LANDR BLOG

Ispirazione

L’arte del 180: 6 artisti che hanno reinventato con successo il loro suono

L’arte del 180: 6 artisti che hanno reinventato con successo il loro suono

Ogni artista può trasformarsi completamente davanti ai tuoi occhi. Un giorno è rock, il giorno dopo è rap, domani è country.

Non è raro… E di solito è per una ragione abbastanza valida…

A volte i musicisti devono cambiare tutto sul modo in cui si avvicinano alla musica per mantenere il loro processo gratificante.

Se hai mai faticato a creare nuova musica interessante ma hai avuto paura di cambiare le cose, non sei il solo.

Questi esempi di grande trasformazione musicale dimostrano che i grandi cambiamenti sono difficili, ma possono ispirare alcune incredibili idee musicali.

Ecco sei storie che ti aiuteranno ad abbracciare i cambiamenti, grandi e piccoli, nel tuo approccio alla creazione.

Derek Miller – Da chitarrista metal a produttore noise pop e poli-strumentista

Che cos’ha in comune l’outfit hardcore Poison The Well e il duo indie-pop noise acclamato dalla critica Sleigh Bells?

Il poliedrico musicista, compositore e produttore Derek Miller.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/DerekMiller_1200x627.jpg

Cresciuto nel sud della Florida, Miller ha abbracciato la chitarra e si è unito a Poison The Well alla fine degli anni ’90. Qualche anno dopo, Miller è uscito dal gruppo.

Alla fine, il suo amore per George Michael, Madonna e Michael Jackson ha portato Miller verso un’affascinante transizione musicale con il suo progetto Sleigh Bells.

I quattro album di Sleigh Bells preservano le energiche radici hardcore di Miller, sfruttando strumenti come drum machine e voci distorte per creare musica che sia al contempo maniaca e gratificante da ascoltare, a prova che il songwriting e l’adempimento musicale non devono essere legati al genere.

Joni Mitchell – Da cantautrice folk al jazz e pioniere della musica sperimentale

Dopo un decennio di meticolosa produzione di musica folk, Joni Mitchell ha iniziato a riscuotere un enorme successo a metà degli anni ’70. Ha vinto due Grammy Awards, ha pubblicato album acclamati dalla critica come Ladies of The Canyon e Blue, che ora è considerato uno dei migliori album di tutti i tempi.

E poi, al culmine della sua carriera, ha completamente abbandonato il pop ed il folk per concentrarsi sul suo amore per il jazz.

Mitchell ha esplorato canzoni con strutture meno convenzionali che includevano una gamma più ampia di strumenti ed un suono più vicino ad alcune delle sue influenze.

Annoiata dalla sua formula musicale, Mitchell voleva esplorare canzoni con strutture meno convenzionali che incorporavano una gamma più ampia di strumenti.

Con uno spirito intrepido, il periodo jazz di Mitchell ha coinvolto cose come il primo campionamento musicale e collaborazioni con grandi del jazz come Charles Mingus e Jaco Pastorius.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/JoniMitchell_1200x627.jpg

La trasformazione di Mitchell le permise di rimanere creativamente impegnata ed interessata per decenni. Ha continuato a creare musica esplorando pop, rock, folk e jazz sperimentale per i 30 anni successivi.

Bob Dylan – Da icona folk a controverso rocker con la chitarra elettrica

Il passaggio di Bob Dylan dall’acustico all’elettrico ha causato uno dei momenti più leggendari della storia del rock: i famigerati fischi al Newport Festival del 1965 che hanno fatto eco in tutto il mondo.

Il passaggio di Bob Dylan dall’acustico all’elettrico ha causato uno dei momenti più leggendari della storia del rock: i famigerati fischi al Newport Festival del 1965 che hanno fatto eco in tutto il mondo.

A metà degli anni ’60, Dylan era considerato il leader senza paura ed intransigente del revival della musica folk americana.

Così, quando ha iniziato a suonare (e alla fine a registrare con una band completa) chitarre elettriche non distorte e organi vorticosi, enormi fazioni del suo pubblico non sembravano affatto entusiasti.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/BobDYlan_1200x627.jpg

La transizione di Dylan dai suoni acustici a quelli elettrici può tranquillizzare le nostre orecchie moderne, ma è stato un tradimento imperdonabile per molto del suo pubblico negli anni ’60.

La volontà di Dylan di incorporare nuovi suoni e strumenti moderni nel suo lavoro rimane comunque stimolante. Lo ha fatto senza preoccuparsi delle conseguenze, anche di fronte all’alienazione del suo pubblico, ed ha creato la musica a cui era interessato in quel momento.

