LANDR BLOG

Mix e masteringRegistrazione

Normalizzazione audio: dovresti normalizzare le tue tracce?

Normalizzazione audio: dovresti normalizzare le tue tracce?

La normalizzazione dell’audio è un concetto che viene fuori abbastanza spesso per i nuovi produttori.

È un processo di produzione musicale che esiste dai primi giorni dell’audio digitale, ma è ancora rilevante?

Non è sempre facile dire se applicare la normalizzazione o evitarla completamente e sbagliare può causare problemi nel tuo mix.

In questo articolo spiegherò cos’è la normalizzazione audio, quando usarla e quando starne alla larga.

Iniziamo.

Cos’è la normalizzazione audio?

La normalizzazione dell’audio è un processo che aumenta il livello di una registrazione di una quantità costante in modo che raggiunga un obiettivo o una norma. La normalizzazione applica lo stesso aumento di livello all’intera durata di un file audio.

La normalizzazione viene in genere utilizzata per ridimensionare il livello della traccia o del file appena entro il massimo disponibile.

Anche se sembra complicato, significa solo che la normalizzazione porta il volume di un file al massimo in base al punto più alto.

La normalizzazione viene in genere utilizzata per ridimensionare il livello della traccia o del file appena entro il massimo disponibile.

Quando utilizzare la normalizzazione audio

La normalizzazione dell’audio potrebbe sembrare un po’ antiquata per gli standard moderni. Con tutti i modi meno invasivi per aumentare il guadagno di una traccia, perché scegliere di utilizzare la normalizzazione?

Alcune applicazioni provengono dai primi giorni dell’audio digitale.

All’epoca molti componenti avevano prestazioni limitate in termini di gamma dinamica e rapporto segnale/rumore.

La normalizzazione dell’audio a volte aiutava a ottenere i migliori risultati dai primi convertitori AD/DA.

La normalizzazione è ancora una caratteristica comune sui campionatori hardware che aiuta a equalizzare il volume di diversi campioni nella memoria.

È utile in questa situazione perché la gamma dinamica e il rapporto segnale/rumore rimangono gli stessi di prima.

Puoi utilizzare la funzione di normalizzazione del campionatore dove necessario mentre crei patch e preset.



Perché non usare la normalizzazione audio

La normalizzazione non è comunemente utilizzata in molte situazioni di produzione musicale al di fuori del campionamento.

Potrebbe sembrare un modo conveniente per portare le tracce ad un buon volume, ma ci sono diversi motivi per cui altri metodi sono una scelta migliore.

La normalizzazione potrebbe sembrare un modo conveniente per portare le tracce ad un buon volume, ma ci sono diversi motivi per cui altri metodi sono una scelta migliore.

1. La normalizzazione è spesso distruttiva

Le DAW hanno rivoluzionato la produzione musicale con il loro flusso di lavoro non distruttivo.

Cosa significa? Pensa a una striscia di una bobina in un registratore a nastro: per eseguire un montaggio devi tagliarla fisicamente con una lama!

Dopodiché non puoi semplicemente tornare all’originale. Ma nella tua DAW potresti semplicemente trascinare gli angoli della regione per ripristinare il file.

Purtroppo ci sono alcune operazioni nel dominio digitale che sono ancora tecnicamente distruttive.

Ogni volta che crei un nuovo file audio, sposi le modifiche apportate. La normalizzazione a volte richiede la creazione di una nuova versione del file con la modifica del guadagno applicata.

Se lo fai e scarti l’originale, sei bloccato con la versione normalizzata!

Prima di utilizzare la funzione di normalizzazione, assicurati che non ci sia un altro metodo più adatto al lavoro.

2. Altri metodi sono migliori

Le DAW moderne hanno molte opzioni diverse per modificare il livello dei segnali audio.

Poiché la normalizzazione è un cambiamento costante del guadagno, funziona allo stesso modo di molti altri tipi di regolazioni di livello.

