LANDR BLOG

Strumenti musicali

Le crude verità: ogni plugin ha un aspetto negativo

Le crude verità: ogni plugin ha un aspetto negativo

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Benvenuto a “Le crude verità“, la serie sul blog di LANDR in cui andiamo al sodo e affrontiamo una dura realtà del mondo della produzione musicale. Questo è il consiglio che potresti non voler sentire, ma che ti renderà un produttore migliore.

La maggior parte dei produttori è piuttosto entusiasta dei propri strumenti.

I plugin più nuovi ed accattivanti movimentano le pagine dei forum di musicisti ossessivi che inseguono un mix migliore.

Ma raramente parliamo dei compromessi e degli svantaggi che derivano dai processi che utilizziamo in ogni sessione.

La mia dura verità di oggi? L’EQ, la compressione e altri tipi di elaborazione del mix possono creare più danni che benefici: in effetti, l’uso di nessuna elaborazione spesso fa suonare meglio le cose.

Non voglio spaventarti. Puoi facilmente ridurre gli effetti negativi usando correttamente i tuoi strumenti e prendendo buone decisioni durante ogni fase del processo.

In questo articolo spiegherò alcuni dei problemi con i tuoi effetti di mix di base e come evitarli.

Spostamento della fase con l’EQ

La maggior parte degli ingegneri di mix applica una certa quantità di EQ su ogni traccia della loro sessione.

Dopotutto, il bilanciamento delle frequenze di ogni traccia è fondamentale per assicurarsi che i singoli strumenti nel mix possano essere ascoltati chiaramente.

Ecco come un buon EQ riduce l’effetto del mascheramento. Il mascheramento è quando gli strumenti hanno quantità simili di energia nelle stesse aree di frequenza e si coprono l’un l’altro quando vengono mixati insieme.

Sfortunatamente, nessun equalizzatore è perfetto. Qualsiasi EQ che usi è solo un insieme di filtri. Questi filtri hanno determinate proprietà con cui sei bloccato, non importa quanto siano sofisticati i tuoi plugin.

Quando si filtrano le frequenze utilizzando un EQ, si modifica leggermente la fase del segnale.

Quando si filtrano le frequenze utilizzando un EQ, si modifica leggermente la fase del segnale.

La fase dell’audio può diventare complicata, ma tutto ciò che devi sapere per ora è che significa differenze molto piccole nella tempistica di un segnale.

I cambiamenti di fase non sono davvero un grosso problema per le tracce singole

Piuttosto, le differenze di temporizzazione tra due segnali correlati possono creare interferenze distruttive che inducono le tue tracce a competere tra loro.

Ogni volta che registri qualcosa con più di una sorgente contemporaneamente, come più microfoni o un microfono e una DI, possono presentarsi problemi di fase.

Il problema può verificarsi persino tra campioni e strumenti tipo bassi e kick stratificate.

Ecco dove entra in gioco l’EQ. Quando aggiungi EQ a una sola coppia di tracce correlate, rischi di creare interferenze distruttive, anche se le tracce erano perfettamente in fase prima.

Questo perché il filtro dell’EQ introduce lo sfasamento.

Ecco un esempio. Ho due tonalità sinusoidali identiche su due tracce diverse.

Senza EQ, l’ascolto di entrambe contemporaneamente rende più forte il suono dell’onda sinusoidale.

Se invece inverti la fase di un’onda sinusoidale di 180 gradi e si annullano perfettamente.

Il segnale è sparito. Le due tracce sono esattamente le stesse, quindi il risultato è un’interferenza distruttiva al 100%!

L’aggiunta di un filtro cambia il risultato. Con un filtro passa-alto inserito, l’inversione della fase di una traccia non annulla più completamente il suono, anche quando la frequenza di taglio del filtro è molto inferiore a quella dell’onda sinusoidale fondamentale.

La differenza tra le due tracce invertite è ciò che andrà perso a causa di interferenze distruttive quando i due segnali si combinano.

La differenza tra le due tracce invertite è ciò che andrà perso a causa di interferenze distruttive quando i due segnali si combinano.

Ora immaginala come una coppia di tracce chiave nel tuo mix!

Ogni volta che equalizzi due tracce correlate in modo diverso, rischi di introdurre interferenze distruttive date dallo sfasamento.

Il modo migliore per evitarlo? Tracce correlate dall’EQ su un bus. O meglio ancora, salta interamente l’EQ. Porta i tuoi suoni il più vicino possibile al loro stato finale fin dall’inizio.

Non linearità e saturazione

Il mio prossimo effetto collaterale inaspettato si verifica nei plugin che pretendono di darti il ​​calore e la saturazione delle attrezzature vintage.

Tutti ameremmo possedere la strumentazione classica utilizzata in album leggendari, ma l’hardware analogico offre molto più di un’atmosfera vintage.

I circuiti analogici introducono le loro stranezze che sono estremamente difficili da ricreare con i plugin digitali.

Sto parlando di non linearità. Le non linearità sono le armoniche imprevedibili che la saturazione e la distorsione creano in un segnale.

La maggior parte dei plugin progettati per darti un suono caldo e vintage usa una sorta di saturazione per creare il loro effetto.

La maggior parte dei plugin progettati per darti un suono caldo e vintage usa una sorta di saturazione per creare il loro effetto.

I progettisti di plugin comprendono le non linearità, ma introducono un problema specifico nell’audio digitale. Ecco perché.

La saturazione crea ulteriori parziali armoniche in un suono. Questi sono i toni che aiutano il tuo cervello a distinguere due diversi timbri musicali.

L’aggiunta di parziali usando la saturazione crea armoniche in tutto lo spettro delle frequenze.

In effetti, alcune sono così alte che non possono nemmeno essere rappresentate correttamente in un file digitale. Queste frequenze ultra alte creano errori che si traducono in effetti negativi per il tuo mix.



Questa è solo un’altra delle conseguenze invisibili che derivano dall’aggiunta di molte elaborazioni.

I plugin moderni usano una tecnologia impressionante per aggirare queste limitazioni la maggior parte delle volte, ma il modo migliore per evitarle è usare la saturazione solo al momento giusto.

Se decidi semplicemente che analogico = bello, finirai per accumulare plugin su plugin e aumentare gli effetti di questo problema.

Come migliorarlo

Questi problemi potrebbero far sembrare che non ci sia modo di vincere contro gli svantaggi dell’applicazione degli effetti.

Ma ovviamente dobbiamo usarli per compiti di mixaggio di base come ridurre la gamma dinamica e regolare il bilanciamento delle frequenze.

Per risolverlo, devi valutare il controllo che i tuoi processori danno sul segnale rispetto agli effetti negativi che potrebbero introdurre.

Questo è ciò che gli ingegneri professionisti intendono quando danno consigli come “meno è meglio” e “acquisirlo bene alla fonte”.

Meno elaborazione fai, meglio è. E farlo direttamente alla fonte suona più reale, non importa quale genere di musica fai.

La tua scommessa migliore è imparare a pensare al mix prima ancora di iniziare. In questo modo puoi usare i tuoi strumenti a tuo vantaggio, invece di combattere contro di loro.

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post