LANDR BLOG

Creatore di Beat

Come usare creativamente i pacchetti di campioni per evitare di suonare uguale a tutti gli altri

Come usare creativamente i pacchetti di campioni per evitare di suonare uguale a tutti gli altri

N.B.: il mondo dei sample packs è vasto… Grazie ai pacchetti di campioni gratuiti, qualsiasi suono che tu possa immaginare è disponibile in pochi clic.

E con più persone che producono musica digitalmente, i campioni sono diventati una parte vitale della produzione musicale.

Sfortunatamente, i campioni continuano ad avere una cattiva reputazione…

Alcuni produttori ritengono che tutti i suoni con cui si lavora dovrebbero essere veri e propri strumenti registrati. Che va assolutamente bene! Registrare il tuo audio, con la tua attrezzatura è un processo incredibile e gratificante.

Ad ogni modo, ignorare il campionamento rimuove un intero universo di strumenti creativi. Il campionamento è utile a tutti i produttori, indipendentemente dal genere in cui ci si muove.

In questo articolo ti mostrerò come il campionamento può andare ben oltre il trascinamento e il rilascio dell’audio in una traccia e come creare campioni personalizzati usando tecniche semplici ma efficaci.

Di seguito sono elencate le strategie creative che ti aiuteranno ad ottenere il massimo dai tuoi pacchetti di campioni e renderanno il tuo suono unico, indipendentemente dalla fonte.

Il campionamento è utile a tutti i produttori, indipendentemente dal genere in cui ci si muove.

1. Manipola i tuoi campioni con gli effetti

La strategia creativa più semplice e più semplice per i campioni è quella di modellarli con effetti audio. Anche effetti semplici come riverbero, delay o tremolo apriranno i tuoi campioni e li renderanno unici per il tuo suono.

Ci sono un milione di modi diversi per usare gli effetti sui campioni, quindi non entrerò troppo nello specifico qui.

Caricando i tuoi campioni (in particolare loops e beats) nella tua DAW, sarai in grado di costruire una semplice catena di effetti con i tuoi VST preferiti, e modificando per assaggiare, ispirerai alcune direzioni interessanti da prendere con il resto dei tuoi campioni e tracce.

Gli effetti sono anche un ottimo modo per aiutare i tuoi campioni ad adattarsi alla traccia che hai già iniziato. I campioni possono spesso uscire troppo in un mix a causa di caratteri contrastanti.

Se stai lavorando con i campioni per aiutare a completare alcune delle tue altre registrazioni, l’uso di effetti simili durante il mixaggio con i campioni ti aiuterà ad incollare bene tutto insieme.

2. Esegui i tuoi samples tramite campionatori VST

C’è un motivo per cui i campionatori continuano ad essere strumenti fondamentali nella maggior parte degli studi: ti permettono di prendere campioni e di suddividerli facilmente in loops, applicare le tue catene di effetti audio hardware, allungare il tempo, tagliare e tutto ciò che rende i campionatori puro divertimento.

Ma alcuni plugin VST ti offrono tutte le stesse possibilità di campionamento nella tua DAW per una frazione del prezzo dei classici campionatori fisici.

La maggior parte delle DAW è dotata di moduli di campionamento integrati. Ma lavorare con i samplers VST è anche una buona strada da percorrere se stai cercando il giusto flusso di lavoro con il campionamento.

I vantaggi di lavorare con un sampler VST separato includono un più semplice smanettamento con envelope, filtro, pitching e mappatura dei controller MIDI, solo per citarne alcuni.

Ecco alcuni VST di campionatori da considerare:

Togu Audio Line TAL-Sampler

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0006_TAL-Sampler.jpg

TAL-Sampler si ispira al passato ed emula il classico processo di conversione da digitale ad analogico utilizzato da molti campionatori hardware preferiti dai cultori del genere.

Puoi anche scegliere tra diversi convertitori analogici digitali (DAC) per ottenere quel suono analogico vintage all’interno della tua DAW.

