuove idee mentre si compongono canzoni è una sfida continua per qualsiasi artista.

Quando il pozzo si prosciuga devi usare tutti i trucchi che conosci per riaccendere quella scintilla di creatività.

Fortunatamente, la teoria musicale è uno dei posti migliori in cui rifugiarsi per allargare la tua gamma di idee.

Oggi spiegherò un concetto di teoria musicale che può aiutare le tue progressioni di accordi a staccarsi dal tracciato ed avventurarsi al di fuori della tonalità.

Si chiamano dominanti secondarie.

Cosa sono le dominanti secondarie?

Le dominanti secondarie sono accordi esterni alla tonalità principale e sono correlati agli accordi in una progressione da una relazione V-I.

Può sembrare piuttosto tecnico, ma non è così complicato.

Se vuoi tornare ripassare le basi, dai un’occhiata a come sono costruiti gli accordi sui gradi della scala e magari fai un piccolo aggiornamento sulle armature delle chiavi o sul circolo delle quinte se ne hai bisogno.

Perché usare le dominanti secondarie?

Scrivere canzoni in cui ogni singolo accordo proviene dalla tonalità madre può diventare stantio abbastanza velocemente.

Ovviamente non c’è limite a ciò che puoi fare con gli accordi diatonici di base. Ebbene, cambiare le aspettative dei tuoi ascoltatori con altri accordi, è una tecnica incredibilmente potente.

Le dominanti secondarie sono un’ottima scelta per portare accordi progressivi correlati ma non familiari nelle tue progressioni.

Le dominanti secondarie sono un’ottima scelta per portare accordi progressivi correlati ma non familiari nelle tue progressioni.

Spiegazione sulle dominanti secondarie

Se ti senti a tuo agio con le tue armature di chiave e quelle strettamente correlate, ti fornirò un esempio per aiutarti a spiegare il concetto di dominanti secondarie.

Immagina una progressione di accordi di base I-IV-V-I. È facile sentire la tensione crescere e rilasciare mentre l’accordo tonico si sposta su una posizione predominante, dominante e poi di nuovo indietro.

Come nella maggior parte delle progressioni di accordi, qui, l’accordo di V è il punto più alto del dramma e della tensione.

Per costruire l’intensità mentre vai verso V devi usare un altro accordo dominante. In questo caso è facile.

Proprio prima del IV nella progressione corrente, aggiungerò il settimo accordo dominante dell’accordo IV stesso alla progressione.

Ecco come suona e come è scritto con numeri romani.

V7/IV tira con più forza l’accordo tonico verso IV e sottolinea l’armonia predominante prima di V7.

Scrivere canzoni in cui ogni singolo accordo proviene dalla tonalità madre può diventare stantio abbastanza velocemente.

V7/IV può sembrare leggermente come un campanello d’allarme, ma ha molto più senso quando si valutano i nomi delle note stesse.

IV nella chiave di Do maggiore è F. Per trovare V7/IV, conta fino al quinto grado come se fossi nella chiave di Fa maggiore.

Dire ad alta voce un accordo V7 su questo livello di scala ti dà C7: C-E-G-Bb

Questo è tutto! V7/IV in Do maggiore è C7. Ora dai un’occhiata agli accordi diatonici a quattro note.

L’accordo di quattro note costruito sul primo grado della scala maggiore C è CMaj7. La sua formula è: C-E-G-B

Nota come sia solo un incidente lontano da V7/IV.

Questo è ciò che significa che le chiavi sono strettamente correlate. Do maggiore e Fa maggiore sono a un passo l’una dall’altra sul circolo delle quinte.

Ciò significa che condividono tutte le loro note tranne una: Bb.

Significa anche che gli accordi in prestito da questa chiave non suoneranno troppo fuori posto. Sono strettamente correlati!

Questo è ciò che significa che le chiavi sono strettamente correlate. Do maggiore e Fa maggiore sono a un passo l’una dall’altra sul circolo delle quinte.

Dove usare le dominanti secondarie nelle tue canzoni

Le dominanti secondarie sono particolarmente facili da usare se hai una solida conoscenza delle armature di chiave e dell’ortografia degli accordi.

I più comuni nella musica pop funzionano come accordi predominanti prima di IV e V, sebbene possano essere usati anche prima di altri accordi.

Ecco un esempio per aiutarti ad ottenere il suono.

Nell’intro di “Bohemian Rhapsody”, il coro multitraccia canta due ricche dominanti secondarie.

V7/V appare nella seconda misura per enfatizzare il terzo accordo della progressione: V7. E V7/IV aiuta la canzone a sedersi stabile e riposare sull’armonia predominante nella misura sette.

Ecco la progressione:

Fantastiche tecniche di scrittura

Le dominanti secondarie sono uno dei tanti strumenti ispiratori di songwriting che puoi imparare dalla teoria musicale.

Potrebbe essere necessario un po’ di pratica con le armature di chiave e la costruzione degli accordi per sentirsi a proprio agio con loro, ma una volta fatto avrai accesso ad un suono potente nelle tue progressioni di accordi.

Ora che hai un’idea di cosa siano le dominanti secondarie, ritorna alla tua sessione e continua a scrivere canzoni.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post