LANDR BLOG

Mix e mastering

Le crude verità: un buon mix ha bisogno di tanto lavoro

Le crude verità: un buon mix ha bisogno di tanto lavoro

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Benvenuti in Le crude verità, la serie sul blog di LANDR in cui andiamo al sodo e affrontiamo una dura realtà dal mondo della produzione musicale. Questo è il consiglio che potresti non voler sentire, ma ti renderà un produttore migliore. 

A volte tutto procede senza intoppi in una sessione e il tuo processo sembra semplice. Sfortunatamente, non è sempre così.

Vogliamo che il mixaggio sia facile, dia soddisfazione e sia divertente, e talvolta lo è! Ma qualsiasi ingegnere professionista può dirti che gran parte del loro tempo è dedicato a compiti difficili e impegnativi.

Arriverò direttamente alla cruda verità di oggi: ottenere un buon mix è un duro lavoro.

Ciò non significa che non ci siano modi per semplificarti la vita mentre mixi. Ma se non sei disposto ad impegnarti, i tuoi risultati non saranno mai all’altezza.

Questo articolo non vuole creare traumi.

Il rovescio della medaglia di questa dura verità è che puoi migliorare il suono delle tue tracce di base alla grande se ti impegni semplicemente a fare tutto il possibile.

Ecco come.

Suda i dettagli

Potrebbe sembrare noioso, ma passare il tempo sui dettagli delle tue tracce paga sempre.

Potrebbe sembrare noioso, ma passare il tempo sui dettagli delle tue tracce paga sempre.

Sto parlando di attività di base come editare la voce, controllare le modifiche, mettere a punto l’automazione e mantenere una buona struttura dei guadagni.

In pratica, queste potrebbero non essere tutte attività puramente di mixaggio, ma fanno una grande differenza nel tuo mix.

1. Pulizia

Un editing fatto male o tracce composte frettolosamente possono interrompere il flusso di un’esibizione vocale avvincente.

Rumore, clic e pop in eccesso e qualsiasi altro artefatto del processo di tracciamento devono essere gestiti affinché le tue tracce di base suonino al meglio.

La parte peggiore? Le operazioni di mix che influenzano la gamma dinamica aumentano quasi sempre gli effetti negativi di questi artefatti.

Ciò significa che ogni volta che si applica la compressione o la limitazione si aumenta il livello di rumore della materia prima. Se c’è un rumore in eccesso, lo sentirai tutto, specialmente dopo il mastering.

Assicurarsi che ogni singola traccia della tua sessione venga ripulita perfettamente per il mixaggio è un lavoraccio, ma ne vale la pena.

Assicurarsi che ogni singola traccia della tua sessione venga ripulita perfettamente per il mixaggio è un lavoraccio, ma ne vale la pena.

Fare questo piccolo sforzo è fondamentale!

2. Automazione

L’automazione può essere un punto critico simile. Regolare individualmente decine di punti di interruzione un dB per volta è noioso.

Eppure fa la differenza. C’è solo un certo livello di compressione che può bilanciare i tuoi livelli prima che inizi a farsi notare troppo.


Prendersi il tempo di fare passaggi di automazione per fonti molto dinamiche può darti risultati migliori dai tuoi plugin.

Non perdere l’occasione di ottenere di più dal tuo mix solo perché richiede tempo.

3. La gestione del guadagno

Nel calore del momento potresti ritrovarti a perdere traccia della tua struttura di guadagno.

Man mano che le catene degli inserti diventano più lunghe e complesse, sei obbligato a dimenticare di controllare i tuoi misuratori e regolare di conseguenza il tuo gain.

Infatti rimanere bloccati con i livelli caldi nel mix bus può avere un grande impatto. Un headroom insufficiente è uno degli errori principali di mix che vediamo nelle tracce caricate su LANDR.


Se non ti prendi del tempo extra per controllare la struttura del guadagno man mano che procedi, riappropriarsi dei tuoi livelli alla fine potrebbe cambiare il modo in cui i plugin interagiscono tra loro e di conseguenza modificare il tuo mix.

Fai del tuo meglio per tenere d’occhio la tua headroom durante il processo di mixaggio.

Fai del tuo meglio per tenere d’occhio la tua headroom durante il processo di mixaggio.

Prendi di petto il tuo lavoro

Tenendo presente tutto ciò, ingegneri efficienti fanno tutto il possibile per ridurre il tempo che impiegano a gestire le difficoltà del mix.

Il modo migliore per farlo è iniziare prima ancora che inizi il processo di mixaggio.

Rimanere vigili durante una sessione e cogliere errori mentre si verificano richiede concentrazione, ma fai del tuo meglio.

Resisti alla tentazione di rimandare la gestione dei problemi nel momento, anche se interrompono l’azione della sessione.

Correggere i problemi in seguito con soluzioni tutt’altro che ideali si manifesta nel prodotto finale.

Correggere i problemi in seguito con soluzioni tutt’altro che ideali si manifesta nel prodotto finale.

E se qualcosa è andato storto, potresti anche essere costretto a ri-registrare. Questo raddoppierà comunque il tuo lavoro!

Crea modelli

È importante prevenire i problemi prima che si verifichino. E riguardo i miglioramenti del flusso di lavoro che è possibile utilizzare durante il processo di mixaggio?

Un’opzione utile è quella di creare una serie di modelli di mix.

I modelli di mix sono un argomento delicato. Alcuni ingegneri giurano fedeltà, altri dicono che non sono così utili.

Potrebbe non esserci consenso nella comunità dell’audio professionale, ma i modelli possono semplificare parte del flusso di lavoro.


Eventuali azioni ripetibili nei tuoi mix possono essere aggiunte ad un modello che ti consente di risparmiare tempo in qualsiasi situazione.

La maggior parte degli ingegneri smette di usare i template per i singoli canali, ma se ti trovi a utilizzare lo stesso EQ e compressore su tutte le tue kick drums in ogni mix, perché no?!

Dietro le quinte

Potrebbe sembrare che tutto questo lavoro renda il mixaggio completamente privo di fascino. Ed ecco una verità correlata: più sembra facile, più è difficile ottenere buoni risultati.

Artisti, ingegneri e produttori vogliono che pensi che i loro risultati siano il prodotto di pura intuizione musicale.

Più spesso, stai ascoltando un approccio calcolato che ha richiesto una certa quantità di tentativi ed errori per perfezionarsi.

Un primo esempio sono i suoni “lo-fi” che a volte vengono utilizzati per effetti anche in produzioni con budget elevati.

All’inizio può sembrare che l’ingegnere abbia semplicemente inserito una parte della demo approssimativa dell’artista per catturare la sensazione “grezza” di una prima interpretazione.

In realtà questi toni lo-fi sono spesso tra i suoni più elaborati in un mix.

Ci vuole molta finezza di mix affinché queste trame funzionino davvero nel modo in cui sono state progettate.

Una cosa è certa: sicuramente non è un microfono a caso non modificato!

Preparati ad approcci creativi e non convenzionali essere più stimolanti delle tecniche collaudate e vere.

Ma non lasciare che questo ti fermi. Proprio come qualsiasi innovazione, vedi sempre e solo la punta dell’iceberg!

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post