LANDR BLOG

RegistrazioneStrumenti musicali

Microfoni a nastro: come riscaldare le tue registrazioni digitali

Microfoni a nastro: come riscaldare le tue registrazioni digitali

I microfoni sono uno strumento essenziale nella cassetta degli attrezzi di qualsiasi ingegnere.

Ma ci sono diversi tipi di microfono. Ogni tipo è adatto alle proprie attività e situazioni specifiche.

Oggi stiamo parlando di uno dei tipi di microfono più fraintesi: i microfoni a nastro.

I nastri stanno diventando sempre più popolari nei flussi di lavoro di registrazione moderni. In questo articolo esaminerò tutto ciò che devi sapere sui microfoni a nastro: quali sono e i modi migliori per usarli.

Cosa sono i microfoni a nastro?

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2020/02/Ribbon-Mics_Body1_1200x627.jpg

I microfoni a nastro sono una delle prime tecnologie microfoniche mai sviluppate.

Usano un nastro ultrasottile di materiale elettroconduttivo sospeso tra i poli di un magnete per generare il loro segnale.

Questo metodo passivo per generare un segnale significa che i microfoni a nastro hanno un output inferiore rispetto ai microfoni tipici. Riproducono anche meno frequenze di fascia alta, ma suonano comunque naturali e piacevoli.

I microfoni a nastro sono noti per avere un tono decisamente caldo e vintage.

I microfoni a nastro sono noti per avere un tono decisamente caldo e vintage.

Perché usare i microfoni a nastro?

La tecnologia di registrazione digitale è ciò che rende la produzione di musica in uno studio domestico così divertente e accessibile.

Alcuni detrattori sostengono che non suonerà mai bene come un nastro analogico. Dicono che il suono digitale sia “freddo”, “sterile” o troppo pulito.

È vero che esiste una grande differenza tra la registrazione analogica tradizionale e il moderno tracking con DAW.

Tuttavia incolpare il mezzo non è la risposta. Un sacco di moderni mix digitali suonano caldi e piacevoli, e molti mix analogici suonano duri ed ultra-saturi.

I microfoni che presentano un rolloff naturale e delicato di fascia alta possono aiutare con molti dei problemi percepiti della registrazione digitale.

I microfoni che presentano un rolloff naturale e delicato di fascia alta possono aiutare con molti dei problemi percepiti della registrazione digitale.

È qui che entrano in gioco i microfoni a nastro. L’esclusiva risposta in frequenza dei nastri può aiutarti a raggiungere la parte superiore più tenue che è normalmente associata al suono analogico.

Cosa registrare con i microfoni a nastro

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2020/02/Ribbon-Mics_Body-2_1200x627.jpg

Esistono diverse fonti sonore che i microfoni a nastro sono particolarmente adatti a registrare. Esaminerò i miei 5 strumenti e fonti preferiti da registrare con il nastro:

1. Chitarra elettrica

I microfoni a nastro sono particolarmente popolari sulla chitarra elettrica per il modo piacevole in cui domano la fascia alta e brillante di un amplificatore rumoroso.

Secondo molti fonici, la combinazione di un microfono a nastro e uno dinamico e fonderli a piacere è il modo migliore di registrare chitarre elettriche.

Il corpo rotondo e l’estremità superiore calda provengono dal nastro, mentre il pugno nello dello stomaco della gamma media e i transienti veloci sono rinforzati dal dinamico.

Sperimenta la fusione di diversi nastri e dinamici per vedere quali caratteristiche uniche del microfono si adattano al tuo suono per la chitarra.

2. Panoramici della batteria

I panoramici della batteria sono un’altra fonte problematica che può facilmente risultare tosta e difficile con alcuni musicisti o ambienti di registrazione.

Un modo per governare lo splash dei piatti e preservare la parte superiore morbida è utilizzare microfoni a nastro più scuri per le posizioni critiche degli overhead.

La figura naturale degli otto pattern polari di questi microfoni è particolarmente utile anche per la registrazione stereo.

Puoi sfruttare metodi classici come Blumlein e mid-side per scolpire il campo stereo in base alle tue esigenze.

3. Microfoni da stanza

L’aggiunta di un microfono da stanza (o una coppia stereo!) Può migliorare il realismo dei suoni che registri.

Ma non tutte le stanze sono adatte per la registrazione. Se il tuo ambiente ha poco o nessun trattamento acustico, potresti non ottenere ciò che ti aspetti dai microfoni dà stanza.

I risultati possono essere eccessivamente luminosi e poco lusinghieri per il materiale sorgente. I microfoni a nastro possono appianare i riflessi più fastidiosi e fornire un tono più caldo e naturale.

Molti microfoni a nastro catturano i transienti in un modo particolarmente piacevole. Ciò significa che anche a distanza, sentirai comunque una rappresentazione soddisfacente dei colpi veloci di un rullante o di un tom.

4. Fiati

I suonatori di fiati più rumorosi entrano nel mix in una trama non amplificata da big band, ma un microfono sbagliato può far sì che l’energia focalizzata appaia stridente e distraente.

I microfoni a nastro sono naturalmente meno sensibili, quindi in alcuni casi possono gestire SPL sorprendentemente alti senza cambiare il loro carattere di base.

Puoi usarlo a tuo vantaggio quando registri strumenti come la tromba o il trombone.

Usa i nastri per far risaltare il carattere di fascia media più caldo e legnoso di queste fonti.

5. Voci

I microfoni a nastro non venivano tradizionalmente utilizzati per la voce da quando il condensatore a diaframma largo è subentrato a metà degli anni ’60.

Eppure per alcune applicazioni, i nastri possono essere una scelta interessante per la voce, specialmente se stai cercando un suono non convenzionale.

AVVISO CHIARO: se scegli di utilizzare un microfono a nastro per la voce, dovrai fare attenzione.

La maggior parte dei nastri è in grado di gestire l’SPL abbastanza bene, ma l’effettiva raffica che sposta l’aria dalla voce di un cantante può essere problematica.

Ti consiglio di utilizzare almeno due filtri pop sovrapposti uno sopra l’altro per ridurre l’effetto di eventi ad alta pressione come i plosivi sull’elemento a nastro dei microfoni.

Ai nastri di partenza

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2020/02/Ribbon-Mics_Body-3_1200x627-1.jpg

I microfoni a nastro sono qui per restare. Questa tecnologia del passato si è rivelata sorprendentemente importante per le esigenze degli ingegneri moderni.

Cerca un microfono a nastro la prossima volta che devi domare una fonte spigolosa.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post