LANDR BLOG

Mix e masteringStrumenti musicali

Tutto Quello Che i Musicisti Devono Sapere al Riguardo del Formato dei File Audio

Tutto Quello Che i Musicisti Devono Sapere al Riguardo del Formato dei File Audio

Istruisciti e scegli il formato giusto per la tua musica.

Anch’io l’ho fatto.

La risposta è semplice. Tutto dipende da quali sono le tue esigenze. Sia che tu stia inviando demo, costruendo la tua distribuzione digitale di musica, o archiviando le tue tracce, il formato dei file è importante, su tutti i campi.

Per aiutarti a scegliere il formato di file migliore per la tua musica, ecco tutto quello che devi sapere sui formati audio.

E cosa ancora più importante, qual è l’uso migliore per ognuno di essi.

COMPRESSIONE: PRIME IMPRESSIONI

Comprendere tutti i formati dei file vuol dire sapere di compressione.

Non intendo il tipo di compressione che hai applicato su una traccia nel tuo software DAW in fase di elaborazione. Sto parlando di compressione del file.

La compressione rende un file più piccolo per risparmiare tempo e spazio nello streaming, nel download o archiviazione.

MA COSA SUCCEDE QUANDO COMPRIMI?

Esistono 3 tipi di compressione di file:

Non compresso (so che stai sbattendo la mano sulla scrivania in questo momento dicendo che “non compresso non è un TIPO di compressione”, ma ho messo qui perché rende tutto un po’ più chiaro, fidati.),compressione con e senza perdita di dati.

I file non compressi e senza perdita di dati, mantengono intatti i dati originali.

La compressione con perdita di dati invece, rimuove questi dal file originale per ridurne le dimensioni.

Quindi, più compresso è un file a perdita di dati, più dati perderai.

La compressione con perdita di dati non vuol dire che tutta la traccia di batteria sta per essere cancellata. Toglie semplicemente audio che l’orecchio umano di solito non può sentire. Forse solo i cani possono sentirlo?

Ad ogni modo, se vuoi vuole veramente sapere cosa viene eliminato quando comprimi, ascolta ciò che si è perso quando converti un file in MP3.

CAPIRE I TIPI DI COMPRESSIONE

Ecco un modo semplice per comprendere ogni tipo di compressione:

  • Un file non compresso è una copia esatta dell’originale. Non viene perso nessun dato. Pensa al file non compresso come ad un dipinto originale.
  • I file senza perdita di dati (lossless) vengono compressi per ottenere file di dimensioni leggermente più piccole, mantenendo intatti i dati originali. Un file di questo tipo è identico al dipinto originale, solo che è arrotolato fino a quando non si desidera srotolarlo per ammirarlo.

I file con perdita di dati (lossy) sono i più compressi. Alcuni dati originali vengono eliminati durante la compressione. Questi file sono versioni più piccole dell’originale: il quadro è lo stesso, ma si sono persi alcuni dettagli.

formats_c

Quindi, ora che capisci cos’è la compressione, ti stai probabilmente chiedendo come ciascun file viene compresso.

Non preoccuparti, sono qui per spiegartelo.

Come ogni tipo di file è compresso

  • Formati non compressi

I file non compressi non sono affatto compressi (ovviamente). I formati più comuni di file non compressi sono WAV e AIFF.

Questi sono quelli che in genere vengono esportati dal DAW. Se duplichi un brano in formato WAV, ottieni una copia esatta non compressa dell’originale.

  • Formati compressi senza perdita di dati

I file compressi senza perdita di dati, sono compressi ma conservano le proprietà originali proprio come un file WAV. Questi vengono scompattati quando vengono aperti.

Il più comune formato compresso senza perdita di dati è il FLAC. Apple ha anche il proprio formato chiamato ALAC se hai a che fare con iTunes.

Il FLAC rende la dimensione del file più piccolo di un WAV, preservando i dati originali. Ma la dimensione del file, tende ad essere ancora troppo grande.

  • Formati compressi con perdita di dati

I file compressi con perdita di dati, sono il formato audio più comune. Il formato più utilizzato è l’MP3. Ma altri tipi di file includono OGG, WMA e AAC.

L’aspetto negativo di compressione con perdita, è che in realtà sottrae alcuni dei dati originali.

Ma il vantaggio è che sono più piccoli, si caricano rapidamente e occupano meno spazio.

I file in questo formato, possono essere ad alta risoluzione o bassa risoluzione a seconda di quanto sono compressi. Maggiore è la qualità, meno dati vengono persi.

