LANDR BLOG

Mix e masteringRegistrazione

Audio editing: 10 consigli utili per risultati migliori

Audio editing: 10 consigli utili per risultati migliori

Il montaggio audio è uno dei processi più basilari nella produzione musicale.

Sono le operazioni DAW chiave che esegui sui tuoi file audio prima che siano pronti per il mixaggio.

Ma modificare l’audio può essere noioso se sei agli inizi. La maggior parte delle DAW necessita di un po’ di tempo per riuscire ad imparare i trucchi necessari per diventare un mago dell’editing.

Ad ogni modo, non deve essere una battaglia in salita.

In questo articolo spiegherò tutto ciò che devi sapere sull’audio editing e 10 suggerimenti per rendere il tuo processo di editing più veloce e, in generale, migliore.

Cos’è l’audio editing?

L’editing di audio è la manipolazione di file audio registrati in un arrangiamento musicale, colonna sonora di un film o trasmissione.

Questa pratica è iniziata con ingegneri che tagliavano ed incollavano manualmente i nastri analogici, ma la maggior parte dei moderni sistemi di editing audio avviene all’interno di un software DAW.

Le attività principali di montaggio audio sono:

  • Modifica della posizione delle clip sulla sequenza temporale
  • Pulizia del rumore e delle imperfezioni
  • Perfezionamento di una performance musicale selezionando riprese diverse
  • Manipolazione dell’audio tagliando singole clip

Perché è importante l’editing audio?

Le moderne tecniche di produzione sono così avanzate che ogni canzone che ascolti sembra un singolo evento unificato.

In realtà, ogni singola traccia di una produzione professionale è stata meticolosamente modificata per funzionare perfettamente.

Il montaggio audio è una parte enorme della magia di una canzone dal suono eccezionale.

Il montaggio audio è una parte enorme della magia di una canzone dal suono eccezionale.

Anche il mixaggio ed il mastering sono essenziali, ma non otterrai mai un suono raffinato se salti la fase di editing.

10 suggerimenti di editing audio per tracce pulite

Ci vuole un po’ di pratica per editare rapidamente le tracce. Ci sono alcune tecniche utili che possono far risparmiare tempo nel tuo flusso di lavoro.

Qui sotto i miei 10 migliori consigli per un editing audio più fluido e veloce e risultati migliori nelle tue tracce.

1. Fade di gruppo

L’applicazione delle dissolvenze (fades) è una delle attività più importanti nell’editing audio.

Devi tagliare tutte le regioni della sequenza temporale in modo che solo l’audio attivo che stai utilizzando nel mix sia incluso nella clip.

Anche se sembra che la fine di una regione sia solo uno spazio vuoto, un ascolto ravvicinato può rivelare che questi segmenti contengono rumore aggiuntivo.

La soluzione è di eliminarli e applicare brevi dissolvenze (5-10 ms) in modo che la transizione dal silenzio sia libera da clic e pop.

Tuttavia aggiungere dissolvenze ad ogni clip in una sessione impegnativa richiede tempo. È qui che entrano in gioco i fade di gruppo.

Seleziona ogni clip sulla timeline e apri i dialoghi di fade della DAW per aggiungere contemporaneamente fade-in, fade-out, crossfade ad ogni clip.

2. Splitta dove punta la testina

La suddivisione delle regioni in posizioni precise è importante per modifiche pulite. A volte ascoltare ad orecchio è il modo semplice di scegliere dove tagliare.

Devi tagliare tutte le regioni della sequenza temporale in modo che solo l’audio attivo che stai utilizzando nel mix sia incluso nella clip.

La maggior parte delle DAW ha la possibilità di effettuare una modifica direttamente nella posizione della testina.

Usando questa funzione puoi semplicemente ascoltare la traccia, parcheggiare la testina nel punto di modifica e premere il tasto ‘split’ per dividere le regioni.

3. Consolida le regioni

A volte è più efficace estendere una regione che dividerla.

Ciò accade più spesso quando è necessario mantenere i pezzi dell’audio a tempo e si utilizzano le divisioni della griglia sulla sequenza temporale per rimanere sincronizzati.

E se la clip non inizia direttamente su una battuta o sul beat? Spostare la clip dalla sua posizione originale può rischiare di mettere la parte fuori tempo.

Il consolidamento di regioni di silenzio in clip audio è una soluzione. Parcheggia l’indicatore di riproduzione all’inizio della clip e seleziona la battuta precedente con lo snap alla griglia attivato.

A volte è più efficace estendere una regione che dividerla.

Consolida il silenzio nello spazio tra la battuta e la clip. Ora quando unisci le due regioni la tua traccia inizierà proprio sulla battuta.



4. Tab fino al transiente

Affettare materiale percussivo è un altro lavoro importante nell’editing audio. La maggior parte dei produttori impiega un sacco di tempo per allineare manualmente alcuni colpi di percussione in griglia per aumentare le prestazioni.

Tagliare ogni colpo di batteria sarebbe troppo noioso, soprattutto quando hai solo bisogno di lavorare su alcune frasi.

La maggior parte delle DAW ha un’opzione ‘tab to transient’ che rileva automaticamente i transienti e fa avanzare la testina a quello successivo sulla timeline usando un comando chiave dalla tastiera del computer.



