LANDR BLOG

Mix e masteringVideo

Mixare le voci 101: 6 passaggi per ottenere un suono pronto per il rilascio

Mixare le voci 101: 6 passaggi per ottenere un suono pronto per il rilascio

La voce è la parte PIÙ IMPORTANTE della canzone. Una volta terminata la registrazione, devi prenderti il tuo tempo e mixarla nel modo giusto.

Ma le voci non sono una cosa semplice. Possono essere incostanti, stonate, fuori tempo e ognuna suona diversa dall’altra.

Quindi, come si fa a far sì che la tua voce suoni al meglio del meglio prima di pubblicare la tua musica?

Questo è esattamente ciò di cui parleremo oggi. In 6 passaggi, sarai in grado di creare voci straordinarie.

Partiamo! Ma prima…

Decidi il tuo suono vocale

Prima di iniziare a mixare la tua voce, decidi qual è il tuo obiettivo. Come vuoi che suoni la tua voce?

Un errore comune nel mixaggio è seguire i tutorial senza pensare. Metti effetti e giri le manopole solo perché alcuni articoli te lo hanno detto.

Eppure non hai idea del suono che stai effettivamente cercando di creare. Fondamentalmente stai mixando alla cieca.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Select-Vocal-Style.jpg

SEMPRE assicurati di mixare con l’intenzione. Quando aggiungi compressione ed EQ, fallo con un certo suono in mente.

In questo modo, tutte le mosse di mixaggio effettuate saranno più precise e ti avvicineranno al suono che stai cercando realmente.

Questo concetto è particolarmente importante con le voci perché differiscono molto tra i generi.

  • Nel rock e nel metal le voci sono tradizionalmente più ruvide ed incisive. C’è più distorsione e un attacco più lento con la loro compressione.
  • Nel pop e nell’R&B sono estremamente consistenti e gasano. Necessitano di molta compressione ed effetti.
  • Nel folk e nel jazz, sono crude e pulite. Non si elabora molto la voce, solo un po’ di compressione, EQualizzazione e riverbero.

Come decidi quale dovrebbe essere il tuo obiettivo vocale? Scegli alcune tracce di riferimento e basa il tuo target sul loro suono vocale.

Non sei sicuro di come utilizzare i riferimenti? Guarda questo video sull’uso di tracce di riferimento e trova il materiale giusto per guidare il tuo mix.

Una volta deciso il tono vocale desiderato, è il momento di iniziare il mix.

Passaggio 1: sbarazzarsi di eventuali frequenze non buone con l’EQ

Prima di tutto, devi ripulire la tua voce.

Se stai registrando la voce a casa, probabilmente avrai delle risonanze nella stanza.

Queste sono fondamentalmente frequenze che sono molto rumorose in una particolare stanza, a causa delle sue dimensioni, forma e quantità di trattamento acustico.

A meno che tu non stia registrando in uno studio professionale, la stanza in cui stai registrando è stata probabilmente progettata per un altro uso. Una camera da letto, un seminterrato, un armadio… queste avranno tutte determinate risonanze.

Per trovarle, inserisci un plugin di EQ nella tua voce. Potenzia una delle bande di 12-24dB a una Q di circa 3.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-6.jpg

Quindi sposta lentamente la banda EQ dall’estremità inferiore a quella superiore. Questo è ciò che è noto come EQ Sweep.

Ascolta mentre stai spazzando. Qualcuna delle frequenze esce e diventa più forte? C’è una frequenza che suona particolarmente “male” all’ascolto?

Queste sono probabilmente le risonanze nella stanza. Ti consigliamo di tagliarle.

Quanto tagli (e quanto è largo il taglio) dipenderà da quella particolare traccia.
A volte la risonanza non è poi così pessima: qualche dB dovrebbe risolvere il problema.

Cerca di concentrarti principalmente sulle aree più problematiche. La tua stanza probabilmente ha molte risonanze, ma concentrati su quelle che sono più fastidiose.

Troppi filtri Q alti possono causare sfasamenti e filtro a pettine se non stai attento.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-7.jpg

A volte può suonare davvero male. Potrebbe essere necessario tagliare 10-20 dB dal suono madre.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-1.jpg

Per quanto riguarda la larghezza (Q), ricorda questo: se sembra che si trovi in ​​un’area specifica, una Q stretta andrà bene. Pensa tra 5 e 15. Se sembra che si trovi in ​​un’area più ampia, allora una Q leggermente più ampia ti aiuterà. Da qualche parte tra 2 e 5.

Dopo aver ripulito il tuo audio, è tempo di passare al passaggio successivo: de-essing.

Passaggio 2: doma la tua sibilanza con un de-esser

Le voci sono notoriamente difficili da domare. Ed un motivo è la sibilanza.

