LANDR BLOG

Distribución musical

Comprendere copyright, licenze e sincronizzazione della musica con Virginie Berger

Comprendere copyright, licenze e sincronizzazione della musica con Virginie Berger

Conosci i tuoi diritti: è fondamentale se lavori come musicista indipendente.

Gli aspetti legali della musica possono creare mal di testa a qualsiasi musicista. Ma capire quel lato del settore è cruciale se lavori come musicista indipendente.

Conoscere i tuoi diritti significa sapere quando ti sono dovuti dei soldi per la tua musica.

Le licenze musicali nell’odierna industria musicale sono diventate complicate e caotiche. Oltretutto… da dove si inizia? Copyright, licenze e sincronizzazioni…cosa significa tutto ciò? E come si differenziano l’uno dall’altro?

Virginie Berger ha le risposte che cerchi. Berger è il CEO del centro di licenze musicali Armonia, il primo sforzo paneuropeo nel suo genere. Il loro obiettivo? Rendere più semplici le licenze e le elaborazioni musicali online per garantire un trattamento equo per tutti.

Sotto, Berger condivide tutto ciò che è necessario sapere su copyright, licenze musicali e sincronizzazioni per dare un senso a come ottenere un compenso per la tua musica.

Cos’è il copyright in musica?

Il diritto d’autore (o copyright) è il diritto alla proprietà intellettuale di un’opera, e si basa su due principi:

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/12/cord-inpost.png

1. Diritto morale:

Il riconoscimento della proprietà del lavoro e il rispetto per l’integrità del lavoro. Apparterrà sempre all’autore. Sfortunatamente, gli Stati Uniti non riconoscono i diritti morali.

2. Diritto economico:

Gli autori hanno il diritto esclusivo di autorizzare lo sfruttamento del loro lavoro attraverso l’esecuzione pubblica o la riproduzione e di essere compensati per l’uso del loro lavoro. Un autore può affidare ad una società di riscossione di gestire i propri diritti economici.

Cos’è la licenza musicale?

Le licenze musicali sono l’uso autorizzato di musica protetta da copyright per i diritti di esecuzione pubblici.

Le licenze musicali sono l’uso autorizzato di musica protetta da copyright per i diritti di esecuzione pubblici. Una licenza deve essere ottenuta dal cantautore o dall’editore ogni volta che una registrazione della composizione viene riprodotta come parte di una trasmissione.

Il proprietario di un’opera protetta da copyright ha il diritto esclusivo di riprodurre, distribuire, eseguire pubblicamente, mostrare e adattare l’opera protetta da copyright. Ciò include il diritto di autorizzare o rifiutare di autorizzare altri a esercitare tali diritti.

Ciò significa che per la maggior parte della musica inclusa nella programmazione broadcast tradizionale, è necessario ottenere una licenza e pagare i costi della licenza. Per usi diversi, saranno necessari diversi tipi di licenze. Inoltre, a seconda del tipo di utilizzo, potrebbe essere necessaria una licenza dall’editore musicale, dall’etichetta, o da entrambi.

Chi si occupa delle licenze?

Performing Rights Organizations (PROs) e Collective Management Organisations (CMOs) sono responsabili della concessione di licenze per le esibizioni pubbliche.

Piuttosto che concedere in licenza ogni canzone separatamente, le emittenti inseriscono licenze “coperte” con ciascuno dei PROs/CMOs che autorizzano l’uso di tutte le composizioni musicali nel loro repertorio. La licenza coperta autorizza la musica da riprodurre in onda, ma anche su piattaforme di streaming (Spotify, YouTube, ecc.).

Ecco perché è così importante per i musicisti e i cantautori essere membri di una PRO o di una CMO. Grazie ai loro accordi, raccolgono denaro per conto degli artisti e lo ridistribuiscono.

Ecco perché è così importante per i musicisti e i cantautori essere membri di una PRO (organizzazioni come ASCAP, BMI, SESAC, SOCAN) o CMO in Europa (SACEM, SIAE e GEMA). Grazie ai loro accordi, raccolgono denaro per conto degli artisti e lo ridistribuiscono.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/12/Virginie-Berger1-inpost-4.png

Lo streaming e il download richiedono licenze su entrambi i diritti meccanici (il diritto di registrare, produrre e distribuire il lavoro musicale o la musica di un altro detentore del copyright) e diritti di esecuzione (diritto di eseguire musica in pubblico, inclusi concerti, ristoranti, locali notturni, ecc.) con una divisione calcolata da ciascuna società di riscossione per il proprio territorio.

Ad esempio, in Francia, la divisione Meccanica/Esecuzione è:

  • 90/10 per il download
  • 75/25 per lo streaming di sottoscrizioni on-demand con memorizzazione nella cache offline
  • 50/50 su streaming supportato e on-demand

Per i repertori anglo-americani, il diritto meccanico è detenuto al 100% dall’editore.

Cosa sono le sincronizzazioni?

