LANDR BLOG

RegistrazioneStrumenti musicali

Come costruire una cabina vocale fai-da-te per voci di qualità da studio

Come costruire una cabina vocale fai-da-te per voci di qualità da studio

Una cabina vocale fai-da-te è la soluzione migliore per registrare voci dal suono eccezionale a casa.

Le voci sono uno degli elementi più importanti di una canzone. Realizzarle correttamente in uno studio casalingo può essere difficile.



Non ci sono tecniche di mixaggio fantasiose che possono salvarti se registri male la tua voce alla fonte.

Ma c’è speranza. Con un po’ di conoscenza delle basi e di alcuni materiali comuni puoi creare un ambiente di tracciamento vocale sorprendentemente efficace, a casa.

Ecco tutto ciò di cui hai bisogno per costruire una cabina vocale fai-da-te per ottenere voci di qualità da studio.

Perché costruire un vocal booth DIY?

Non puoi semplicemente registrare la tua voce in una stanza qualsiasi se vuoi che abbia un suono pulito e professionale.

Qualsiasi ingegnere professionista esperto ti dirà che l’ambiente in cui registri è importante quanto la tua attrezzatura, se non di più!

Poiché le voci sono spesso l’elemento più forte e più prominente di una traccia, qualsiasi effetto negativo di una stanza con un suono pessimo risalterà in primo piano e al centro del tuo mix.

Gli ingegneri registrano le tracce vocali nel modo più pulito e diretto possibile per renderle grandi e autorevoli in un mix.

Gli ingegneri registrano le tracce vocali nel modo più pulito e diretto possibile per renderle grandi e autorevoli in un mix.

Ciò significa ridurre il più possibile l’impatto ambientale sulla registrazione.

Molte riflessioni incontrollate della stanza in competizione con il segnale pulito possono ridurre la forza e la sensazione iniziale di una traccia vocale e farla suonare più lontana.

E non è tutto. Questi cattivi riflessi contribuiscono ad un effetto negativo chiamato filtro a pettine che è impossibile rimuovere dopo la registrazione.

Riprese vocali altamente filtrate “a pettine” trasformeranno il tuo processo di mixaggio in un incubo. È qui che entrano in gioco le cabine vocali.

Gli studi professionali investono migliaia di dollari nella costruzione di cabine vocali con un’acustica perfetta, ma puoi ottenere la maggior parte dei vantaggi già con metodi DIY.

Indipendentemente dal genere in cui lavori, se la tua musica ha la voce, una cabina di registrazione fai-da-te può farle suonare meglio.

1. Partizionare uno spazio più grande

Potresti pensare che uno spazio stretto e chiuso come un armadio sarebbe l’ideale per registrare le voci. Ma uno spazio troppo piccolo è problematico quanto uno grande e rumoroso.

È più difficile neutralizzare completamente i riflessi e gli accumuli di fascia bassa in spazi più piccoli. E le principali frequenze di risonanza nella stanza (nodi della stanza) sono naturalmente più alte negli spazi piccoli.

È più difficile neutralizzare completamente i riflessi e gli accumuli di fascia bassa in spazi più piccoli.

Queste fastidiose risonanze possono arrivare fino alla gamma principale di un cantante se lo spazio è troppo piccolo.

L’approccio migliore è suddividere uno spazio più grande come una camera da letto per creare la tua cabina vocale fai-da-te.

Dovrai essere in grado di appendere il materiale assorbente alla parete o al soffitto.

2. Utilizza materiale fonoassorbente

Nonostante la persistenza della leggenda metropolitana, i cartoni delle uova non fanno assolutamente nulla per le qualità sonore di una stanza.

Nonostante la persistenza della leggenda metropolitana, i cartoni delle uova non fanno assolutamente nulla per le qualità sonore di una stanza.

La migliore opzione per l’assorbimento acustico sono i veri pannelli acustici. Puoi costruire pure quelli DIY, ma potrebbe essere più faticoso di quanto ti aspettassi.

La prossima opzione migliore è usare coperte mobili o un altro tipo di tessuto pesante. Pure un materasso può funzionare se vai di corsa!