Per dirla semplicemente, la sibilanza è il suono che fai quando dici una consonante (tipo s, t, o z). È quel suono “sibilo” che fai con la lingua.

Nel mondo reale, la sibilanza non disturba davvero nessuno. Sembra normale. Tuttavia i microfoni tendono ad accentuarla, facendola suonare innaturale e dura.

Ecco perché abbiamo plugin come il de-esser. Hanno lo scopo di domare quella sibilanza.

Prima di iniziare: questo passaggio è facoltativo. Se la tua sibilanza vocale suona normale, allora non provare ad eliminarla! Potrebbe far suonare il tutto molto peggio.

I de-esser sono sostanzialmente compressori multibanda. Comprimono una parte molto specifica dello spettro delle frequenze e vengono attivati ​​solo quando quella parte diventa troppo forte.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-4.jpg

Sono piuttosto semplici da usare. In primo luogo, metti in solo la voce e in loop una parte particolarmente sibilante della canzone. Quindi, attiva la modalità “monitor” o “side-chain”. Fai sweep fino a trovare un’area che suona particolarmente dura durante la sibilanza. Una volta trovata, ripristinala su normale.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-5.jpg

Ora imposta la soglia. Vuoi solo che il de-esser si attivi durante la sibilanza. Se si sta attivando altre volte nella canzone, significa che la tua soglia è troppo bassa.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-8.jpg

Il trucco è colpire la soglia giusta. Non vuoi che comprima troppo poco o che non apporti nulla al tuo suono. Inoltre non vuoi che comprima troppo, o sembrerà che il cantante abbia la zeppola.

La maggior parte delle DAW viene fornita con uno stock de-esser che fa il suo lavoro. Se sei sul mercato per un suono più uniforme, consiglierei il Waves Renaissance DeEsser.

È conveniente, spesso in sconto e funziona alla grande. Una volta che la voce suona in modo naturale, è tempo di passare alla compressione.

Passaggio 3: controlla le tue dinamiche con la compressione seriale

Le voci sono uno strumento molto dinamico. Passano da morbide a rumorose in un istante, a volte in modo casuale. Quando stai cercando di creare coerenza in una canzone, tendono ad uscire troppo.

In questo caso vuoi usare un compressore per controllare quelle dinamiche e appianare le colline della tua voce. Più specificamente, si utilizzano molteplici compressori. Si chiama compressione seriale.

La compressione seriale è una tecnica in cui si utilizzano 2-3 compressori delicati anziché 1 compressore pesante.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-2.jpg

Quando un compressore lavora molto, tende a far suonare tutto meccanico ed innaturale. Sembra che la voce sia stata schiacciata da un rullo…compressore.

Invece, con alcuni compressori leggeri in fila, le voci risultano controllate ma naturali.

Non suonano pesantemente compresse, anche se la quantità di compressione è esattamente la stessa.

Per impostare la compressione seriale, attieniti alla seguente procedura:

  1. Carica un compressore. Uno qualsiasi.
  2. Successivamente, abbassa la soglia e aumenta il rapporto su impostazioni estreme. Ciò consente di ascoltare chiaramente il funzionamento del compressore.
  3. Inizia con un tempo di attacco medio di circa 15 ms e aggiusta a piacere. Un attacco rapido (5ms) renderà la tua voce densa e pesante. Un attacco lento (30ms) renderà la tua voce incisiva ed aggressiva.
  4. Immetti un tempo di rilascio medio di 40 ms e regola da lì. Prova a far pompare il compressore a tempo con la musica.
  5. Una volta stabilito l’attacco ed il tempo di rilascio, abbassa il rapporto tra 1,5:1 e 3:1.
  6. Regola la soglia (threshold) ed il rapporto (ratio) fino ad ottenere una riduzione del guadagno media di 2-3 dB (o superiore per la musica più pesante).
  7. Aumenta il tuo makeup gain in modo che il volume della traccia sia lo stesso di prima.
  8. Infine, duplica il plugin del compressore. Controlla le impostazioni per assicurarti di ottenere la stessa quantità di riduzione del guadagno. Se desideri una maggiore riduzione del guadagno, duplica nuovamente il plugin.

Ricorda, a volte queste impostazioni non funzionano nell’intero brano.

Se ci sono parti della tua canzone troppo rumorose per i compressori, prova a utilizzare l’automazione del guadagno. È la salsa segreta per una voce coerente.

Passaggio 4: dai forma al tuo tono con un altro EQ

Ora che la tua voce è seduta “in tasca”, è il momento di modellare il tono con un po’ di equalizzazione tonale.

L’EQ tonale è esattamente questo: l’EQ che modella il tono di una traccia.

