LANDR BLOG

Distribución musicalStrumenti musicali

Come Pubblicare Un Album: L’Elenco Dei 10 Passi Da Seguire Per La Distribuzione Di Musica

Come Pubblicare Un Album: L’Elenco Dei 10 Passi Da Seguire Per La Distribuzione Di Musica

Pubblicare un singolo o un album è una cosa grande. Quindi fallo bene.

Hai lavorato duramente per settimane, mesi o addirittura anni. Diffondere il tuo disco è un momento nel momento. Il tutto dovrebbe accadere con felicità. Il tutto dovrebbe accadere con felicità. Evita paura e caos mentre cerchi di rabattarti per mettere tutto in ordine. Se la pubblicazione effettiva del tuo album È una cosa molto importante, sapere come diffondere un album non dovrebbe essere poi così difficile …

È fondamentale seguire alcuni passi-chiave e vedrai che la pubblicazione diventerà gioiosa tanto quanto mettere giù quel primo accordo, proprio come dovrebbe essere!

Ma sapere da dove cominciare, di quello di cui hai bisogno e come ottenerlo, non è sempre il compito più facile.

Soprattutto quando vuoi costruire l’uscita perfetta per una distribuzione intelligente di musica digitale che è il modo più importante per farsi ascoltare, oggigiorno, per un musicista.

Quindi abbiamo creato questa checklist per la pubblicazione dell’album nel tentativo di aiutarti a rilasciare quelle buone vibrazioni anche durante la diffusione. Ecco tutto quello che hai bisogno di segnare come fatto per lanciare il prossimo progetto con più sì! e meno stress.

1. Scegli La Tua Copertina

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0000_Album-Art.jpg

La grafica di copertina è ancora importante. Non lasciare che qualcuno ti dica il contrario!

Ho già parlato dell’importanza dell’artwork dell’album nel panorama musicale di oggi. Il succo del discorso? La grafica di copertina gioca ancora un ruolo importante nella tua musica.

Infatti, è spesso l’unico elemento visivo che puoi controllare su negozi di musica digitale che mostrano tutti gli album con lo stesso tipo di carattere e formato dell’artista di fianco. Quindi la tua arte è importante!

La parola chiave qui è “arte”. La tua musica è la tua arte, quindi l’immagine che scegli dovrebbe essere curata e dispensare la stessa creatività che hai riversato nella tua musica.

Come trovare la grafica per l’album

Trovare la grafica giusta può essere difficile. Lavorare all’interno della propria rete di creativi o prendersi cura da soli dei visuals è sempre il modo migliore per trovare l’immagine di copertina perfetta.

Anche contattare artisti è una pratica comune. Collaborare per le grafiche del proprio album è un modo piacevole di promuoversi con qualcuno, il cui lavoro si allinea con la tua visione.

È fondamentale seguire alcuni passi-chiave e vedrai che la pubblicazione diventerà gioiosa tanto quanto mettere giù quel primo accordo, proprio come dovrebbe essere!

VGli artisti visuali spesso prestano il proprio lavoro per copertine di album. The Caretaker usa dipinti di Ivan Seal per le sue copertine.

I Sigur Ros hanno usato una foto di Ryan Mcginley per la loro copertina. Kanye ha scelleratamente utilizzato 2 diversi quadri di George Condo dopo che la sua prima scelta è stata bannata.
Tutti questi esempi sono collaborazioni tra artisti che avevano senso per quel disco. Dovrebbe funzionare così anche per la copertina del tuo album.

Sia che curi da solo la tua immagine di copertina, o che trovi qualcuno nella tua rete per farlo, la grafica dovrebbe rappresentare le stesse ispirazioni che hanno portato alla creazione del tuo album.

Fai un piccolo investimento

La copertina dell’album è un buon momento per investire un po’ di soldi nel tuo progetto.

Ciò potrebbe significare pagare per usare il quadro di qualcuno, assumere un fotografo per fare le foto della tua band, o spendere un po’ di denaro per rendere l’immagine dell’album perfetta come vuoi tu.

Oppure puoi sempre seguire il percorso di Future e trovare la copertina perfetta su Shutterstock. qualunque cosa funzioni per te!

Finché consideri quell’immagine importante, sarai messo bene.

Ottieni il formato giusto per la copertina

Non è solo l’immagine che scegli. Devi anche considerare il formato.

