LANDR BLOG

IspirazioneStrumenti musicali

Gli inviluppi ADSR: come costruire il suono perfetto [Infografica]

Gli inviluppi ADSR: come costruire il suono perfetto [Infografica]

ADSR sta per Attacco, Decadimento, Sostegno e Rilascio.

È un concetto da conoscere per tutti i tipi di produzione musicale. Insieme, formano gli inviluppi ADSR.

Gli inviluppi ADSR si applicano a tutto il suono, indipendentemente dal tipo di sorgente che stai utilizzando. I controlli ADSR si trovano più comunemente su sintetizzatori VST, sintetizzatori hardware e campionatori.

Sapere cosa significa ogni segmento dell’ADSR (e soprattutto come e quando usarli) sono informazioni essenziali per i creatori di musica.

Questa guida ti aiuterà a capire l’ADSR visualizzando ciò che effettivamente fanno gli inviluppi ADSR.

Inoltre, tratterò alcuni degli usi più comuni di ADSR e come modificare i parametri per ottenere il suono desiderato.

Ci siamo! Finalmente una semplice guida ADSR che ha senso.

Che cos’è l’ADSR?

ADSR raggruppa l’attacco, il decadimento, il sostegno e il rilascio di un suono. Insieme, formano l’inviluppo ADSR. Un inviluppo ADSR determina come si sviluppa un suono nel tempo.

Tutto il suono può essere descritto usando l’acronimo ADSR.

Ad esempio: l’abbaiare di un cane arrabbiato ha un attacco ed un rilascio rapido mentre quella porta cigolante che intendevi riparare ha un attacco lento con un sustain medio e un rilascio lungo.

Confuso? Forse mi sto portando troppo avanti… Cominciamo dalle basi.

Gli inviluppi ADSR sono più facilmente comprensibili attraverso la modifica dei suoni di un sintetizzatore. Ora parlerò di ADSR pensando ai suoni del sintetizzatore. Eppure gli inviluppi ADSR sono usati anche con effetti, campioni, e persino LFO.

Ecco cosa significa e rappresenta ogni parte dell’ADSR:

asdr-01

Come usare l’ADSR

Adesso che sai cos’è l’ADSR, è tempo di capire come e quando utilizzare ogni parametro per ottenere il suono perfetto.

Ci sono infiniti usi per l’ADSR. Tuttavia ci sono alcune applicazioni specifiche che sono davvero utili, indipendentemente dallo strumento con cui stai lavorando.

Applicarlo nel modo giusto non avrà sempre un effetto drammatico. Anche se apportare sottili modifiche con l’ADSR avrà un impatto complessivo sulla qualità dei tuoi mix e produzioni.

Ecco quindi 5 utili modi per utilizzare l’ADSR durante tutto il processo:

1. Usa un lungo tempo di attacco e un lungo tempo di rilascio per creare bellissimi pad

Grandi pad lussureggianti sono l’accento perfetto per qualsiasi traccia.
Un modo semplicissimo per far suonare i tuoi pad personali è crearli modificando i tempi di ADSR.

Fallo con il tuo synth hardware o synth VST preferito.

Per essere chiari da subito, confrontiamo le stesse note MIDI, ma tempi di attacco e rilascio diversi. Ecco il pattern MIDI che ho impostato come esempio.

midi-same-longshort-a-r

Ho usato il sintetizzatore Operator integrato di Ableton Live. Ma gli stessi concetti funzionano per qualsiasi synth VST e DAW con controlli ADSR, basta giocare con le impostazioni per trovare il tuo tocco personale.

Usa un tempo di attacco medio con decadimento medio. Imposta un lungo tempo di rilascio per ottenere alcuni deliziosi pad succosi per riempire la tua prossima traccia.
Ecco come ho impostato l’ADSR e come suona:

2-long-a-long-r

Se imposti un attacco e rilascio rapidi i pad suoneranno spennati. Non avranno quell’effetto lussureggiante ma sono fantastici per altri suoni di lead o FX percussivi. Queste sono le impostazioni e il modo in cui suonano:

2-short-a-short-r

Usa i tuoi pad personalizzati come lead o bassi di fascia bassa. Decidi tu. Indipendentemente da come lo usi, l’ADSR semplifica la creazione di pad personalizzati.

2. Mantieni il tempo di attacco a zero con un rilascio rapido per ottenere un suono staccato

Fai partire il tuo synth hardware o sintetizzatore VST. preferito.
Mantieni il tempo di attacco a zero per ottenere un suono che colpisce immediatamente. Un attacco veloce è perfetto se stai cercando un effetto staccato su un suono specifico.

