LANDR BLOG

Creatore di BeatRegistrazione

Come scegliere il campione perfetto di cassa per la tua traccia

Come scegliere il campione perfetto di cassa per la tua traccia

La grancassa può essere l’elemento determinante di una canzone, quindi se non funziona, le tue tracce mancheranno di quel tocco magico.

Scegliere il campione di cassa giusto è fondamentale per dare impatto alle tue tracce. Abbiamo appena rilasciato il sample pack “I migliori 50 campioni gratuiti di cassa“, e questa cosa ci ha fatto pensare…

Cosa rende una cassa normale una buona cassa? E come scegli le grancasse giuste per le tue tracce?

Ci sono così tanti campioni di casse fantastici in giro che trovare la cassa perfetta è una continua sfida.

La chiave è sapere cosa ascoltare.

In questo articolo, fornirò 7 suggerimenti che ti aiuteranno a scegliere il miglior campione possibile di cassa per la tua traccia.

1. Ascolta nel contesto

Scegli la cassa giusta che si inserisce nel contesto della tua traccia. Una cassa può suonare alla grande da sola. Ricorda però che i tuoi campioni devono funzionare con il resto del tuo mix prima di tutto.

Anche se non hai ancora registrato tutto, usa quello che hai già per aiutarti a scegliere.

La tua cassa è un elemento importantissimo. Ha bisogno di più contesto possibile per capire se funziona.

La tua cassa è un elemento importantissimo. Ha bisogno di più contesto possibile per capire se funziona.

Esistono molti modi per ascoltare i campioni nella tua DAW. Il modo più semplice è aggiungerli su tracce separate e attivare/mettere in muto l’audio per confrontarle.

Ableton ha una funzione integrata (“hotswap”) per confrontare campioni sulla timeline o all’interno di Drum Racks e Simpler. È indicato dal cerchio e dalle frecce accanto ai file nel browser.

2. Stai attento all’envelope

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/11/envelop_1200x627_3-1.jpg

L’attacco ed il rilascio dei suoni di cassa sono cruciali nel tuo mix. I kick samples possono avere molteplici tipi di envelope.

Da clic stile staccato a toni rotondi tipo basso, le specifiche qualità di attacco e decadimento del tuo campione di cassa devono essere in linea con il resto della traccia.

Se la grancassa ha una coda troppo lunga o un attacco troppo lento, dovrai utilizzare l’ADSR del tuo campionatore per assicurarti che non sia in conflitto con altri elementi della tua traccia.

Certo, potresti non essere in grado di raggiungere la perfezione: c’è un limite a ciò che può essere fatto manipolando l’envelope di un campione.

3. Presta attenzione allo spettro EQ

Devi abbinare il contenuto armonico generale del tuo campione di cassa con il resto della traccia.

Evita di incastrare un campione con un bilanciamento di frequenze fortemente contrastante, nella tua traccia. Può non valerne la pena ed EQualizzare può aiutare solo fino ad un certo punto.

Cerca di abbinare cose come la distribuzione delle frequenze e la quantità totale di saturazione.

Un mix carico al limite potrebbe richiedere una cassa che pompi, ma lo stesso campione potrebbe distrarre in una composizione minimale.

Anche l’interazione tra cassa e linea di basso è fondamentale. Mixarle per bene è molto più difficile se la cassa ed il basso occupano esattamente lo stesso spazio.

Anche l’interazione tra cassa e linea di basso è fondamentale. Mixarle per bene è molto più difficile se la cassa ed il basso occupano esattamente lo stesso spazio.

Considera lo spettro di frequenza mentre scegli i campioni di cassa e pensa al tuo mix prima ancora di iniziare, specialmente in relazione ad altri elementi bassi in tonalità come, per esempio, la tua linea di basso.

4. Preparati a stratificare

In molti casi non sarai in grado di ottenere la cassa perfetta per la tua traccia con un solo campione di cassa.

Non aver paura di intensificare il tuo campione originale con altri suoni. La stratificazione dei campioni è una tecnica potente.