Ogni negozio di musica digitale ha regole diverse per la dimensione dell’immagine. Ma se ti attieni a queste regole dovresti essere pronto per andare live dappertutto.

I requisiti di copertina sono:

  • Un quadrato

Non è necessario scervellarsi con la geometria per capire come sia costituito un quadrato perfetto. Tutti e quattro i lati uguali. Boom, così è.

  • Minimo 1400 x 1400 pixel

La più piccola è 1400 x 1400 pixel. La chiave qui è iniziare con un’immagine grande fin da subito. La maggior parte dei costruttori di release dei distributori digitali dovrebbero ridimensionare automaticamente l’immagine per te, a patto che inizi con la dimensione appropriata.

Quindi partire con la giusta dimensione è importante per cominciare.

Se inizi con una bella immagine non compressa come ho già detto, la pixelazione non dovrebbe essere un problema durante il ridimensionamento. Se incontri problemi di pixelazione, potrebbe essere necessario creare una nuova immagine per mettere il disco nei negozi. Quindi pensaci prima.

  • Non includere URL

Ci sono posti migliori per promuovere la tua musica rispetto alla copertina del tuo album. Lascia fuori gli URL. A seconda della piattaforma, potrebbe essere possibile aggiungere un link al tuo sito web.

Così fallo là e mantieni la tua copertina libera da URL

  • Lascia fuori tutti i loghi dei social media
  • Nessun riferimento a marche
  • Assolutamente no immagini pornografiche
  • In formato JPG o PNG
  • Minimum 72 DPI

Fai attenzione a questi criteri e sei pronto per il generatore di release. E se scegli la copertina con la stessa creatività che hai usato per creare il tuo album, la tua musica sarà ben rappresentata, non importa dove finirà.

2. Scegli i Titoli delle Tracce e Puntaci

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0001_Tracklist.jpg

Come la tua copertina, anche i titoli dei tuoi brani sono un importante significante del tuo suono. Fanno parte della roba che puoi controllare della tua musica nei negozi digitali.

Ma questa è solo metà della storia… I titoli dei brani sono una parte importante dei metadati. So che sembra una parola grande solo per riempirsi la bocca. Ma che ti piaccia o no, i metadati sono ciò che rende la tua musica accessibile sul web, soprattutto nei negozi digitali di musica.

Ci sono alcune cose da evitare quando si inseriscono i titoli delle tracce nel generatore di release. Il modo migliore per evitare che i titoli delle tracce vengano rifiutati è semplicemente inserire il titolo della traccia e nient’altro.

Se cominci ad aggiungere informazioni extra ai tuoi titoli, incontri subito alcuni ostacoli.

Ecco cosa fare e cosa non fare per evitare mal di testa da titolo in seguito:

  • Non includere la data di uscita
  • Non includere il formato tipo album o EP nel titolo del brano
  • Non includere termini di ricerca nei tuoi brani come “pop punk” o “lo-fi house”
  • Controlla la grammatica e correggi l’ortografia!
  • Inserisci esattamente il titolo della traccia come vuoi che compaia nei negozi
  • Mantieni la stessa formattazione per l’intera release

Evita di chiamare le tracce ‘traccia 1, traccia 2, traccia 3, e così via’. Anche ‘senza nome‘ non va bene. Le tue tracce possono perdersi nel mix sulle piattaforme di streaming più grandi, in cui si incontrano migliaia di altre tracce con titoli unici.

Controlla due volte e pubblica una volta sola!

Assicurati di aver deciso tutti i tuoi titoli e che siano formattati prima di diffondere. Errori nei tuoi titoli potrebbero ritardare la pubblicazione nei negozi digitali e anche modificare i titoli dopo il lancio può rivelarsi un problema, quindi controlla due volte e pubblica una volta sola!

Se titoli il tuo progetto correttamente e ti impegni con i metadati, eviterai confusione e frustrazione in seguito.

3. Scegli Il Titolo del Tuo Progetto e Puntaci

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0002_Project-Title.jpg

Non hai bisogno di me per dirti che il tuo titolo dell’EP, Singolo o Album è importante.

Se stai facendo fatica a trovare qualcosa, prova a pensare ad un titolo che proviene dallo stesso luogo creativo dove proviene la tua musica.

Dopo tutto, la musica è un linguaggio. Quindi prova a tradurlo nella lingua desiderata per il titolo dell’album e continua da lì.

