LANDR BLOG

IspirazioneRegistrazione

Come trasformare il rumore fastidioso in uno strumento di mixaggio creativo

Come trasformare il rumore fastidioso in uno strumento di mixaggio creativo

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Passi un sacco di tempo a cercare di ridurre il rumore nei tuoi mix.

Ha senso. Il segnale più pulito possibile assicura che ogni elemento del mix sia perfetto per ottenere il massimo impatto.

Ma cercare instancabilmente di ottenere il segnale più pulito trascura un potente strumento creativo in musica…

Hai indovinato, il rumore.

Aggiungere rumore al tuo mix in modo abile aprirà un intero mondo di possibilità creative.

Se usato correttamente, può aggiungere struttura e profondità alle tue tracce e cambiare completamente il tono della tua musica.

La chiave è sapere come e quando usarlo. In questo articolo ti guiderò attraverso alcuni dei tipi più comuni di rumore e su come utilizzarli in modo creativo per un mix più interessante.

Una differenza fondamentale riguardo ciò che consideriamo “musica” e ciò che consideriamo “rumore” è la gamma di frequenze che rispettivamente coprono.

Cos’è il rumore nella musica?

Questa è una domanda piuttosto filosofica.
Ci sono un sacco di risposte possibili qui.

Per dirla in parole semplici, il rumore è un suono che non ha una “qualità musicale”. Il rumore è spesso non intonato ed indistinto.

Una differenza fondamentale riguardo ciò che consideriamo “musica” e ciò che consideriamo “rumore” è la gamma di frequenze che rispettivamente coprono.

I suoni considerati “musicali” hanno frequenze riconoscibili e separate. Le frequenze del rumore bianco sono presenti su una gamma molto ampia e con intensità uguali che rendono difficile distinguere le diverse frequenze.

 

Usando il rumore

Allora perché aggiungere tutto quel rumore sgradevole? Buona domanda.

Come musicista, una delle sfide più grandi che devi affrontare è far suonare le tue tracce belle piene.

Scrivere una grande linea di synth è una cosa … Ma prendere quella linea e ottenere profondità e struttura attraverso il mixaggio e gli effetti audio rappresenta un’intera altra sfida.

Prendendo diversi tipi di rumore e mescolandoli con elementi della tua traccia puoi aggiungere profondità al tuo mix in base a come quelle frequenze si scontrano o si fondono nello spettro.

Mixando tradizionalmente i suoni “musicali” con l’ampia gamma di frequenze offerte dal rumore, ti ritroverai con un mix più completo e strutturato.

Come tutti gli elementi di un mix, trovare il giusto equilibrio per elementi “noise-centric” e il resto del tuo mix richiederà un po’ di EQualizzazione ed elaborazione creativa.

Per iniziare, ecco i tipi più utili di rumore e alcuni modi principali per utilizzarli per riempire le tue tracce.

Mixando tradizionalmente i suoni “musicali” con l’ampia gamma di frequenze offerte dal rumore, ti ritroverai con un mix più completo e strutturato.

 

Rumore bianco come strumento

 

Cos’è il rumore bianco?

Il rumore bianco è un segnale casuale che ha la stessa ampiezza (piatta) nell’intero spettro di frequenze: le interferenze radio statiche sono un ottimo esempio.

Il rumore bianco è probabilmente il tipo più comune di rumore utilizzato in musica, specialmente nella musica elettronica.

Poiché il “white noise” ha la stessa forza sulle frequenze, può aggiungere consistenza e profondità al tuo mix e interagire con i tuoi strumenti in modi interessanti.

Non tutti i mixes avranno bisogno dello strato di rumore bianco, ma le tracce che presentano elementi come le chitarre wall-of-sound, i pads lentamente decadenti o i leads di synth brillanti possono reagire molto bene all’aggiunta di uno strato di rumore bianco.

Tracce che presentano elementi come chitarre wall-of-sound, pads lentamente decadenti o leads di synth brillanti possono reagire molto bene all’aggiunta di uno strato di rumore bianco.

