LANDR BLOG

Strumenti musicali

Le crude verità: I plugin gratuiti ti stanno bloccando

Le crude verità: I plugin gratuiti ti stanno bloccando

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Benvenuti in Hard Truths (“le crude verità”), la serie sul blog di LANDR in cui tagliamo il superfluo e affrontiamo una dura realtà dal mondo della produzione musicale. Questo è il consiglio che potresti non voler sentire, ma ti renderà un produttore migliore.

Argomento di oggi: i plugin gratuiti ti stanno bloccando

Affrontiamolo. I plugin VST gratuiti creano dipendenza.

Li abbiamo trattati spesso sul blog di LANDR ed è facile capirne l’attrazione.

Fare scorta di fantastiche app gratuite con cui modellare nella tua DAW è nella nostra naturale psicologia del collezionismo.

Ma ecco la dura verità: i plugin gratuiti non sono quasi mai buoni quanto le loro controparti a pagamento.

Non fraintendermi. Il fatto che così tanti strumenti audio funzionali siano disponibili gratuitamente è un grande vantaggio dell’era della registrazione digitale.

Gli sviluppatori intraprendenti possono creare un plugin gratuitamente nel loro tempo libero e pubblicarlo online per consentire a chiunque di scaricarlo.

E questo è fantastico. Ma c’è un motivo per cui non troverai molti ingegneri di alto livello con una cartella piena di equalizzatori freeware…

1. Non tutti i plugin sono uguali

Fianco a fianco, due plugin potrebbero non sembrare troppo diversi in superficie. Ma sotto il cofano, l’ingegneria che alimenta i tuoi effetti può variare ampiamente in termini di qualità.

Fianco a fianco, due plugin potrebbero non sembrare troppo diversi in superficie. Ma sotto il cofano, l’ingegneria che alimenta i tuoi effetti può variare ampiamente in termini di qualità.

Lo sviluppo di strumenti di mixaggio digitale di qualità è estremamente difficile. Le sfide tecnologiche legate alla costruzione di un EQ o compressore dal suono eccezionale sono scoraggianti.

Non è impossibile che un singolo sviluppatore che lavora da solo possa ottenere risultati impressionanti.

Ma è più probabile che team ben finanziati che creano prodotti commerciali possano fare meglio con le risorse extra che hanno.

I plugin sono diventati una parte importante del settore degli strumenti nell’ultimo decennio.

La richiesta del mercato di prestazioni sempre migliori con ogni generazione ha reso i plugin moderni estremamente sofisticati.

La forte concorrenza tra i produttori non ha fatto altro che aumentare il ritmo dello sviluppo mentre i marchi corrono per rilasciare il prossimo effetto e fare il vuoto.


Tali pressioni pongono le offerte a pagamento di produttori rispettati su una base di riferimento superiore rispetto al freeware sviluppato in modo indipendente.

2. La qualità costa denaro

La semplice realtà è che lo sforzo e la dedizione che gli sviluppatori commerciali mettono nelle loro creazioni non costano poco.

La semplice realtà è che lo sforzo e la dedizione che gli sviluppatori commerciali mettono nelle loro creazioni non costano poco.

È vero che l’overhead necessario per vendere un prodotto con distribuzione digitale è molto più basso di un hardware fisico.

Ma ci sono ancora centinaia di ore di ricerca e sviluppo che vanno all’ingegneria e alla progettazione di plugin di alto livello.

Potrebbe sembrare che dovrai fare un investimento enorme, ma la buona notizia è che il costo per impossessarsi di processori di alto livello è notevolmente diminuito dall’era analogica.

In passato avresti avuto bisogno di centinaia di migliaia solo per iniziare a mixare musica.

Oggi l’EQ digitale più avanzato sul mercato è $199 USD. Lo definirei decisamente conveniente!



Con il flusso costante di sconti e disponibilità diplugin in “affitto a riscatto”, la buona qualità non è mai stata più alla portata del produttore medio.

3. Non hai bisogno di un milione di VST

È facile scaricare plugin dopo plugin mentre sfogli molteplici VST gratuiti. Ma quanti ne userai per davvero?

È facile scaricare plugin dopo plugin mentre sfogli molteplici VST gratuiti. Ma quanti ne userai per davvero?

La verità è che puoi mixare perfettamente un intero album usando solo un compressore e un plugin EQ.

Avere troppi processori diversi tra cui scegliere renderà solo più difficile sceglierne uno e passare alla fase di mixaggio.

Non solo, qualsiasi elaborazione aggiunta ai segnali sorgente viene fornita con un proprio set di pro e contro.

Forse acquisisci un certo controllo sulla dinamica o sull’equilibrio di frequenza, ma introduci effetti negativi altrove.

Problemi legati all’equalizzatore come lo sfasamento o il “pumping” innaturale dato dall’eccessiva compressione possono insinuarsi in un mix denso.

Per creare un buon mix, devi ridurre al minimo quegli effetti indesiderati. Gli ingegneri esperti sanno quando stanno facendo più male che bene con la loro elaborazione.

Un modo per ridurre al minimo i danni collaterali? Scegli uno strumento di alta qualità.

Un modo per ridurre al minimo i danni collaterali? Scegli uno strumento di alta qualità.

Vale la pena possedere almeno un compressore ed EQ su cui poter fare affidamento per mantenere intatta la fedeltà del materiale sorgente per le attività di mixaggio più critiche.

Almeno allora saprai che la qualità del tuo risultato finale si basa sulla qualità delle tue decisioni di mixaggio, non sulle carenze dei tuoi strumenti.

Libera la tua mente

Quindi che consiglio dovresti prendere da questa hard truth?

Scarica tutti i plugin gratuiti che desideri, ma assicurati di avere almeno alcuni strumenti di alta qualità su cui puoi fare affidamento.

Probabilmente hai solo bisogno di un EQ ed un compressore davvero buoni e forse un bel riverbero per creare un ottimo mix; e la qualità è più economica di quanto non sia mai stata.

Dai, non male!

Modellare il tuo suono con oltre 30 synth, strumenti, effetti e plugin di utilità da leader del settore come Arturia, UJAM e altri. Prova i plugin LANDR.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post