Hai testi? Meglio ancora. Scava per cercare l’oro e costruisci il tuo titolo dell’album da quello. Se sei ancora bloccato, c’è sempre la poesia dadaista, vero?

Formattare il titolo

Una volta che hai scelto il tuo titolo, devi considerare la formattazione. La formattazione del titolo può differire in base a che tipo di release è.

Ancora una volta, ogni negozio di musica online ha le proprie linee guida per il titolo. La Music Style Guide di iTunes Store è una risorsa fantastica per la formattazione di tutti i tuoi titoli.

Le parole che scegli nei negozi digitali di musica sono più importanti che mai perché ogni titolo dell’album viene visualizzato in un esatto colore e carattere a seconda del negozio musicale di riferimento.

Ad esempio: tutti i titoli di album su Spotify appaiono nel carattere Spotify Circular, Google Play mostrerà il titolo del brano con il font Roboto ecc.

Questo potrebbe anche non recare danni enormi nel titolo che si sceglie. Tieni sempre presente che il titolo dell’album è la tua possibilità di mantenere il controllo su ciò che dice il disco stesso anche se non è possibile controllare il tipo di carattere con cui viene visualizzato.

4. Trova il Tuo Genere e Sottogenere Perfetto

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0003_Genres.jpg

In un mondo perfetto tutto sarebbe semplicemente “senza genere” e noi tutti faremmo solo musica.

Ma nell’era dello streaming e dei negozi digitali che cercano di consegnare ai propri clienti esattamente quello che vogliono quando lo vogliono, i generi sono diventati importanti come non mai.

I generi consentono di trovare la tua musica. E i sottogeneri la rendono ancora più “trovabile”.

I negozi digitali di musica sono in realtà più simili ai negozi convenzionali di quanto si possa pensare. I metadati del tuo genere mettono il tuo disco nel giusto “cesto” in modo che un appassionato possa trovarlo più velocemente di quando cerca in un cesto non identificato in un seminterrato polveroso (anche se pure quello è divertente).

I generi consentono di trovare la tua musica. E i sottogeneri la rendono ancora più “trovabile”.

La codifica di generi svolge anche un ruolo nelle playlist. Se qualcuno che crea una playlist cerca una buona musica da mettere in una playlist di genere specifico, ci sono alte probabilità che quel qualcuno cerchi quel tag di genere o sottogenere.

Se la tua musica non è correttamente contrassegnata, il curatore non la troverà e la tua traccia non finirà mai nella playlist. È così semplice. Quando stai selezionando generi e sottogeneri per il tuo progetto, ci sono alcune cose utili da tenere a mente:

Rimani fedele al tuo suono

Se ha senso, cerca di restare fedele al genere su cui ti interessa di più di lavorare. Se hai fatto un album pop che è leggermente influenzato dal punk, non cambiare tutto per passare al punk.

È per questo che esistono i sottogeneri. Tenta di mantenere il genere principale il più autentico possibile e che rappresenti il tuo sound nel modo migliore.

Resisti all’urgenza di scegliere un genere-scherzo

Capisco. È divertente dire che il tuo album è Twee Pop quando è in realtà Black Metal.

Perché non stai alle regole e nessun genere può etichettare la tua visione. Ma fidati di me, resisti a quella sollecitudine.

9 volte su 10, gli algoritmi usano il genere selezionato per sputare il risultato della ricerca e suggerire una nuova musica ai potenziali fan.

Se la tua musica non corrisponde al genere selezionato, indovina cosa? Sarà sepolta e dimenticata.

A meno che tu non abbia già un enorme following che si prenderà il tempo per trovare la tua musica, attieniti al genere giusto e rendi la tua musica accessibile agli ascoltatori che vogliono trovarla.

Usa i sottogeneri per esplorare nicchie nuove

C’è una grande quantità di generi e sottogeneri in tutti i grandi negozi digitali di musica. Spotify da solo riconosce quasi 1.000 generi.

Può sembrare scoraggiante ed inutile, ma tutte quelle piccole nicchie sono in realtà buone per te e per la tua musica.

Taggalo di conseguenza e trova nuovi fan!

Perché? Ti danno l’opportunità di mettere la tua musica dove appartiene e consegnarla in maniera sistematica a chi vuole sentirla.