Ecco alcuni modi per utilizzare il rumore bianco per iniziare. Userò strumenti in Ableton per illustrare, tuttavia i concetti saranno simili indipendentemente da quale DAW usi.

3 modi per usare il rumore bianco in modo creativo:

Strato con rumore bianco:

Stratificare il rumore bianco sopra elementi melodici come synth o linee di basso nella tua traccia darà loro un po’ di grinta quando mixati correttamente. Ecco come:

1. Una volta che hai arrangiato/sistemato il sintetizzatore o la linea di basso, copia la clip MIDI su un nuovo canale e molla lo strumento analogico predefinito.

2. Cambia la forma d’onda in rumore bianco e chiudi il secondo oscillatore per far sì che il tuo synth generi un segnale di rumore bianco.

3. Regola il decadimento nell’envelope del synth in modo che corrisponda alla lunghezza e all’attacco della tua informazione MIDI originale.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/04/how-to-use-noise_Layering-white-noise.jpg

Una volta che sei soddisfatto dei risultati, raggruppa il tuo synth originale e il canale del rumore insieme, dando al tuo synth un po’ di mordente e alla tua traccia un suono più corposo.

Usa il rumore bianco come strato di fondo:

Il rumore bianco funziona molto bene come un modo semplice e veloce per aggiungere corpo e profondità alla traccia come strato di fondo.

La tua DAW dovrebbe già avere degli ottimi campioni di rumore bianco che puoi usare. Inizia creando un canale audio separato per il tuo campione di rumore bianco ed inseriscilo.

Regola i tuoi parametri per posizionare il tuo strato di rumore bianco dove vuoi nella tua immagine stereo.

Il tuo rumore potrebbe essere presente su tutta la traccia, o dentro e fuori nelle parti in cui desideri aggiungere struttura.

Applica il tuo rumore bianco con moderazione, assicurati che non affoghi gli altri elementi della tua traccia.

Applica il tuo rumore bianco con moderazione, assicurati che non affoghi gli altri elementi della tua traccia provandoli contestualmente nell’intero mix.

Suggerimento: usa l’automazione del mixaggio per registrare alcune regolazioni di guadagno lente e graduali nel tuo livello di rumore bianco. Aggiungerà un po’ di movimento e un arco narrativo al tuo mix.

Filtra i segnali di ingresso del rumore bianco per creare paesaggi sonori unici:

Un ottimo modo per capire e mettere in pratica l’EQualizzazione è usare il rumore bianco come input del segnale.

Poiché il rumore bianco è presente in tutto lo spettro di frequenze, esercitarsi ad isolare determinate frequenze è semplice.

Chi dice che devi smettere semplicemente di praticare la tua EQualizzazione?

Filtrare white noise in maniera creativa può produrre paesaggi sonori interessanti che funzionano come atmosfera nelle tue tracce, le quali potrebbero non essere abbastanza profonde.

Ecco come farlo:

1. Usa l’Auto Filtro predefinito DAW su una traccia audio che ha un campione o generatore di rumore bianco sul canale.

2. Regola il tipo di filtro e modula Resonance e LFO per infinite possibilità sonore.

Suggerimento: un filtro passa-banda con alta risonanza e un po’ di LFO crea un tipo di suono davvero inquietante, tipo sirene-in-distanza.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/04/how-to-use-noise_Filtering-white-noise.jpg

Crackle

 

Cos’è il Crackle?

Lo scricchiolio (“Crackle”) in musica è un suono più comunemente associato all’usura o alla polvere sui dischi in vinile.

Quando usare il Crackle

Il crackle è un rumore che probabilmente vorrai usare con parsimonia nei tuoi mixes.

Tuttavia, se lo usi troppo, può distrarre da parti ritmiche o groovy delle tue canzoni e farle suonare come se tutto non fosse sincronizzato correttamente.

Come aggiungere questo scricchiolio

Nel pannello degli effetti audio del tuo DAW, il Vinyl Distortion offre un sacco di opzioni di rumore integrate, una delle quali è il crackle.