Invece di “pulire” una traccia come l’EQ di risonanza della stanza, l’EQ tonale ti consente di modificare il tono per trovare il suono che stai cercando.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/Mixing_Vocals__Step-3.jpg

Quello che fai con il tuo EQualizzatore tonale dipende interamente da te. Ogni traccia è diversa, quindi è difficile dare un consiglio universale.

In ogni caso, assicurati di ascoltare la tua traccia di riferimento. Vuoi che la tua voce suoni il più vicino possibile alla reference.

Se la tua voce suona più fangosa del tuo riferimento, potresti voler tagliare alcuni delle medio-basse.

Se la tua voce è meno interessante del tuo riferimento, potresti voler migliorare da qualche parte le medio-alte.

Se la tua voce è più scura del tuo riferimento, potrebbe essere necessario un potenziamento della fascia alta.

Ma ancora una volta, ogni traccia è diversa. Non ci sono regole rigide qui. Usa le tue orecchie e trova il tuo sapore.

È importante notare che vorrai fare mosse più sottili durante questa parte del processo. Di solito i tuoi potenziamenti e tagli saranno compresi tra 2-3 dB e non più di 5 dB. È facile lasciarsi trasportare da un viaggio di potere e rovinare la voce con troppa equalizzazione.

Passaggio 5: aggiungi un po’ di spazio con qualche riverbero o delay

Se hai registrato correttamente la tua voce, dovrebbero suonare leggermente troppo asciutte per la tua canzone. Vuoi che la tua voce sia l’elemento più diretto e centrale della canzone, quindi registrare una voce in una stanza ben trattata è un grande vantaggio.

Detto questo, una voce nuda e cruda suonerà sempre in modo strano.

In pratica vuoi aggiungere un po’ di spazio dietro con un po’ di riverbero o ritardo.

Scegliere riverbero o delay per dare un po’ di spazio alla tua voce dipende dal suono che stai cercando.

Il riverbero sembra più naturale, ma spinge la voce più indietro nel mix.

Se vuoi una voce super ravvicinata (pensa al pop o al rap), probabilmente non ti servirà.
Se invece stai lavorando ad una voce più folk o da ballata, il riverbero è perfetto.

Il delay suona meno naturale, ma mantiene la voce vicina nel mix. È abbastanza comune usare un delay corto per creare spazio in generi più prodotti, come R&B e pop.

Ecco come:

Come creare un riverbero vocale:

Per creare un vocal reverb, inizia inviando la tua voce ad una traccia AUX. Metti il ​​tuo miglior plugin di riverbero su di essa.

Questo processo è diverso per ogni DAW, quindi cerca “come creare una mandata [inserisci DAW qui]” se non sei sicuro di come funzioni nel il tuo sistema.

Assicurati che il tuo riverbero sia impostato su “wet al 100%” per evitare che il suono diretto venga emesso.

Imposta il tempo del tuo riverbero sul tempo della traccia. Per fare ciò, ruota il tempo di riverbero fino a 4 secondi, quindi sposta lentamente il tempo verso il basso fino a quando suona bene.

In generale, i tempi di riverbero più brevi funzionano meglio per evitare un mix fangoso. Questo di solito significa un tempo di riverbero inferiore a due secondi.

Vuoi che il tuo riverbero svanisca prima della frase successiva. Ad esempio: se metti in solo la tua voce nel ritornello, vuoi che il ​​riverbero della prima frase svanisca prima che inizi la frase successiva.

Questa regola empirica eviterà che il tuo riverbero renda la voce incasinata e incontrollata.

Una volta impostato il tempo di riverbero, controlla il pre-delay. Il pre-delay è quanto tempo impiega il riverbero ad entrare dopo l’inizio della voce. Le nostre orecchie usano naturalmente il pre-delay per determinare quanto siamo lontani dalle pareti di una stanza. Per una voce, il pre-delay è un modo perfetto per impedire al riverbero di confondere gli inizi delle parole.
Sperimenta i tempi di pre-delay e scopri cosa si adatta meglio alla canzone. Di solito da qualche parte tra 30-100 ms va bene.

Imposta il parametro della distanza. Questo determina quanto è vicino l’ascoltatore al cantante.

Se vuoi che la tua voce sia il più frontale e personale possibile, prova a impostare una distanza molto bassa.

Infine, metti un plugin di EQ prima del riverbero per controllare il tono dello spazio.

Il tuo suono di riverbero vocale ha un grande impatto sul suono della voce stessa. Spesso, puoi usare il tuo riverbero per risolvere problemi che non sei stato in grado di risolvere con l’elaborazione vocale.

Se hai una voce troppo scura, ad esempio, potrebbe essere una buona idea tagliare le medio-basse del riverbero e potenziare la parte superiore. In questo modo otterrai un bel luccichio sottile senza dover fare il boost sulla parte superiore della voce stessa.