Fai la tua ricerca quando stai selezionando i sottogeneri. Scava in alcune delle nicchie che ogni negozio contiene. Chissà, forse la tua musica riempie perfettamente un genere di cui non hai mai sentito parlare?

Se lo fa, ottimo! Taggalo di conseguenza e trova nuovi fan!

5. Hai Incluso Tutti i Tuoi Collaboratori?

Uno dei modi migliori per fare buona musica è la collaborazione. È per questo che abbiamo creato le funzionalità di collaborazione nella tua libreria LANDR, in modo da rendere migliore la musica, e, nel miglior modo possibile.

Pubblicare musica iè un ottimo momento per celebrare quelle collaborazioni. E il modo migliore per farlo è quello di aggiungere artisti collaboratori mentre stai costruendo la tua release.

Se non sei convinto se qualcuno dovrebbe essere presente nella tua traccia o no, la tua scommessa migliore è di discutere sempre con il tuo collaboratore e assicurarsi che ognuno abbia le stesse aspettative e la stessa definizione di “artista collaboratore”.

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0004_Collaborators.jpg

Tipicamente featured artists offrono cose come assoli, testi o intere sezioni di canzoni.

Discuti sempre le tue idee con gli artisti collaboratori prima di impacchettare i tuoi progetti e diffonderli. La modifica o la rimozione di artisti presenti dopo la pubblicazione è possibile, ma è una rottura.

Inoltre metti a repentaglio le relazioni creative all’interno della tua rete se non riconosci una collaborazione che qualcuno si aspetta sia riconosciuta.

Quindi, affronta quella conversazione PRIMA di costruire la tua release e cita tutti quelli che hanno reso il tuo disco così bello.

6. Hai Sistemato i Tuoi Codici ISRC?

Gli ISRC sono i codici internazionali di registrazione standard. Ogni codice è lungo 12 cifre e identifica cose come il paese di rilascio e l’anno in cui l’ISRC è stato rilasciato. Sono stati creati per identificare ogni singola registrazione esistente.

Nella maggior parte dei casi, l’ISRC viene creato quando una registrazione viene distribuita. I servizi di distribuzione musicale digitale formeranno il tuo ISRC quando crei la tua release. I servizi di distribuzione musicale digitale formeranno il tuo ISRC quando crei la tua release.

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0007_Isrc.jpg

TLa stessa registrazione non dovrebbe avere due codici ISRC solo perché è stata distribuita in due modi diversi. Se la tua musica ha già i codici ISRC da una pubblicazione precedente, dovrebbe mantenere lo stesso codice ISRC per tutte le versioni successive.

Ciò potrebbe accadere se hai distribuito una release tramite un’etichetta e il tuo contratto è scaduto ed ora stai diffondendo le stesse registrazioni da solo, oppure se stai cambiando servizio di distribuzione digitale e stai trasferendo le tue informazioni. In entrambi i casi si applica lo stesso codice ISRC che ti è stato dato per la prima volta.

Gli ISRC identificano la tua musica come tua, quindi sono fondamentali. Assicurati di avere tutte le informazioni ISRC in ordine dall’inizio e tenere appunti dettagliati di tutti i tuoi ISRC per il futuro.

7. La Tua Release Sarà un Singolo, un EP o un Album?

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0008_Single-ep-album.jpg

La differenza tra singoli, album ed EP è un argomento interessante. Ci sono molteplici opinioni a riguardo. Tutto può diventare molto caotico…

Sapere cosa intendi lanciare in anticipo è vitale per la tua promozione musicale. Se pompi il tuo nuovo album e poi appare come un EP nei negozi online, potresti confondere i tuoi fan. Così decidi presto e pro-muoviti di conseguenza!

Ogni negozio digitale categorizza le uscite in modo diverso, perciò assicurati di sapere come apparirà la tua release prima di iniziare a promuovere. Ecco come fanno due dei più grandi negozi digitali di musica:

Spotify:

Spotify visualizza le release come un singolo o un album. Non c’è una categoria EP su Spotify.