LA VERITÀ SULLA VELOCITÀ DI TRASMISSIONE (Bit-Rate)

La qualità di un file audio è determinata dal suo bit-rate.

Il bit-rate si riferisce alla quantità di dati elaborati al secondo. Questo è ciò che 320 e 192 significano negli MP3.

Quindi, un MP3 con un bit-rate di 320, dispone di 320 kilo bit di dati audio al secondo (o in breve kbps).

File WAV e AIFF non compressi, sono normalmente 1411kbps.

Bit-rate più grandi, significa più dati al secondo. Più dati al secondo significa un suono migliore. Abbastanza semplice giusto?

Quindi ora a capisci le basi di compressione, tipi di file e bit-rate, giusto? Bene. Continuiamo.

Ora arriva quella domanda che scotta…

QUAL’ È L’UTILIZZO MIGLIORE PER OGNI FORMATO?

Se dovessi includere tutti i singoli formati audio.

staremo qua per ore. Son sicuro che hai posti dove andare e musica da produrre, giusto?

Quindi la farò semplice e veloce. Ecco qual’è l’utilizzo migliore dei tre formati più comuni: WAV, 320 MP3 e 192 MP3.

Il WAV

I WAV, sono la cima della piramide. Sono la Cadillac dei formati audio. Un WAV dà un suono pulito e frizzante rispetto ad altri formati compressi.

Se stai condividendo demo con un’etichetta, trattando con un editore o inviando musica ad un mezzo di comunicazione come un blog, è necessario un WAV masterizzato.

1512-38_mixtape-700x366

Un WAV garantisce che il miglior suono possibile ti rappresenti.

Quando masterizzi musica, utilizza sempre il formato WAV per importarla.

I WAV possono essere anche convertiti successivamente in tutti gli altri formati. Quindi un WAV ti coprirà le spalle per tutte le tue esigenze di formattazione.

L’unico aspetto negativo dei WAV, è che i file sono di grandi dimensioni. Mangiano un sacco di spazio sul disco rigido. Ciò significa che il computer, il telefono, l’iPod o Dropbox, si riempiranno piuttosto velocemente se utilizzi solo i WAV.

Ma quando si tratta della propria musica, è necessario disporre di un backup con i WAV di tutte le tracce.

La maggior parte delle piattaforme di condivisione, richiedono i WAV durante il caricamento della musica per la distribuzione. Per esempio: iTunes e Amazon richiedono entrambi WAV di alta qualità per i loro servizi.

Il 320MP3

Il 320kbps MP3 è il tipo di file più comune. E c’è un motivo. È la combinazione perfetta di entrambi i casi.

Sono file compressi in dimensioni gestibili. Ma hanno anche un suono piacevole e ricco per la riproduzione.

Se stai ascoltando in streaming on-line, è probabile che sia a 320. Ad esempio: tutto lo streaming in alta qualità su Spotify è a 320kbps.

Il 320MP3 è ideale per condividere il tuo miglior suono possibile, risparmiando spazio prezioso sul disco e tempo di caricamento.

Il 192MP3

Il 192kbps MP3 è un formato da lavoro. Questi sono MP3 rapidi e sporchi per quando hai bisogno di qualcosa di veloce e facile da condividere.

Sono ottimi per il trasferimento di tonnellate di file in una volta sola, per l’anteprima del tuo catalogo intero, o per riferimenti rapidi e condivisione di tracce.

Il bitrate più basso, provoca più degrado di un MP3 320kbps compresso con perdita di dati, ma la differenza è spesso difficile da notare. Vedi se riesci a trovare la differenza e fai il test.

I 192MP3 sono uno strumento ideale per i musicisti che hanno bisogno di condivisione veloce ed efficiente o per lo streaming della loro musica.

Suggerimento: Se stai utilizzando il tuo lettore streaming sul tuo sito web del progetto, un 192kbps MP3, renderà la tua pagina più veloce nel caricamento.

NESSUN FORMATO LASCIATO ALLE SPALLE

Ogni formato ha i suoi utilizzi. La scelta del formato giusto, è tutto a seconda del contesto.

Quindi, pensa a cosa stai condividendo e dove lo stai condividendo. È il formato adatto?

Masterizzare in WAV, è la soluzione migliore per tutte le esigenze di condivisione.

Una volta che hai un WAV masterizzato, convertire in qualsiasi altro formato è un gioco da ragazzi.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post