Se ti ritrovi a utilizzare le curve EQ radicali solo per ottenere più di una certa qualità sonora nella tua cassa, prova a sovrapporre un altro campione che predispone dello stesso carattere a quello che stai cercando.

In questo esempio ho messo insieme diversi campioni di cassa in un rack di batteria live di Ableton.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/11/AbletonKicks_1200x627-1.jpg

Mi piace l’attacco della prima cassa, ma non copre la fascia bassa di cui ho bisogno. È anche un po’ troppo asciutta nel contesto di questa traccia. Per risolvere il problema ho messo a punto un basso sub più grasso con solo l’ambiente di un altro campione di cassa.

Con tutti e tre insieme, sto ottenendo esattamente quello che voglio per la cassa su questa traccia.

Con tutta probabilità la stratificazione avrà un effetto più trasparente di puro EQ invasivo.

Ecco alcuni altri suoni da considerare come stratificazione per le tue casse:

  • Un rullante ruggente per aggiungere un po’ di attacco iniziale
  • Un clap per aggiungere aggressività alla tua cassa
  • Un basso sinusoidale in stile 808 per dare alla tua cassa una bella coda rombante

5. Accorda prima

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/11/tuner_BC.gif

Prima di prendere una decisione sul campione di cassa giusto, assicurati di aver trovato il tempo necessario per metterlo in nota con la canzone.

Se la frequenza fondamentale della cassa è in disaccordo con il resto della tua canzone, avrai difficoltà a sapere se funziona davvero.

Se la frequenza fondamentale della cassa è in disaccordo con il resto della tua canzone, avrai difficoltà a sapere se funziona davvero.

Usa la funzione di trasposizione del tuo campionatore per assicurarti che il tuo campione di cassa sia in sintonia.

Non devi accordare al dettaglio il fondamentale della cassa con la tonica della canzone, ma cerca di esplorare le opzioni che migliorano la loro relazione armonica.

Ascoltare nel contesto del resto del tuo mix è davvero importante qui, modifica fino a quando non suona bene!

6. Livella sempre

Come sempre quando confronti due file audio, assicurati di abbinare i livelli prima di decidere.

Piccole differenze di livello hanno un effetto sorprendentemente forte su come percepiamo i punti di forza di un suono rispetto ad un altro.

Non vuoi perderti per sbaglio la cassa giusta solo perché una leggermente più rumorosa suonava più vivace quando l’avevi ascoltata.

Osserva attentamente i tuoi metri durante il livellamento, in modo da essere sicuro di fare un confronto equo tra 2 campioni di cassa.

7. Non aver paura di ricominciare

Non continuare a lottare con un campione che non è giusto solo perché hai già speso un’ora su di esso.

Non continuare a lottare con un campione che non è giusto solo perché hai già speso un’ora su di esso.

È facile razionalizzare le tue scelte quando ti sei legato a loro nel tempo. Ma a volte l’unico modo per andare avanti è tornare all’inizio.

Partire da zero può effettivamente darti una nuova prospettiva sull’intera canzone. Quindi, anche se fa male, cerca di non essere troppo affezionato ad una cassa che non funziona.

Suggerimento: invece di iniziare con un sol campione di cassa, metti da parte un piccolo lotto di 5-10 che potrebbe funzionare. In questo modo, avrai un piano di backup migliore se la tua prima opzione non funziona.

Casse fighissime

“Prendilo direttamente alla fonte” è una frase comune nel mixaggio per una buona ragione. Se non hai le giuste materie prime, nessuna quantità di fantasiose tecniche di mixaggio ti darà i risultati che desideri.

Ecco perché è importante scegliere il sample di cassa giusto mentre costruisci le tue tracce. Non deve essere difficile se tieni a mente questi suggerimenti.

Ora che sai come scegliere una cassa bella, torna alla cartella dei tuoi campioni e trova la cassa perfetta!

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

LANDR

Various contributors from the LANDR team of music mentors.

@LANDR

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post