Trascina l’effetto sul tuo canale audio con il suono a cui desideri aggiungere lo scricchiolio.

Per personalizzare il tuo crackle, puoi regolare sia il modello di tracciamento che il “pinch”. Anche se i controlli hanno lo stesso aspetto, la regolazione di questi parametri creerà effetti molto diversi sul suono.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/04/how-to-use-noise_crackle.jpg

Tenue (“Subtle”):

Il “Tracing Model” aggiungerà una distorsione delicata ma armonica al segnale in ingresso. Simula l’usura o la polvere su un disco in vinile.

La posizione del cerchio giallo sull’asse X influirà sulla frequenza dell’armonica. La regolazione del Drive aumenterà o diminuirà l’intensità della distorsione.

Un grande uso del “subtle crackle” è quello di ammorbidire le frequenze acute e più alte.

Fai andare un campione di crackle con un po’ di riverbero per ottenere una sensazione spettrale e cavernosa del tuo strato di rumore.

 

Duro (“Harsh”):

Regolare il Pinch dà un effetto molto più drastico aggiungendo strane armoniche al segnale di ingresso. Il risultato è spesso una distorsione armonica ricca.

Le caratteristiche più interessanti di questo effetto sono le scatole Hard e Soft. La modalità Hard suona molto più come la distorsione di dischi in vinile standard, mentre la modalità Soft ha lo scopo di imitare una piastra dub (o acetato).

Usa un crackle più aspro, come la distorsione creata con Pinch, quando vuoi aggiungere molta trama a un particolare elemento della tua traccia.

Suggerimento: fai andare un campione di crackle con un po’ di riverbero per ottenere una sensazione spettrale e cavernosa del tuo strato di rumore.

Hiss

 

Cos’è l’Hiss?

Il sibilo (“Hiss”) si verifica con dispositivi elettronici quando gli elettroni si allontanano dal loro percorso previsto.

Gli elettroni persi manipolano la tensione del segnale di uscita, che crea un rumore sibilante, se usato correttamente può ravvivare percussioni, leads o campioni che richiedono una spinta extra per distinguersi.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/04/how-to-use-noise_Hiss.jpg

Quando usare l’Hiss

Di nuovo, vorrai usare il sibilo con parsimonia. È un suono dominante che può prendere il sopravvento su una traccia se usato senza attenzione.

Tuttavia, aggiungendo un sibilo agli elementi di percussione dei tuoi rullanti o hats, o persino il tuo kick-in, puoi riempire il loro suono e dare nuova vita a campioni stantii.

Usare sibili come code per le tue percussioni è un ottimo punto di partenza.

Stratifica un campione sibilante con una lunghezza leggermente più estesa del tuo suono percussivo. Darà molto ai tuoi elementi percussivi, in ​​un modo che va oltre la semplice rotazione della manopola di decadimento incorporata nella tua DAW.

Come aggiungere l’Hiss:

Un modo interessante e creativo per farlo è quello di prendere campioni di suoni sibilanti e trasformarli in suoni di batteria tramite il drum rack DAW.


Trascina i campioni di sibilo che desideri utilizzare in un rack per batteria e modifica la lunghezza del loop in modo che corrisponda ai suoni di batteria. Mantieni i suoni della stessa lunghezza dell’elemento con cui si lavora o, come accennato in precedenza, leggermente più lunghi per aggiungere una coda/decay.

Quando i suoni vengono suonati insieme, il sibilo eleverà la tua batteria e farà sì che i tuoi patterns si distinguano dagli stessi vecchi campioni di stock che tutti usano.

Rumore ora

Il rumore nel tuo mix non deve sempre essere cattivo.

Le tecniche creative per aggiungere elementi “non musicali” alle tue tracce possono farle risaltare e aggiungere struttura e profondità interessanti alla tua immagine stereo.

Inoltre sono un ottimo punto di partenza per creare suoni davvero sperimentali, perfetti per quando quel preset non andrà bene.

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post