Rallenta i tuoi campioni con il classico allungamento/accorciamento del tempo, o usa la funzione Squarepusher per modulare i tempi di inizio del campione e creare alcuni effetti glitch.

DiscoDPS Bliss

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0007_Bliss-Sampler.jpg

Bliss è un campionatore di “nuova generazione” per i produttori che desiderano efficienza e nuove funzionalità.

Una caratteristica davvero interessante è il campionamento VSTi di Bliss: scegliendo un preset, è possibile definire la lunghezza del campione, la lunghezza della coda e la velocità e gli intervalli delle note. Bliss creerà una serie di multisamples basati sulle impostazioni scelte.

Oltre a questa caratteristica unica, troverai una varietà di effetti, 8 macro personalizzabili, modulazione granulare e altro ancora.

Sonic Charge Cyclone

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0005_Cyclone.jpg

Sonic Charge Cyclone è un campionatore VST gratuito che emula l’iconico Yamaha TX16W.

Puoi caricare i tuoi campioni dalla tua DAW e lavorare con la matrice di modulazione, il loop-finder, gli LFO doppi e gli envelopes ADSR ad un canale per creare suoni davvero unici dal tuo pacchetto di campioni.

3. Stratifica i tuoi campioni con kit personalizzati

I tuoi campioni non devono andare da soli. Usali come mattoni per fare qualcosa di totalmente nuovo.

Come suona un’esplosione di sax con una campana? Oppure un tom con una coda di cembalo?

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0004_Layering.jpg

Stratificare è il modo più semplice ed efficace per cambiare il carattere dei tuoi campioni e trovare il suono perfetto. A volte i campioni sono quasi ciò di cui hai bisogno ma non sono perfetti. La stratificazione ti aiuta ad arrivarci.

Plugins come Ableton’s Impulse e NI Battery consentono di sovrapporre facilmente i campioni e creare rapidamente patterns melodici e percussivi.

Un uso comune di kit customizzati consiste nel sovrapporre più casse una sopra l’altra per creare un suono più profondo e completo. Prendi un campione con un robusto low-end, uno con punch ed uno con corpo e vedrai come si completano a vicenda.

A prescindere da come la usi, la stratificazione è un ottimo modo per aggiungere un po’ di profondità al tuo suono e trasformare un campione “ok” nel suono perfetto per il tuo mix.

4. Taglia i tuoi loops ed i colpi singoli

I migliori pacchetti di campioni includono tutti loops + one shots e colpi singoli.

I loops più comuni sono solitamente synth e bass. Di solito hanno una chiave su cui lavorare e un BPM da poter manipolare, rendendoli ottimi punti di partenza per fare tracce.

Ma solo perché c’è un loop nel tuo pacchetto di campioni non significa che devi usarlo così com’è.

Usando gli strumenti di modifica nella tua DAW, sampler plugins oppure campionamento fisico, prova a tagliare e riorganizzare i tuoi loops per creare qualcosa di nuovo o prendere suoni da più loops nella stessa chiave o BPM per creare le tue nuove sequenze.

Approcciati ai tuoi loops come un punto di partenza, non un prodotto finale. Costruisci i tuoi nuovi loops e crea qualcosa di più unico dello stesso campione che hanno tutti gli altri.

5. Ricampiona

Il ricampionamento è un modo semplice per rendere i tuoi campioni personali.

Esistono molti modi per ricampionare, ma uno dei più semplici è impostare l’input su una nuova traccia audio per ricampionare:

  • Metti una traccia MIDI e Audio una accanto all’altra nella tua DAW
  • Cambia l’input dalla tua traccia audio ed impostala su “Resampling” (ricampionamento)
  • Registra sia sul canale MIDI che sulla traccia audio (tenendo premuto command/control è possibile inserire più tracce)
https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0000_Resample.jpg

L’audio della tua riproduzione e qualsiasi altro effetto tu scelga di applicare ad esso durante il ricampionamento, verrà registrato sul tuo nuovo canale audio. Manipola la tua nuova registrazione audio come preferisci usando effetti audio o altri strumenti di modifica.

