LANDR BLOG

Mix e mastering

Che cos’è il dither e quando lo usi?

Che cos’è il dither e quando lo usi?

Ci sono alcuni argomenti che non fanno altro che gettare benzina sul fuoco nel mondo dei tecnici del suono. Sai, tipo il volume, la compressione, il mastering ed il…

Dithering.

“Dithering” può essere un discorso vasto ed intimidatorio: ha molto a che fare con i fondamenti dell’audio digitale.

Applicare correttamente il dither è incredibilmente semplice e facile. Una volta che sai cosa stai facendo e perché lo stai facendo, non dovrai mai più pensare se usarlo o meno.

Cos’è il dithering?

Dithering è un rumore di basso livello aggiunto all’audio per ridurre gli errori quando si modifica la profondità di bit.

So cosa stai pensando, “come può aggiungere rumore rendere le mie registrazioni migliori? Il rumore non è una brutta cosa?”

Il dithering non è solo un termine audio, ed il rumore che aggiunge è molto più simile alla variazione casuale.

In effetti, la parola dither significa “vibrazione nervosa”. Nasce dal come è stata scoperta.

Gli ingegneri hanno scoperto che i computer degli aeromobili meccanici funzionavano in modo più preciso in volo che a terra.

La vibrazione del motore dell’aereo in realtà ha contribuito ad aumentare la precisione delle parti mobili appiccicose nelle macchine.

Il rumore che il dithering aggiunge alle tue tracce funziona allo stesso modo. Aiuta ad aumentare la precisione dei tuoi file audio digitali.

Quando dovresti applicare il dither?

Prima di spingerci troppo in là, iniziamo con le basi.

Segui queste tre linee guida e il dithering non ti causerà alcun problema:

  1. Non modificare i tipi di file a meno che non sia assolutamente necessario. Se hai tracciato a 24-bit/44.1kHz, non cambiare! Se per qualche motivo hai bisogno di diminuire il sample rate, assicurati di fare il dithering durante la conversione.
  2. Risparmiati il dithering per quando i tuoi file sono già fuori dalla tua DAW. Applica il dither solo una volta: durante l’esportazione.
  3. Quando invii i tuoi file per il mastering, dimenticati il dithering se riesci ad esportare i file float a 32 bit. In questo caso, il processo di masterizzazione si occuperà del dithering per te. Quando esporti qualcosa diverso da 32-bit float, devi fare un dithering. Ciò include quando esporti file che hanno la stessa profondità di bit di quelli che hai registrato.

Questo è tutto! Se non vuoi più pensare al dither, puoi fermarti qui e tornare al tuo ultimo progetto. Ma se sei ancora confuso, o se vuoi sapere perché dovresti seguire queste regole, continua a leggere.

Analizzerò tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sul dithering, ma che avevi paura di chiedere.

Quando selezioni la profondità di bit, in realtà stai scegliendo l’accuratezza dei file che crei durante la registrazione.

Profondità di bit

Iniziamo dall’inizio. Stiamo parlando di audio digitale qui!

I file creati dal tuo computer quando registri sono rappresentazioni digitali dei segnali analogici creati da qualunque cosa tu inserisca nella tua interfaccia audio.

Prima di iniziare la registrazione, devi scegliere una frequenza di campionamento e una profondità di bit per la tua sessione DAW. Quando selezioni la profondità di bit, in realtà stai scegliendo l’accuratezza dei file che crei durante la registrazione.

Ogni bit aggiuntivo aumenta la risoluzione che l’ADC (convertitore analogico-digitale) deve misurare il livello di un segnale in ingresso.

Ecco perché ti consigliamo di registrare file a 24 bit per il mastering con LANDR. Sono la migliore opzione disponibile nella maggior parte delle DAW.

Ridurre gli effetti di errore

Una volta che i file sono nella tua DAW, abbassare la risoluzione è complicato. La riduzione della profondità di bit introdurrà un errore digitale se non stai attento.
Ma ad un certo punto del tuo processo dovrai farlo. Ecco perché…

La tua DAW esegue calcoli che alimentano fader, bus e plugin ad una risoluzione superiore rispetto ai file audio.

