LANDR BLOG

Mix e mastering

I 13 migliori studi di mastering al mondo

I 13 migliori studi di mastering al mondo

Il meglio del meglio del mastering.

Dall’invenzione del LP in vinile, all’alba dell’mp3 senza forma, i formati di ascolto della musica sono stati in costante mutamento. Il mastering audio si è trasformato nel tempo. Di conseguenza anche il ruolo dell’ingegnere di mastering si è ampiamente evoluto; da specialista tecnico ad un ruolo molto più vasto ed influente: il “portiere” di un suono eccezionale.

La cosa sorprendente degli studi di mastering è che, nonostante tutte queste mutazioni, i migliori studi ed ingegneri sono rimasti, sopravvivendo alle tendenze musicali ed in tanti casi, sfidando gli ideali consolidati nell’audio (vedi le guerre del volume).

Incredibilmente, circa il 90% dei più grandi successi commerciali nel mondo degli ultimi 70 anni può essere ricollegato a 10-15 studi.

Questo post è un omaggio ai maestri del mastering ed un’introduzione ai nomi (non sempre conosciuti) di chi ha dato quella lucentezza ai migliori dischi di sempre.

1.Sterling Sound

new old top_mastering_studios2__1428354848_24.37.204.38

Fondato a New York alla fine degli anni ’60, le onde radio di Sterling Sound hanno risuonato con la musica di tutti, da Bob Dylan a Beyonce. Sterling è una delle case di mastering più influenti dei nostri giorni e in qualsiasi momento, il 30% delle classifiche americane, includerà probabilmente i master di Sterling.

Le loro liste di ingegneri vantano alcuni dei più grandi nomi del settore, tra cui ragazzi come Ted Jensen, Greg Calbi, Tom Coyne e il compianto George Marino. La “rockstar” del mastering Bob Ludwig è stato persino presidente per un certo periodo.

La versione masterizzata suona meglio, non solo più forte? La musica ha un impatto maggiore sull’ascoltatore medio? Trasmette meglio ciò che il produttore, l’ingegnere e l’artista stavano cercando di catturare durante la registrazione?

– Il presidente della Sterling Sound Murat Aktar sull’arte del mastering.

2. The Exchange

new old top_mastering_studios3__1428354861_24.37.204.38

26 anni di attività, The Exchange è rimasta una delle principali case di mastering di Londra. La loro discografia combinata è molto progressiva e comprende tutti, da King Tubby a Grace Jones, da Bjork ai Daft Punk.

Si sono fatti un nome nel mondo electro e dance attraverso il lavoro di ingegneri come Mike Marsh e il compianto Nilesh Patel. Ancora specializzati nel mastering per vinile, oggi sono importanti come non lo sono mai stati, soddisfacendo sia le grandi etichette sia le etichette underground di nicchia che cercano il meglio.

3. Gateway Mastering

new old top_mastering_studios4__1428354875_24.37.204.38

Fondata nel 1992 a Portland, ME da Bob Ludwig, ex vicepresidente di Sterling Sound E Masterdisk. Ha lasciato le major a New York per farsi strada da solo. Bob È il suono del Rock ‘n’Roll e Gateway è la continuazione della sua eredità.
Coloro che non hanno familiarità con il suo lavoro dovrebbero scorrere i suoi crediti, e trovare: Led Zeppelin, Rush, Jimi Hendrix, The Police, Paul McCartney, Eric Clapton, Rolling Stones, Def Leppard, Nirvana, The Who, Bruce Springsteen, Dire Straits e Daft Punk.

“Con così tante registrazioni fatte in scantinati e garage, la necessità di un buon mastering è più grande che mai, anche se a causa della mancanza di budget molte persone che hanno un disperato bisogno di mastering non possono permetterselo.”

-Bob in conversazione, Positive Feedback numero 58.

4. Abbey Road Studio

new old top_mastering_studios5__1428355011_24.37.204.38

Nata nel 1931 a Londra, in Inghilterra. Abbey Road è famosa per aver dato vita ai suoni dei Beatles ed è forse lo studio più riconosciuto al mondo. Più che un semplice sito turistico, gli studi continuano a prosperare come strutture di registrazione e mastering. Non sorprende che Abbey Road abbia avuto una grossa responsabilità nella British Invasion, inclusi i mastering di Joy Division, New Order, Radiohead e The Wire.

È una combinazione della leggendaria acustica di Abbey Road, dell’attrezzatura all’avanguardia, degli ingegneri e, naturalmente, della tradizione, della storia che tiene Abbey Road in grande considerazione.

Offrono anche questo fantastico feed live dell’incrocio di Abbey Road.

5. Bernie Grundman Mastering

new old top_mastering_studios6__1428355025_24.37.204.38

Est. nel 1984 a Hollywood, CA. Da Slayer a Thriller, il 95% del mondo non ha mai sentito il suo nome né il suo studio. Tuttavia, sono disposto a scommettere che la maggior parte delle persone ha ascoltato una canzone masterizzata da Bernie e/o da un suo membro dell’equipaggio, che include il famigerato Brian ‘Big Bass’ Gardner.

La discografia di Grundman è incredibile e vanta oltre 37 nomination ai Grammy. Meglio conosciuto come specialista nella progettazione e modifica di tutte le sue console da studio, è famoso per essere un mago orientato ai dettagli. Curiosità: Janelle Monae ha omaggiato Bernie nel suo successo del 2013, Q.U.E.E.N.