Il vantaggio principale dell’utilizzo del ricampionamento semplicemente applicando effetti al MIDI è che è possibile controllare la parte del campione che riceve l’effetto o apportare modifiche a più tracce contemporaneamente senza alterare la traccia originale.

Ad esempio: se si desidera modificare la risonanza solo della fine di un campione, è possibile farlo ricampionando un loop e regolando la risonanza verso la fine della clip: qualsiasi regolazione effettuata verrà registrata sulla traccia audio armata.

La nuova registrazione può quindi essere modificata applicando ancora più effetti a piacimento, il tutto senza alterare la traccia originale.

6. Filtra per pulire i campioni o modificare il loro carattere

Avviare il flusso di lavoro dei campioni con un semplice filtro alto, basso o passa-banda ti aiuterà a ripulire un po’ i tuoi campioni e ad occuparti di rumore, clic o pop aggiuntivi.

Il filtraggio rapido può anche aiutarti ad adattare i tuoi campioni alle informazioni sulla frequenza già presenti nella tua traccia.

Un po’ di EQualizzazione creativa può anche anche cambiare l’intero carattere di un campione.

Un po’ di EQualizzazione creativa può anche anche cambiare l’intero carattere di un campione.

Prendere solo le informazioni di livello superiore di un campione e sovrapporlo ad altri campioni può aiutarti a rendere i tuoi loops e shots un po’ più unici e versatili. Questa tecnica funziona particolarmente bene come aggiunta di “ciccia” sulle tracce di batteria.

Sperimenta qualche semplice filtraggio prima di diventare troppo specifico con il tuo EQ. Lascia che i tuoi filtri scavino verso direzioni che forse non hai neanche considerato nel campione originale.

Se hai campioni con cui ti piacerebbe lavorare ma non sei pazzo di certe frequenze, aggiungi un filtro passa-alto o passa-basso al campione per rimuovere qualsiasi informazione indesiderata.

Ad esempio: un campione di sezione d’archi potrebbe includere informazioni nelle frequenze più basse di cui semplicemente non hai bisogno perché hai già la tua linea di basso e la cassa sulle stesse frequenze.

Filtra semplicemente la fascia bassa ed evita di infangare il tuo mix.

7. Downsample

Il downsampling riduce sostanzialmente la frequenza di campionamento o la qualità di un suono.

Normalmente non lo vuoi fare, ma è fantastico se vuoi creare un effetto “subacqueo” che ti dà risultati più interessanti del solo risaltare la fascia alta dei tuoi campioni con un EQ.

Eseguire il downsampling con l’editor audio gratuito di Audacity è un buon punto di partenza.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0001_Downsample.jpg

Importa semplicemente il tuo campione su Audacity e seleziona Resample nel menu Tracce, aggiusta per trovare la frequenza di campionamento desiderata ed il suono “downsampled”.

Ricorda che quando esegui il downsampling perderai determinate frequenze del tuo campione, quindi ricorda quale caratteristica stai cercando di preservare mentre esegui il downsampling.

Questo processo può anche introdurre alcuni artefatti e ringing noise chiamati aliasing. L’aliasing può essere solitamente domato con un semplice filtro passa-basso applicato al tuo audio downsampled.

Downsampling ti dà quel caldo effetto spettrale usato spesso da Drake e dal suo ingegnere Noah ’40’ Shebib.

8. Utilizza l’envelope ADSR

ADSR sta per Attack, Decay, Sustain, Release.

Alcuni plugins incorporati nella tua DAW, VST, sintetizzatori hardware e campionatori possiedono questi controlli. Manipolandoli puoi dare un carattere unico ad un campione o ad un suono.

La maggior parte delle DAW e dei sampler plugins sono dotati di strumenti per applicare ADSR ai tuoi campioni. Ad esempio: la versione più semplice di Ableton consente di modificare l’envelope ADSR dei campioni in modo rapido e semplice.