La tua DAW esegue calcoli che alimentano fader, bus e plugin ad una risoluzione superiore rispetto ai file audio.

Ciò significa che, a meno che non esporti i tuoi file in float a 32 bit, abbasserai la risoluzione delle tue tracce quando lasceranno la tua DAW, introducendo errori!

L’errore nei tuoi file digitali ha conseguenze reali sul modo in cui le tue tracce suonano. Può tradursi in ruvido rumore e distorsione stridula.

Questa distorsione avviene solo nella parte più tranquilla dell’intervallo dinamico del tuo sistema, ma un dithering fatto bene può correggerlo!

Visualizzazione dell’errore

Per capire esattamente cosa intendo, vediamo come appare l’errore in un’immagine, che non è altro che un nuovo tipo di file digitale.

new old dithering3__1428355970_24.37.204.38

  • L’immagine a sinistra è l’originale. È come il file che hai registrato nella tua DAW a piena risoluzione.
  • Quello di mezzo è come prendere quei file incontaminati e ridurre drasticamente la loro profondità di bit. È piuttosto difficile riconoscere l’immagine.
  • Quello a destra è stato ridotto della stessa quantità, ma questa volta con il dithering applicato.

Sembra molto meglio! Ma come può il dither rendere l’immagine a bassa risoluzione migliore?

Quando abbiamo ridotto la risoluzione, abbiamo dovuto buttare via un sacco di informazioni nel file che ci permettevano di vederne i dettagli.

Il modo in cui questa informazione viene buttata via è il motivo per cui il dithering è importante. Mantenere gli errori al minimo ha un grande impatto.

Esaminiamo esattamente cosa accade quando la riduzione della profondità di bit elimina le informazioni nei file audio.

Arrotondamento e troncamento

Immagina di dover cambiare i file a 24 bit in quelli a 16 bit. Per adattarli, tutte le informazioni dai file originali a 24 bit devono passare negli spazi a 16 bit.

Ciò significa che qualcosa deve essere lasciato indietro. Come puoi limitare i danni?

La prima opzione è semplicemente tagliare i numeri per renderli adatti. Questo è chiamato troncamento ed è il modo meno accurato per risolvere il problema.

Invece di limitarci ad eliminare numeri, possiamo provare ad arrotondarli verso l’alto o verso il basso per avvicinarci a rappresentare l’audio a 24 bit in uno a 16 bit.

Ma cosa succede quando il numero che devi arrotondare è proprio nel mezzo? Potresti provare una regola empirica: dì che decidi di arrotondare ogni volta che incontri un numero proprio nel mezzo.

In questo modo almeno sarai corretto per un po’ di tempo. Il compromesso è che sai già che ti sbagli altrettanto spesso! Questo è chiamato errore di arrotondamento.

Il rumore (o variazione casuale) che il dither aggiunge sostanzialmente rende casuale la decisione di arrotondare per eccesso o per difetto.

Dopo il dithering, la distorsione che verrebbe creata dal troncamento o dall’arrotondamento ha un effetto molto meno rilevabile.

Dopo il dithering, la distorsione che verrebbe creata dal troncamento o dall’arrotondamento ha un effetto molto meno rilevabile.

Le vette del dithering

Tutto questo parlare di arrotondare ed errori può sembrare completamente accademico, tuttavia un corretto dithering può fare la differenza nel tuo prodotto finale.

Perlomeno, aggiungere il dithering nel punto corretto del tuo progetto è la cosa più vicina al migliorare il tuo mix in un solo clic, anche se è solo un leggero miglioramento.

Come ingegnere, dovresti cercare il miglior suono possibile e non perdere nessuna occasione per migliorarlo.

Ora che sai un po’ che cos’è il dither, torna alla tua DAW e fai il bounce di alcune tracce.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post