Da lì puoi tagliare nel punto dove è parcheggiata la testina usando il comando dalla tastiera (controlla il suggerimento 2) oppure eseguire qualsiasi altra operazione di modifica di cui hai bisogno.

5. Cartelle/playlist per le riprese

L’editing di più riprese (take) insieme e la scelta dei momenti migliori da ciascuna di esse è un processo chiave nell’editing audio.

Si chiama “comping”. Il nome deriva dall’idea di creare una traccia composita dalle singole takes.



La maggior parte delle DAW ha un flusso di lavoro specifico per la registrazione di più takes e l’editing tra di esse.

Molto spesso funziona registrando ogni take successiva in una nuova traccia di una “cartella” selezionando a promozione qual’è la take principale.

La cartella takes (o cartella playlist come viene talvolta chiamata) può essere molto di più.

Prima di apportare modifiche distruttive al tuo audio, creane una copia nella cartella take per tornare a quella se qualcosa va storto.

Prima di apportare modifiche distruttive al tuo audio, creane una copia nella cartella take per tornare a quella se qualcosa va storto.

6. Elimina il silenzio

Come accennato in precedenza, eliminare le sezioni non utilizzate nelle regioni è importante per un buon editing.

Uno strumento per aiutarti si chiama ‘strip silence’. Questa funzione rileva i periodi di silenzio in una clip e li elimina automaticamente.

Puoi impostare la soglia per cosa eliminare e impostare i valori di riempimento per l’inizio e la fine per automatizzare molto il lavoro di modifica.

7. Modifica i valori di spostamento

Spostare l’audio nella sequenza temporale per migliorare un momento musicale è comune nell’editing audio.

La sensazione di un gesto musicale può cambiare molto con tempi diversi.

La sensazione di un gesto musicale può cambiare molto con tempi diversi.

Ecco perché a volte è necessario spostare le regioni con incrementi estremamente piccoli. Il controllo del nudge consente di aumentare l’audio in avanti o indietro della stessa quantità ogni volta.



In genere è impostato su un numero limitato di campioni o millisecondi.

Ma puoi cambiare la lunghezza del nudge in qualsiasi valore tu voglia per aiutare a spostare le regioni in modo più preciso sulla tua timeline.

Un valore di nudge molto piccolo impostato nei campioni ti consentirà di ottenere un intervento ultra chirurgico con le tue modifiche.

Valori più grandi possono permetterti di apportare cambiamenti di posizione sorprendentemente elevati semplicemente usando la funzione di spostamento.

8. Regioni a loop

La maggior parte dei produttori ha familiarità con la funzione loop della loro DAW.

La ripetizione ciclica di una regione sulla linea temporale consente di estenderne la durata all’infinito trascinando l’angolo destro.

Ma il looping di un segmento può essere una buona decisione di modifica se la correzione delle prestazioni con altri metodi non funziona.

Prendi in considerazione la ripetizione continua di linee o parti che non si sentono abbastanza coerenti o bloccate sul groove o sul ritmo.

9. Snap a zero crossing

Se hai mai sentito un clic o un pop distraente su un punto di modifica, potresti conoscere il mio prossimo suggerimento di modifica.

Alcune DAW hanno l’opzione di agganciare le modifiche al passaggio per lo zero più vicino. Ecco cosa significa.

Un’onda audio è solo una serie di picchi e valli nella tensione di un segnale. Quella tensione varia da valori positivi (picchi) a valori negativi (valli).

Questo è il modo in cui gli speaker delle cuffie o dei monitor da studio sanno in quale direzione muoversi per riprodurre il suono nel segnale.

Se esegui un taglio in un punto con un picco forte o una valle profonda, potresti sentire un artefatto dal suono che si interrompe bruscamente.

Se esegui un taglio in un punto con un picco forte o una valle profonda, potresti sentire un artefatto dal suono che si interrompe bruscamente.

Fortunatamente, ci sono piccoli punti in cui il file audio non ha energia sonora in entrambe le direzioni. Questi si trovano direttamente sull’incrocio di zero, il centro verticale della forma d’onda in cui il suono passa da negativo a positivo.

Posizionare le tue modifiche direttamente su questi punti ti aiuterà a ridurre clic, pop e altri artefatti dall’editing.



Suggeramento: la funzione di snap troverà automaticamente incroci zero per te, ma puoi sempre ingrandire le impostazioni massime e trovarli a mano.

10. Mutare la regione

Probabilmente sai già che puoi silenziare le tracce MIDI e audio, ma sai che puoi mutare anche le clip sulla timeline?

La disattivazione dell’audio della regione può essere un modo efficace per rimuovere temporaneamente le informazioni audio nelle tracce quando gli altri metodi non funzionano.

Questo a volte accade in situazioni in cui il riferimento visivo del materiale disattivato è utile per orientarsi nella sessione.

Lettera all’editore audio

Ogni produttore dovrebbe sviluppare le proprie capacità di editing audio.

Dopotutto, vuoi passare più tempo a fare musica e meno tempo a ripulire le tue tracce.

Ora che hai un’idea delle basi e alcuni suggerimenti utili per accelerare il flusso di lavoro, torna alla sessione e continua a costruire la tua traccia perfetta.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post