La schiuma acustica commerciale può sembrare la soluzione perfetta, ma non è necessariamente più efficace dei materiali assorbenti di base per ridurre i riflessi.

Il tuo obiettivo è smorzare i riflessi, quindi avrai bisogno di massa e assorbimento: semplici lenzuola o asciugamani non sono abbastanza!

diy vocal booth materials

3. Aggiungere assorbimento a superfici dure e angoli

È qui che inizi a creare la tua cabina vocale fai-da-te.

Non esiste un modo valido per tutti per trattare perfettamente una stanza. Ma ecco i punti principali. Dovrai adattarli al tuo spazio per creare un’efficace cabina vocale fai-da-te.

Le principali fonti di riflessioni problematiche sono le superfici dure parallele. Anche il soffitto, soprattutto se è basso.

Le principali fonti di riflessioni problematiche sono le superfici dure parallele. Anche il soffitto, soprattutto se è basso.

Cerca di coprire le pareti nude e il soffitto del tuo spazio con il tuo materiale assorbente.

Ecco il trucco però: dovrai usare le proprietà naturali dell’aria per aiutarti a rendere più efficace il tuo trattamento acustico DIY.

Prova ad appendere il tuo materiale assorbente in modo da creare un traferro di 2 pollici prima della superficie dura del muro. Puoi anche usare un paio di aste per microfono come supporti per farlo bene.

Gli angoli possono essere altrettanto problematici. Una fascia bassa eccessiva può accumularsi negli angoli e far suonare la stanza in modo rumoroso e pesante nel complesso.

Fai del tuo meglio per affrontare queste fonti di cattivi riflessi con assorbimento.

Sperimenta con il tuo trattamento acustico per scoprire come ottenere il suono più asciutto possibile.

4. Concentrati sull’area direttamente intorno al microfono e al cantante

Il design dei prodotti cosiddetti “vocal booth portatili” potrebbe indurti a credere che isolare l’area direttamente dietro il microfono sia la cosa più importante.

Purtroppo è quasi l’esatto contrario.

Ecco perché. Le scelte migliori per la voce sono spesso microfoni con un diagramma polare cardioide.

I microfoni cardioidi offrono il massimo rigetto direttamente dietro il punto di indirizzo. Ciò significa che la maggior parte di ciò che c’è dietro il microfono è già nel nullo!

Ecco perché dovresti concentrare i tuoi sforzi di trattamento acustico su ciò che verrà posizionato direttamente dietro di te mentre canti.

Ma è anche uno dei motivi per cui i microfoni dinamici come Shure SM7B o Electrovoice RE20 sono spesso la prima raccomandazione per la registrazione di voci fai da te.

Non solo sono ottimi microfoni cardioidi, ma dinamiche come queste sono meno sensibili, quindi sono naturalmente meno influenzate dai riflessi. Anche i tradizionali condensatori a diaframma largo sono sempre un’ottima opzione, ma per sfruttarli al meglio è necessario fare un po’ di trattamento.

diy vocal booth microphones

Tutto ciò che serve per creare una cabina vocale fai-da-te efficace è un po’ di assorbimento strategico per ridurre i cattivi riflessi.

Dopo l’area direttamente dietro di te, il prossimo grande colpevole dei cattivi riflessi è il soffitto. Questi possono essere più difficili da trattare posizionando il materiale, ma fai del tuo meglio.

Un’opzione è appendere un’altra coperta pesante dai pali della tenda dell’asta del microfono come un forte.

Può sembrare sciocco, ma funziona. Eliminare i riflessi provenienti da queste direzioni può migliorare drasticamente il tuo suono vocale!



diy vocal booth reflections

Fai-da-te e fai per tre

Una cabina vocale fai-da-te può fare molto per migliorare la qualità delle tue registrazioni vocali.

Tutto ciò che serve per creare un vocal booth fai-da-te efficace è un po’ di assorbimento strategico per ridurre i cattivi riflessi.

Ora che hai qualche idea per costruire una cabina vocale DIY, torna al tuo spazio di registrazione e prova un trattamento acustico!

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post