LANDR BLOG

Creatore di BeatIspirazioneStrumenti musicali

Editare MIDI: 6 suggerimenti essenziali per tracce MIDI migliori

Editare MIDI: 6 suggerimenti essenziali per tracce MIDI migliori

Editare MIDI può essere noioso. Niente ti toglie dal flusso di scrivere canzoni come passare troppo tempo a spostare eventi MIDI su un piano roll.

Ma può anche non essere così frustrante. Ci sono molti trucchi utili che puoi usare per velocizzare il tuo editing MIDI e creare parti più espressive.

In questo articolo esaminerò sei tecniche di editing MIDI che puoi inserire nel tuo flusso di lavoro immediatamente.

1. Piega il piano roll

Ableton Live (e alcuni altri DAW) possono condensare il roll del piano MIDI di una clip per visualizzare solo le note attive.

Se stai programmando una drum rack con solo sedici campioni attivi, non è necessario vedere tutte le 128 posizioni delle note MIDI, in effetti le note in eccesso potrebbero anche essere fonte di confusione.

fold piano roll midi

Piega il piano roll e rimani concentrato sulle note che contano.

Piega il piano roll e rimani concentrato sulle note che contano.

Suggerimento: un’altra nuova funzionalità estremamente utile di Ableton Live 10 è la possibilità di modificare più clip MIDI nella stessa modalità di vista.

Coordinare le relazioni tra più clip è estremamente difficile quando non riesci a vedere le note che hai già messo giù.

La modifica di più clip consente di visualizzare tutte le parti contemporaneamente.

2. Disegna le velocità con lo strumento penna

Non è necessario trascinare i singoli cursori uno per uno o inserire le note con una tastiera per dare alle tue note MIDI valori di velocità personalizzati.

Se passi dal puntatore allo strumento penna nella DAW, puoi fare clic e trascinare per regolare nuovamente tutti i valori sulla corsia di velocità di una traccia MIDI.

Puoi anche disegnare in forme che imitano le onde sinusoidali o triangolari come se un LFO modulasse la tua velocità MIDI.

editing midi velocities

Suggerimento:  è possibile evidenziare tutte le velocità in una selezione per ridimensionarle in base allo stesso fattore.
Ciò può essere utile per modificare la velocità complessiva di un’intera clip o passaggio.

3. Quantizza gli eventi di attivazione e disattivazione

Il menu di quantizzazione ha molte opzioni.

quantize midi in ableton

Se ti stai solo concentrando su come ottenere le parti in tempo, potresti quantificare le tue inserzioni e lasciare che le terminazioni delle note vengano modificate manualmente.

Ma quantizzare il tempo di spegnimento della nota può farti ottenere subito parti più pulite.

Ti insegna anche a prestare attenzione a tutti i tuoi gesti musicali quando suoni parti con una tastiera. Ottimizzare la durata delle note durante l’esecuzione è una buona pratica!

A proposito di …

4. Riproduci brani musicali su una tastiera

L’immissione manuale delle note con una tastiera offre numerosi vantaggi.

Non dovrai lottare per umanizzare la tua performance dopo il fatto se inizi con una performance umana!

Otterrai anche una buona diffusione delle velocità colpendo i tasti con intensità diversa mentre suoni.

Anche se è una linea semplice che puoi facilmente tracciare, prova a riprodurla sul tuo controller MIDI. È probabile che finirai con un aspetto più naturale alla parte.

5. Utilizzare groove e quantizzazione parziale

La quantizzazione è uno strumento potente. Far scattare note in posizione sulla griglia è ciò che rende la composizione elettronica elettronica così facile e divertente.

Ma non è necessario quantizzare al 100% di intensità ogni volta. Valori di quantizzazione più bassi possono sembrare molto più naturali.

Sperimenta con le impostazioni di quantizzazione per scoprire quali valori producono i migliori risultati sonori per le tue parti.

Sperimenta con le impostazioni di quantizzazione per scoprire quali valori producono i migliori risultati sonori per le tue parti.

A volte il feedback visivo di DAW può giocare brutti scherzi. Vedere quanto sei lontano dalla griglia è frustrante. Ma in molti casi non è necessario riparare tutto.

Spesso una performance completamente non qualificata può aggiungere profondità e interesse a un passaggio. Non dimenticare di provarlo!

Groove quantize ti permette di quantizzare ad un ritmo che devia musicalmente dalla griglia.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/07/MIDI-Editing-6-Tips-for-Editing-Better-MIDI-Tracks_ABT_groovepool.jpg

La definizione di un “groove” non è semplice, ma la maggior parte dei DAW viene fornita con una selezione di groove che corrispondono a note note come swing.

Il groove potrebbe essere quello che ti manca se le tue parti MIDI suonano troppo rigide e meccaniche.

Il groove potrebbe essere quello che ti manca se le tue parti MIDI suonano troppo rigide e meccaniche.

Il groove viene applicato come percentuale in modo da poter ottenere qualsiasi cosa, dal sottile miglioramento ai ritmi completamente oscillati.

6. Sapere quando consolidare il MIDI in audio

A volte è più pratico gestire l’audio che il MIDI.

Se stai utilizzando molti plug-in ad alta intensità di risorse che rallentano la sessione, potresti dover eseguire il rendering dei loro dati MIDI come audio per continuare a mixare.

A seconda del DAW, questa funzione può essere definita consolidando, congelando, appiattendo o rimbalzando sul posto. Ti permette di registrare l’audio che esce dai tuoi plugin su tracce regolari.

Una volta convertite le tracce in audio, puoi nascondere, disabilitare o eliminare i plugin affamati della CPU.

L’unico aspetto negativo è che non è possibile modificare liberamente le note o i parametri dopo aver congelato una traccia. Per farlo dovrai riattivare il plugin e creare un altro rimbalzo!

Ma questa tecnica non è solo per il risparmio delle risorse del computer.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/07/MIDI-Editing_freeze_flatten_sm.gif

La modifica dell’audio a volte può essere più semplice dell’utilizzo dell’automazione sulle tracce MIDI.

La modifica dell’audio a volte può essere più semplice dell’utilizzo dell’automazione sulle tracce MIDI.

Le dissolvenze e altre operazioni di livellamento delle clip sono molto più semplici da creare direttamente sulla clip audio rispetto all’automazione su tracce MIDI.

Lettera all’editore MIDI

Non puoi mai avere troppi consigli e trucchi per l’editing. Trascorrere meno tempo manipolando eventi MIDI significa rimanere concentrati sulla riproduzione di musica.

Prova queste tecniche la prossima volta che ti accerti di modificare parti MIDI.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post