I tempi di attacco bassi o brevi sono perfetti anche per sintetizzare suoni percussivi come tom, rullanti o hi-hat. È il segreto per creare pugnalate perfette.

Facciamo un altro confronto utilizzando le stesse note MIDI ma tempi di attacco e di rilascio diversi. Ho usato di nuovo l’Operator di Ableton Live.

3-same-midi

Metti il ​​tuo attacco a zero e un rilascio lungo per creare “groovy staccato stabs”. Ecco come l’ho impostato e come suona:

3-staccato

Se imposti un tempo di attacco più lungo e un rilascio lungo, ottieni invece un glissando. Il glissando ti darà un effetto slide tra le note. Ecco le impostazioni e come suona:

3-glissando

Suggerimento: crea un suono percussivo con un attacco rapido e un tempo di rilascio lento per mettere delle belle code su un suono tipo rullante o hi-hat (approfondirò questo in un secondo).

3. Dai alla tua percussione di alto registro piacevoli code risonanti con un tempo di rilascio più lento

Un altro trucco per le percussioni sintetizzate è di allungare il timeout di rilascio.

Se stai sintetizzando suoni percussivi come un hi-hat, crash o rullante applicando un tempo di rilascio lungo, otterrai alcune belle code lunghe. La coda è piuttosto evidente nella forma d’onda seguente:

4-slow-r

Ecco come suona la nostra forma d’onda della coda lunga:

Mantenere la coda sui tuoi suoni darà alla tua traccia un po’ di trama e spazio aggiunti senza applicare effetti immediatamente.

Suggerimento: prova a invertire i suoni percussivi con tempi di rilascio più lunghi per ottenere un piacevole effetto di crescita continua.

4. Regola il tuo attacco per rimuovere clic o colpi all’inizio dei campioni

Lo faccio molto con il mio MPC. Se tagli un campione dal centro di un WAV, un problema comune è rappresentato dai clic o dai blip all’inizio del campione.

Se modifichi leggermente il tempo di attacco in modo che sia più lungo, eliminerai i clic e i pop iniziali che potresti sentire. È fondamentalmente un piccolo fade-in automatico.

Ecco come l’ho fatto usando lo strumento più semplice di Ableton Live. Provalo su qualsiasi campionatore, sia esso un plugin o un hardware.

Ho impostato un tempo di attacco più lungo ed ecco come suona:

1-long-a

Quindi smetti di provare a ingrandire quella forma d’onda per trovare il punto di partenza perfetto. Basta regolare l’attacco e risolvi il problema rapidamente.

5. Evidenzia i tuoi transienti con un lento decadimento e un livello di sustain più basso

Se stai utilizzando un pad o un suono di lead con molta energia all’inizio, un decadimento medio con un livello di sustain più basso è un ottimo modo per evidenziare i primi transienti.

I transienti sono i punti più alti della forma d’onda in cui si verifica più energia. Un sustain inferiore e un decadimento medio enfatizzano il “punch” iniziale e l’energia di un suono senza lasciarlo sopraffare tutti gli altri elementi dell’arrangiamento.

Quindi mantenere il sustain più basso è un ottimo modo per dare alla tua traccia picchi e valli dinamici. Nel complesso renderà la tua traccia più interessante per l’orecchio.

Ecco come l’ho impostato e come suona. Preset “FM2 Filterless Sweep Lead” in Operator in Ableton Live:

5-low-s

L’energia iniziale del suono è lì. Ma il livello di sustain più basso gli dà un po’ di respiro dopo il colpo iniziale.

Ora confrontiamolo con un sustain più alto e un decadimento più lungo, senza cambiare nient’altro.

Il suono è più potente e forte. Potrebbe essere sottile da solo. Ma rischi di annegare altri elementi nel tuo mix e seppellire l’energia iniziale dei tuoi synth.

Ecco come appaiono le impostazioni e come suona:

5-high-s

Non cercare il suono perfetto. Crealo.

Comprendere l’ADSR apre un intero mondo di possibilità sonore.

Trasforma anche i tuoi preset in punti di partenza per qualcosa di unico. Prova a caricare il tuo preset preferito e inizia a modificare.

ADSR rende addirittura migliore qualcosa che è già buono. Inoltre, in realtà stai costruendo i tuoi suoni piuttosto che affidarti ai preset.
Quindi attacca i tuoi progetti, fai decadere le tue distrazioni, sostieni il tuo successo e rilascia il tuo miglior suono possibile.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post