6. Georgetown Masters

new old top_mastering_studios7__1428355038_24.37.204.38

Fondato nel 1985 a Nashville, TN da Denny Purcell (1950-2002). Denny è praticamente responsabile del mastering dell’intera sezione di musica country del tuo negozio di dischi locale. Georgetown Masters è la sua eredità. Gestito dal suo protetto Andrew Mendelson, la loro lista di clienti comprende Chet Atkins, Mark Knopfler, Garth Brooks, Mary Chapin Carpenter, Vince Gill, Donna Summer e Neil Young.

I Georgetown studios sono famosi per essere allineati su chitarre e amplificatori piuttosto che i tradizionali dischi d’oro. La personalità di Denny è famosa quanto il suo approccio al mastering.

Riesco a sentire la voce di Willie mentre scrivo questo.

7. Masterdisk

new old top_mastering_studios8__1428355054_24.37.204.38

Un altro mostro sacro di New York City, Masterdisk è stato creato nel 1973 come spin-off e braccio di produzione della Mercury Records. Da allora la società ha cambiato le mani in molte occasioni e ha supervisionato il mastering di alcuni album enormi. Dagli U2 a Kanye lo studio è un attore protagonista da un po’ di tempo.

Scott Hull è l’attuale direttore dopo aver assistito l’ex vicepresidente Bob Ludwig per oltre un decennio. Greg Calbi e Howie Weinberg sono anche ex-allievi di Masterdisk.

8. Dubplates & Mastering

new old top_mastering_studios9__1428355067_24.37.204.38

Il braccio di comando di uno dei più influenti collettivi della scena techno tedesca (casa di Moritz Von Oswald & Basic Channel di Mark Ernestus e del venerabile negozio di dischi Hardwax). Ci sono, naturalmente, altri grandi studi di mastering che escono dalla scena elettronica, ma Dubplate ha sempre avuto un’aura di magia attorno, in parte a causa della loro posizione a Berlino e dello status di culto dei loro artisti principali.

9. Dave Collins e A&M Mastering

Dave Collins è ampiamente noto per il suo lavoro in dinamica e volume. Una rapida ricerca del suo nome nei forum e avrai le prove della sua autorevole influenza. Che si tratti di masterizzare The Police o Weezer, Dave è riuscito ad ottenere un volume decente senza abbattere le tracce con la compressione ed è una celebrità per questo.
Anche se da allora si è stabilito con il proprio studio (Dave Collins Mastering), Dave ha masterizzato molti dei suoi più grandi dischi negli A&M Studios di Hollywood (RIP).

10. The Mastering Lab

new old top_mastering_studios10__1428355089_24.37.204.38

Fondata nel 1967 a Hollywood, California, da Doug Sax, questi ragazzi erano gli idealisti senza compromessi, costantemente in discussione con le tecniche del settore, combattendo gli standard (come il 16/44.1) e insistendo sul meglio a tutti gli estremi della catena.

È noto che la maggior parte dell’attrezzatura nel loro laboratorio di mastering è stata costruita su misura dal fratello di Doug per una chiarezza del segnale ottimale. Quando il digitale ha iniziato a prendere piede, la sua etichetta Sheffield Audio co ha prodotto queste magliette (qui sopra). Meglio conosciuto per aver lavorato al mastering di Pink Floyd, The Doors e Zappa.

11. Howie Weinberg Mastering

Howie Weinberg Mastering

Howie ha iniziato con il mastering presso Masterdisk nel 1977 e da allora ha lavorato con innumerevoli artisti iconici e dischi come Sonic Youth, Blood Sugar Sex Magic, Smashing Pumpkins, RUN DMC e Nevermind dei Nirvana. Il re del suono del 1990, e uno degli istigatori della ‘loudness war’, è senza dubbio uno degli ingegneri più influenti in giro.

Nel 2011, si è trasferito sulla costa occidentale e ha fondato il suo studio nel Laurel Canyon. Guardando al futuro, Howie ha persino un’app di mastering (con la sua faccia sopra)!

12. Salt Mastering

Un nuovo arrivato relativamente (rispetto ad alcuni nella lista) è Salt Mastering, che si trova a Greenpoint, BK. Ha masterizzato i più grandi nomi indie negli anni ’00. Sono stati il punto di riferimento per etichette come Secretly Canadian, Sounds Familyre, Fat Cat, Domino Records, Warp Records e Drag City, nonché per band come Gang Gang Dance, LCD Soundsystem, Dirty Projectors e Besnard Lakes.

13. Metropolis

new old top_mastering_studios12__1428355106_24.37.204.38

Fondata nel 1993, Metropolis è diventata rapidamente un punto fermo nella scena, masterizzando importanti successi commerciali e produzioni indipendenti. Metropolis ha numerosi crediti tra cui Amy Winehouse, U2, Adele, Bjork, The Killers, Led Zeppelin, Madonna e The Beatles.

Metropolis vanta un elenco di ingegneri di mastering di fama mondiale tra cui Ian Cooper (Hounds of Love, Heroes, Lust For Life) John Davis e Stuart Hawkes. Fondamentalmente, nell’attuale mondo pop, questi ragazzi sono considerati all’apice.

Menzioni d’onore:

Precise Mastering, Bob Katz, Trutone Mastering, Lacquer Channel, Golden Mastering, Randy’s Roost, Paramount Studios, Classic Sounds, Motown Studios, The Record Plant e heros locali: Gray Market Mastering

Questa è solo la punta dell’iceberg del mastering… approfondiremo nei prossimi mesi, con singoli ingegneri e case di tutto il mondo.

 

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post