Prima di utilizzare la funzione di normalizzazione, assicurati che non ci sia un altro metodo più adatto al lavoro. Ci sono poche situazioni in cui l’automazione, il guadagno di clip o un plugin di utilità non possono risolvere i problemi di volume.

Queste operazioni non sono distruttive e sono più flessibili rispetto alla normalizzazione di intere tracce.

3. La normalizzazione può creare picchi inter-sample

Tanti produttori nuovi stanno cercando il modo più semplice per sparare le loro canzoni ad alto volume. È un errore comune pensare che la normalizzazione abbia un ruolo.

Quando si tratta di aumentare il livello di un’intera traccia, la normalizzazione è tra le peggiori opzioni. In effetti, normalizzare un’intera traccia a 0 dB è una ricetta per un disastro assicurato.

Quando si tratta di aumentare il livello di un’intera traccia, la normalizzazione è tra le peggiori opzioni.

La funzione di normalizzazione trova il picco più alto nell’intera forma d’onda e lo solleva fino al target. Con questo picco che tocca il massimo di 0 dB, le cose diventano imprevedibili.

Quando l’audio digitale viene convertito in analogico per essere riprodotto attraverso gli altoparlanti, i filtri che ricostruiscono il segnale attenuano la curva tra i singoli campioni nel file.

A volte l’arco tra due punti vicini al soffitto può superare il massimo! Il risultato è il clipping dai picchi inter-sample. Si percepisce con una durezza e una distorsione che distolgono l’attenzione dalla tua musica.

Gain staging: la scelta migliore

Il controllo corretto dei livelli all’interno della DAW è chiamato gain staging.

Significa controllare il volume di ogni elemento che registri e assicurarti di non superare un livello sano durante il tuo mix.

La regola generale è di mantenere i picchi delle tracce intorno a 9-10 dBFS e il corpo della forma d’onda intorno a -18 dbFS.


Il controllo del guadagno è molto importante sul master bus della tua sessione DAW. Se hai lasciato un buon margine di sicurezza per tutto il mix, avrai molto spazio sul master fader per assicurarti che nulla clippi.

Il controllo del guadagno è molto importante sul master bus della tua sessione DAW. Se hai lasciato un buon margine di sicurezza per tutto il mix, avrai molto spazio sul master fader per assicurarti che nulla clippi.

Con tutto questo spazio in più rimasto, alzare le tracce usando il fader o uno qualsiasi degli altri metodi che ho menzionato dovrebbe offrire un sacco di controllo del livello senza ricorrere alla normalizzazione.

Masterizzare il tuo mix

Se segui queste linee guida per il gain staging, potresti rimanere sorpreso dal sentire quanto sia tranquillo il tuo bounce finito rispetto alle tracce sulla tua piattaforma di streaming preferita.

È perché le tracce finite devono essere masterizzate per ottenere i giusti livelli per la riproduzione dei consumatori.

Il mastering porta il volume complessivo di un mix finito esattamente al volume giusto, senza picchi intersample, senza sprechi di headroom.


A differenza della normalizzazione, il mastering alza il volume in modo dinamico in modo che anche i passaggi bassi possano essere uditi dettagliatamente.

Ci vuole un’attenta elaborazione e molta esperienza per ottenere un buon master.

Il modo più semplice per farlo nel modo giusto è assumere un professionista o provare online il mastering basato sull’intelligenza artificiale.

Ottieni i tuoi livelli corretti

La normalizzazione ha il suo posto nella produzione musicale, ma devi stare attento a dove la usi.

Headroom, gain staging e livello del segnale si influenzano a vicenda. Capire quella relazione è il modo in cui ottieni il massimo dal tuo mix e master.

Se sei arrivato a questo punto dell’articolo, sarai ad un ottimo punto di partenza per gestire i tuoi livelli e prendere le giuste decisioni sulla normalizzazione.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post