LANDR BLOG

Strumenti musicali

Le crude verità: non puoi (ancora) permetterti il suono che vuoi

Le crude verità: non puoi (ancora) permetterti il suono che vuoi

Benvenuti in “Le crude verità“, la serie sul blog di LANDR in cui andiamo al sodo e affrontiamo una dura realtà del mondo della produzione musicale. Questo è il consiglio che potresti non voler sentire, ma che ti renderà un produttore migliore.

Entrare in uno studio di fascia alta è abbastanza per far girare la testa alla maggior parte dei produttori.

Non vi è alcun limite nella misura in cui le operazioni meglio finanziate spingeranno oltre gli standard di produzione.

L’acustica da milioni di dollari, console classiche inestimabili, microfoni ultra-rari e rack infiniti di dispositivi sono caratteristiche familiari in questi ambienti di registrazione rarefatti.

La musica prodotta in questi luoghi ha una qualità speciale se apprezzi il suono eccezionale. È ancora peggio se ami le registrazioni leggendarie dell’età d’oro dell’analogico.

Il costo per acquistare le attrezzature usate nei classici è astronomico e cresce ogni anno di più.

Ecco la mia cruda verità di oggi: probabilmente non puoi permetterti il ​​suono che desideri veramente.

Ma non c’è niente di sbagliato in questo.
Non sto cercando di convincerti che puoi fare altrettanto usando un’interfaccia audio economica nella tua camera da letto. O che la qualità della produzione non ha importanza.

Il mio rovescio della medaglia a questa dura verità è che quasi sempre otterrai risultati migliori lavorando con quello che hai, piuttosto che cercare di trasformare le tue tracce in qualcosa che non sono.

Lasciami spiegare.

A tutti piace un suono costoso

Le apparecchiature audio professionali sono soggette alla legge dei rendimenti decrescenti proprio come qualsiasi altro articolo di fascia alta. Dopo un certo prezzo, i miglioramenti significativi diventano sempre più piccoli.

Ma come ho già detto qui su “Le crude verità”, la qualità senza compromessi ha un prezzo più alto.

Il costo per acquistare le attrezzature usate nei classici è astronomico e cresce ogni anno di più.



 

Fino ad un certo punto, i collegamenti più influenti nella catena del segnale hanno un grande effetto sulla qualità generale del suono.

Semplicemente non ci sarebbe un mercato per pezzi di fascia alta se così non fosse.

Dall’inizio della musica registrata, c’è stata una corsa agli armamenti per sviluppare gli strumenti e i metodi di registrazione più fedeli.

Poiché la maggior parte della musica che ci arriva attraverso questo sistema ad alto valore di produzione, ci siamo abituati molto al suono perfetto.

Tanto che la maggior parte del pubblico si aspetta la qualità della musica radiofonica ad alto budget da ogni traccia che ascoltano, compresa la tua.

Il punto di vista dell’ingegnere

Chiunque abbia familiarità con il processo di registrazione sa che questi risultati spettacolari non sono aspettative ragionevoli per ogni produzione.

Se la tua stanza non è impostata correttamente con il trattamento acustico, non otterrai mai un suono naturale piacevole.

Se scegli il tipo di microfono sbagliato, non sarai mai in grado di cambiare le qualità di base della registrazione che hai realizzato con esso.

Probabilmente non otterrai il peso e l’autorità dell’hardware reale se utilizzi softsynth e plugin VST.

Ma invece di provare a trasformare queste soluzioni tutt’altro che ideali in milioni di dollari, potresti trovare meglio abbracciare le qualità di base che già possiedono i tuoi strumenti.

Imparare a sfruttare aspetti interessanti e avvincenti dei suoni imperfetti fa parte dello sviluppo dell’intuizione come ingegnere.

Imparare a sfruttare aspetti interessanti e avvincenti dei suoni imperfetti fa parte dello sviluppo dell’intuizione come ingegnere.

Affinare il tuo istinto e trasformare i tuoi limiti in tecniche creative è il modo in cui crei una registrazione che va oltre la somma delle sue parti.


Immagina il personale che ha progettato il tuo album preferito. Probabilmente potrebbero entrare subito nel tuo ambiente di registrazione e produrre qualcosa di impressionante.

Vale la pena ricordare quando ti senti scoraggiato dalla tua situazione.

Risolvi i problemi, ma non distruggere le tue tracce

Non sto dicendo che devi lasciare intatto tutto nel tuo mix: le imperfezioni e tutto il resto.

Dovresti comunque sfruttare tutti gli strumenti a tua disposizione per far suonare bene le tue tracce.

Gli elementi problematici che puoi migliorare con metodi affidabili non dovrebbero essere lasciati in un mix finale per motivi di autenticità.

Gli elementi problematici che puoi migliorare con metodi affidabili non dovrebbero essere lasciati in un mix finale per motivi di autenticità.

Un corretto comping, editing, un buon EQ correttivo ed un uso intelligente dei campioni possono richiedere molto, prima di iniziare a fare del male che del bene.

Traccia chiaramente la linea e non attraversarla.

Se ti ritrovi ad eseguire elaborazioni estreme con dozzine di plugin sulla tua catena di inserti, probabilmente sei andato troppo lontano.

Tratta le tue registrazioni originali con rispetto e cerca di non distruggerle alla ricerca di qualcosa di ben oltre ciò di cui sono capaci.

Un suono da un milione

Forse un giorno avrai la possibilità di tracciare in uno degli studi di registrazione più famosi al mondo.

Ma non è un grosso problema se non lo fai. Puoi ancora essere un grande ingegnere e ottenere grandi risultati.

In effetti, a volte è persino più impressionante sapere che un album dal suono eccezionale è stato registrato in circostanze non ideali o che è stato fatto senza qualche elemento che ora consideriamo indispensabile.

Ci sono molti esempi nel mondo di amati dischi realizzati con metodi considerati rozzi dagli standard odierni.

C’è molto da dire semplicemente facendo il meglio con quello che hai.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post