Le licenze di sincronizzazione sono accordi per l’uso della musica nei progetti audiovisivi. Syncs (diritti di sincronizzazione) sono una delle licenze più utilizzate sul mercato.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/12/Virginie-Berger1-inpost-2.png

Quando la musica viene riprodotta come parte della colonna sonora di un film, un programma televisivo o un media simile, la riproduzione viene chiamata sincronizzazione.

Alcuni usi della musica nella programmazione delle trasmissioni possono implicare non solo l’esecuzione pubblica della musica, ma anche la riproduzione della canzone e della registrazione del master. In questi casi, si devono anche ottenere licenze aggiuntive che coprano la riproduzione.

Quando la musica viene riprodotta come parte della colonna sonora di un film, un programma televisivo o un media simile, la riproduzione viene chiamata sincronizzazione. Una licenza nota come licenza di sincronizzazione deve essere ottenuta dall’editore musicale o dal cantautore proprietario della composizione.

In particolare, una licenza di sincronizzazione consente la riproduzione di una composizione in relazione temporizzata con immagini in movimento in un’opera audiovisiva. Il produttore, non l’emittente, è in genere responsabile dell’ottenimento della licenza di sincronizzazione.


Allo stesso modo, quando la musica è sincronizzata con immagini in movimento per la televisione o altre produzioni audiovisive, è necessario ottenere una licenza per l’uso della registrazione. Questa licenza è definita come una licenza per l’uso del master che, come la licenza di sincronizzazione, è solitamente ottenuta dal produttore, non dall’emittente.

In alcune situazioni limitate, la musica protetta da copyright può essere utilizzata senza una licenza. Secondo la dottrina del fair use, l’uso di porzioni limitate di materiale protetto da copyright può essere consentito per scopi quali insegnamento, ricerca, critica, segnalazione di notizie o parodia.

Sfortunatamente, la legge non indica chiaramente quali usi costituiscono il “fair use” e quali no. È sempre prudente consultare un avvocato prima di utilizzare un contenuto musicale in “uso corretto” (‘fair use’).

Quali sono le principali sfide nel settore riguardanti le licenze?

La cosa più ardua nel sistema di licenze oggi è l’identificazione delle opere.

La cosa più ardua nel sistema di licenze oggi è l’identificazione delle opere. Le società di riscossione si affidano ai metadati per identificare le opere. Molto spesso, le informazioni disponibili non sono abbastanza qualitative per abbinare correttamente un lavoro con i proprietari dei diritti.

Inoltre, il sistema di licenze internazionali si basa su due tipi di informazioni: i dati di registrazione del suono, associati agli International Standard Recording Codes (ISRCs) e ai dati di pubblicazione, associati agli International Standard Work Codes (ISWCs). Oggi non esiste un sistema per riconciliare i due e spesso i fornitori di tecnologie di parti terze non vi hanno accesso.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/12/Virginie-Berger1-inpost-3.png

Per rimanere pertinenti, le società di riscossione hanno compreso l’importanza della cooperazione e il loro futuro dipende fortemente dal successo di tali iniziative.

Tecnologie come il fingerprinting audio, l’arricchimento di metadati o blockchains sono state sviluppate per ridurre nel tempo il numero di opere non identificate. Tuttavia, migliaia di nuovi lavori vengono aggiunti ogni giorno su migliaia di database musicali esistenti all’interno dell’industria editoriale, il che rende il compito molto complesso. Iniziative di database di repertori centralizzati sono emerse nel passato, ma finora non hanno avuto successo.

Per rimanere pertinenti, le società di riscossione hanno compreso l’importanza della cooperazione e il loro futuro dipende fortemente dal successo di tali iniziative. Non solo sul versante delle licenze, ma anche sugli aspetti tecnici e tecnologici, per affrontare collettivamente le sfide che l’industria sta affrontando in questo momento per quanto riguarda i pazzi volumi di dati da elaborare, l’identificazione o le opere, l’abbinamento delle registrazioni audio (codici ISRCs) con dati di pubblicazione (codici ISWCs) e trasparenza con tecnologia blockchain.

Le iniziative comuni sono fiorite ultimamente con il piano di database delle canzoni congiunte ASCAP/BMI, il progetto blockchain SACEM/PRS/ASCAP, l’iniziativa R&D delle società nordiche di musica Polaris Future Lab, la partnership ASCAP/PRS/STIM con la startup svedese Auddly… Ad Armonia, il nostro sistema di back office comune sta pulendo e arricchendo i metadati ad una velocità di 2 gigabyte al minuto e si occupa di big data, elaborando circa 0,5 TB di dati in centinaia di file al mese.

Segui Armonia su Facebook e Twitter.

Unlimited mastering &amp; distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! <a href="https://join.landr.com/landr-studio/?utm_campaign=acquisition_platform_en_us_studio-generic-new-blog-ad&amp;utm_medium=organic_post&amp;utm_source=blog&amp;utm_content=left-hand-generic-ad&amp;utm_term=general">Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.</a>

Unlimited mastering & distribution, 1200 royalty-free samples, 30+ plugins and more! Get everything LANDR has to offer with LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post