Inoltre, di solito è una buona idea eliminare i bassi di un riverbero. Quell’area non è utile per la voce: confonde semplicemente il mix.
Ora il riverbero è bello e pronto.
Il passaggio finale è semplice:

Imposta il livello del tuo riverbero:

Durante la riproduzione del brano in loop, abbassa completamente il riverbero.

Quindi alzalo lentamente fino a quando non lo noti. Dopo averlo fatto, abbassalo leggermente; di solito sopravvaluti quanto dovrebbe suonare forte.

Il riverbero ed il delay sono generalmente pensati per essere percepiti, non ascoltati. Il posto giusto non è dove è udibile ed evidente. Il posto giusto è dove la voce si siede nel mix con il resto degli strumenti.

Ora, ti spiegherò come impostare il delay della voce.

Come impostare un delay vocale

Per una voce energica e potente, prova a impostare un ritardo slapback stereo. È un trucco che i mixer professionisti usano per mettere la loro voce in primo piano e allo stesso tempo coesa.

Per prima cosa, crea una traccia aux per il delay stereo. Invierai la nostra voce lì per essere elaborata.

Proprio come il riverbero, assicurati che il delay sia impostato su wet al 100% (o, a seconda del plugin, che la manopola di mixaggio sia impostata al 100%).

Quindi, scollega i lati del ritardo stereo.
Vorrai modificare i tempi di ritardo di entrambe le parti in modo indipendente.

Imposta un lato a 50-200 ms e l’altro a circa 20-50 ms subito dietro. Il numero esatto dipenderà da quanto ovvio desideri che l’effetto sia. Più lungo è il ritardo, più evidente
sarà.

Alza il tempo di ritardo, quindi abbassalo lentamente fino a quando non suona bene alle tue orecchie.

Imposta il feedback su 0-15%.
Tradizionalmente, questo NON ha feedback, il che significa che ha una sola ripetizione.
Tuttavia, avere alcuni ritardi extra aiuterà l’effetto a sembrare più naturale.

Ora farai la stessa cosa che abbiamo fatto con il nostro riverbero vocale: dai forma al tono con il nostro equalizzatore. Ricordati di non trattarlo esattamente come il tuo riverbero.

I ritardi dello slapback di solito hanno filtri nella fascia bassa e alta per rendere il ritardo “adatto alla voce”.

Di solito taglio fino a 300Hz e fino a 3kHz al massimo. Assicurati di usare le orecchie: taglia solo se lo ritieni necessario per il brano! Non tagliare solo per il gusto di farlo.

Infine, devi solo mixare il ritardo!

Il processo è lo stesso del tuo riverbero vocale. Durante la riproduzione del brano in loop, abbassa completamente il delay. Quindi alzalo lentamente finché non ti suona bene. Ora abbassalo leggermente.

Questo è tutto! La tua voce è quasi finita. Solo un altro passo…

Passaggio 6: aggiungi un po’ di sapore con gli effetti

Gli effetti vocali sono fantastici per dare un po’ di carattere alla tua voce. E ci sono così tanti effetti diversi tra cui scegliere.

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare:

  • Aggiungi un po’ di chorus ad una mandata. Questo fa un ottimo lavoro nel diffondere la voce nel campo stereo.
  • Aggiungi anche un po’ di flanger. Questo darà alla tua voce quel suono “lazer” che ascolti in molti dischi degli anni ’70 e ’80.
  • Usa un pitch shifter per introdurre un tocco di ottava più alta o più bassa. Questo è un ottimo modo per addensare leggermente la tua voce, oltre a renderla più calda o più luminosa.
  • Raddoppia la tua voce. Questo è qualcosa che dovresti fare in fase di registrazione, ma è un grande effetto per dare alla tua voce un suono denso, “di gruppo”.
  • Passa la tua voce attraverso un simulatore di amplificatore per chitarra per aggiungere un po’ di grinta estrema. Questo è ottimo per i generi più blues ed aggressivi.

Puoi scegliere tra mille opzioni… Sperimenta tutto ciò che ti viene in mente per creare il tuo suono vocale unico!

Mixa bene la tua voce

Se segui questi passaggi, finirai con una voce dal suono incredibile.

Più ti alleni, migliori saranno i risultati. Alla fine, produrrai suoni vocali che competono con le cose che ascolti alla radio.

Continua a lavorare ed otterrai risultati sorprendenti!

Basta ricordare questi passaggi:

  1. Sbarazzati di qualsiasi risonanza della stanza con un equalizzatore
  2. Domina la tua sibilanza con un de-esser
  3. Controlla la tua dinamica con la compressione seriale
  4. Dai forma al tuo tono con un altro EQ
  5. Aggiungi un po’ di spazio con qualche riverbero o delay
  6. Aggiungi un po’ di sapore con gli effetti

In bocca al lupo!

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post