La tua release verrà visualizzata come un singolo se:

  • Ci sono 6 tracce o meno su di esso
  • Ci sono meno di 30 minuti di musica su di esso

Tutte le altre uscite appariranno come album.

iTunes e Apple Music:

Apple Music e iTunes contrassegneranno la release come Single, EP o Album in base a criteri diversi:

La tua uscita verrà visualizzata come un singolo se:

  • Ci sono da una a tre canzoni che durano meno di 10 minuti

La tua pubblicazione apparirà come EP se:

  • Ci sono da una a tre canzoni con una canzone di almeno 10 minuti e un tempo totale di esecuzione di 30 minuti o meno;
  • Ci sono quattro o sei canzoni con un tempo totale di esecuzione di 30 minuti o meno

Tutte le altre uscite appariranno come Album. Ricorda: ogni tipo di release apparirà automaticamente nei negozi in base a questi criteri.

Assicurati di sapere come apparirà la tua release! Se stai pubblicando un album, promuovi il tuo album. Se stai pubblicando un EP, promuovi il tuo EP!

8. Dove Sta Finendo Nel Mondo La Tua Musica?

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0006_DSPs.jpg

Quando scegli un negozio per vendere la tua release, scegli anche di diffondere il tuo album in tutti i paesi in cui il negozio distribuisce.

Dovresti sempre avere un’idea chiara di dove la tua musica è live. Questo ti aiuterà più tardi quando stai cercando le tue statistiche di streaming e cresce la tua base di fan in patria e all’estero.

Rimani informato su dove sta andando la tua musica prima E dopo l’uscita.

Il tuo dashboard di distribuzione di LANDR Il tuo dashboard di distribuzione di LANDR ti mostrerà dove si sta trasmettendo la tua musica nel mondo, quindi avrai una buona idea di dove viene diffusa anche dopo la distribuzione.

Se non desideri che la tua musica sia fruibile in un determinato paese, non selezionare i negozi che distribuiscono in quel paese prima di pubblicare.

Rimani informato su dove sta andando la tua musica prima E dopo l’uscita.

Una volta individuato quale negozio distribuisce in quale paese, basta “togliersi” da quel negozio mentre stai costruendo la tua release. Facile ed indolore.

9. La Tua Release È Legale e i Tuoi Campioni Sono Dichiarati?

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0005_Copyright.jpg

Quando ti stai preparando a pubblicare la tua musica ed in esso c’è un campione, la regola numero uno è:

Se stai usando un campione di musica di qualcun altro senza il suo consenso, è illegale.

Naturalmente non tutti i campioni devono essere dichiarati, come in certi pacchetti di campioni liberi da royalty.

Non rischiare. Se hai campionato la musica di qualcun altro, dichiaralo.

Per evitare di bruciarti più tardi, assicurati assolutamente che non diffondi musica con l’audio che qualcun altro possiede.

Leggerai spesso che è un bene usare i campioni perché nessuno a cui interessa, se ne accorgerà…

Ma se la tua traccia esplode (che è quello in cui stai sperando, vero?), ecco che i diritti d’autore cominciano a spuntare come funghi. Il quale è il momento peggiore possibile per portarti via tutto.

Non rischiare. Se hai campionato la musica di qualcun altro, dichiaralo. Contatta l’artista e lavora per rendere legittime le tue tracce.

Se la tua canzone contiene campioni problematici, la maggior parte dei distributori ti contatterà e la tua traccia verrà rimossa in ogni caso. Quindi, evita mal di testa inutili e fai la cosa giusta.

10. Possiedo i Giusti Formati di File?

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/06/0009_Formats.jpg

La tua musica ha bisogno di suonare alla grande su ogni negozio online di musica. Quindi è necessario iniziare con un file che sia almeno 44.1kHz – 16bit WAV – lo standard industriale corrente.
Se le tracce non sono 44.1kHz – 16bit WAV, non sarai in grado di pubblicarli nei grandi negozi.

I file MP3 sono eccellenti per condividere la tua musica con gli amici, o per offrirli come download ai tuoi fan. Tuttavia i file MP3 non sono accettati dalla maggior parte dei grandi negozi di musica digitale.

Inizia esportando un WAV di alta qualità dal tuo DAW e sarai pronto per condividere, masterizzare, distribuire e suonare alla grande ovunque.

“Every Step You Take, Every Move You Make”

La parte più importante della distribuzione musicale musicale è godere alla sensazione di finire un progetto per condividerlo con il mondo.

Tutta le logistiche della release non dovrebbero scalfire quel momento magico…

Segui questi 10 passaggi e sarai pronto per pubblicare intelligentemente, iniziando a tracciare il tuo successo per le prossime mosse come artista.

Così, costruisci la release perfetta e prova felicità nel diffondere la tua musica!

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post