Trascina e rilascia il campione nel plugin e regola i controlli dell’envelope ADSR a fondo per scolpire il suono desiderato.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/06/So-you-downloaded-a-Sample-pack_0002_ADSR.jpg

Regolare l’envelope non è solo un bene per cambiare il carattere del tuo suono, è anche utile come metodo per ripulire i campioni che potrebbero avere click o pop all’inizio o code di decadimento troppo lunghe.

Modificare l’envelope può aiutare il tuo campione ad adattarsi meglio alla composizione, semplicemente regolando un paio di parametri.

Modificare l’envelope può aiutare il tuo campione ad adattarsi meglio alla composizione, semplicemente regolando un paio di parametri.

9. Converti il ​​tuo audio in MIDI

Ti chiedi come inventarti parti da costruire attorno ai tuoi campioni? Inizia trasferendo il tuo campione in dati MIDI utilizzando strumenti da audio a MIDI.

Fare il bounce dell’audio su MIDI è utile quando si usano i campioni perché consente di lavorare sui campioni per arrangiare altre sezioni.

Melodyne è un ottimo strumento per “rimbalzare” il tuo audio in MIDI. Il suo algoritmo analizza l’audio e trasferisce le note presenti in file MIDI che puoi facilmente caricare nelle tracce MIDI della tua DAW.

Permette anche di selezionare il tipo di audio del clip (percussivo, melodico, ecc.) per ottenere risultati più accurati. Molto carino!

Ad esempio: usa Melodyne per trovare le note presenti in una melodia loopata. Rimbalza il file MIDI su una nuova traccia MIDI ed assegna alle note un basso VST. Voilà, ora hai una linea di basso con cui lavorare, costruita sulle note presenti del tuo loop melodico originale.

Trasferire audio su MIDI è un modo rapido ed efficace per consentire ai tuoi campioni di guidare il tuo flusso di lavoro ed i tuoi arrangiamenti.

Se stai usando Ableton, c’è una funzionalità audio-to-MIDI incorporata. Tuttavia i risultati tra l’algoritmo di Melodyne e Ableton possono variare. Qualunque cosa tu usi, le tue clips MIDI avranno bisogno di un po’ di pulizia dopo averle rimosse dall’audio dei tuoi campioni.

Trasferire audio su MIDI è un modo rapido ed efficace per consentire ai tuoi campioni di guidare il tuo flusso di lavoro ed i tuoi arrangiamenti.

10. Stira il tempo in modo creativo

L’allungamento del tempo (“Time Stretching”) è un approccio abbastanza ovvio per lavorare con i campioni. La chiave sta nel trovare un flusso di lavoro che tenga conto del tempo e che funzioni per te e gli strumenti giusti che ti consentono di ottenere ciò di cui hai bisogno allungando i tuoi campioni.

La maggior parte delle DAW include le proprie funzionalità di allungamento temporale integrate. Ma plugins come HalfTime e Gross Beat portano il Time Stretching su un altro livello con un incredibile potenziale creativo.

L’allungamento/accorciamento del tempo può trasformare istantaneamente qualsiasi audio in una versione spessa e downtempo di se stesso. Oppure trasforma un break di batteria lento e spezzettato in un impulso energetico.

I VST che ho menzionato sopra sono particolarmente adatti a chiunque sia interessato a produrre Trap e Hip-Hop, ma le loro funzionalità sono utili indipendentemente dal genere su cui si sta lavorando.

Provalo

Ricorda, l’uso di campioni non significa semplicemente trascinare e rilasciare suoni registrati e farli diventare una traccia.

Lasciati ispirare da un mondo intero di suoni incredibili, di alta qualità e disponibili online senza diritti d’autore e usali come punto di partenza piuttosto che come suono finale.

Scaricare un pacchetto di campioni gratuito è solo l’inizio di tutto ciò che è possibile.

Buona creazione!

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post