Oggi, gli artisti sono spesso criticati per passare dalle chitarre ai sintetizzatori, ma la trasformazione di Dylan mostra che simili controversie musicali sono in corso da molto tempo.

Il cambiamento di Dylan ha consolidato la sua il suo nome come una figura monolitica nel rock che dura ancora oggi. La sua svolta tumultuosa all’elettrico è un semplice capovolgimento di una carriera leggendaria ed affascinante.

Taylor Swift: dal country a Nashville alla popstar di fama internazionale

La trasformazione di Taylor Swift dal country al pop potrebbe sembrare una mossa di una carriera tracciata magistralmente a tavolino, ma per Swift, era più di una naturale evoluzione.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/TaylorSwift_1200x627.jpg

Con synth da stadio e beat 808, l’album 1989 di Swift suona lontanissimo dal vecchio country, e dal 2017 la sua reputazione estende ulteriormente la nuova identità pop.

Anche se probabilmente ha perso alcuni fan durante la transizione, il pop da classifica di Swift è stato ampiamente seguito dalla maggior parte degli account.

Sia che si tratti di una decisione a tavolino o di una trasformazione intuitiva senza paura, non importa, specialmente quando si considera che fare sempre la stessa cosa ripetutamente nella musica di solito non funziona.

Damon Albarn – Da cantante leader a fumetto

Damon Albarn guida una delle carriere più interessanti e di successo della musica popolare grazie alla sua volontà di rischiare e di trasformarsi come artista.

Formato nei primi anni ’90, il suo primo progetto Blur è stato un grande successo a pieno titolo. Influenzato da The Beatles e The Kinks, il gruppo-tutto-chitarre ha ottenuto grandi consensi ed un’appassionata base di fan.

Ma nel 1998 Albarn spense l’interruttore quando formò Gorillaz con l’amico fumettista Jamie Hewlett.

Abbracciando i suoni dell’hip hop, dell’elettronica e del funk, i Gorillaz presentano la loro musica attraverso un affascinante universo immaginario per consentire al pubblico di esplorare non solo attraverso la musica ma anche tramite video musicali, cortometraggi animati ed interviste – ben lontano dal semplice brit-rock dei Blur.

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/DamonAlbarn_1200x627.jpg

Con synth accattivanti e beat fantastici, un importante elemento determinante del suono della band nasce dallo spirito di collaborazione. Il nucleo collaborativo del progetto include tutti, da Snoop Dogg a Mavis Staples.

L’apertura alla trasformazione di Albarn non solo ha dato alla sua musica l’accesso a nuovi generi e collaborazioni, ma ha anche ridefinito ciò che una band è e può essere oggi.

Brian Wilson – Da ragazzo Beach Boy per bene a mago seminale dello studio di registrazione

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2019/01/BrianWilson_1200x627.jpg

È difficile immaginarselo adesso, ma quando Pet Sounds uscì nel 1966, i critici non se ne curarono. Il mondo è ora ben consapevole del genio di Wilson, ma non era così alla fine degli anni ’60…

Il mondo è ora ben consapevole del genio di Wilson, ma non era così alla fine degli anni ’60…

Con Pet Sounds, Wilson ha voluto creare il più grande album rock mai realizzato attraverso una dichiarazione musicale completa. Ciò significava nessuna traccia di riempimento e una tonnellata di sperimentazione in studio.

I suoi compagni di band lo spingevano a mantenere le cose semplici per vendere più dischi e rendere facile la riproduzione dal vivo, ma Wilson si rifiutava di scendere a compromessi.

Invece, Wilson ha deciso di abbandonare la musica costruita per le esibizioni dal vivo e ha messo gli occhi su come muoversi più in profondità nelle possibilità dell’allora moderno studio di registrazione.

Pet Sounds è ora considerato il primo concept album in termini di produzione musicale. Ispirato al concetto di “Wall of Sound” di Phil Spector, la produzione e il songwriting di Wilson nell’album riflettono un’ossessione per le trame create combinando suoni e tecniche pionieristiche in studio.

Pet Sounds abbraccia tutto, dal jazz alla psichedelia, preparando il palco per il pop progressivo da camera che oggi plasma gran parte del panorama musicale.

L’incrollabile necessità di Wilson di oltrepassare i confini della registrazione, ha dato origine all’etica dello studio come strumento che continua a stimolare l’immaginazione dei produttori da camera da letto ovunque nel mondo.

Inseguendo il suono

Il cambiamento è positivo. Non lasciare che generi e abitudini ti impediscano di esplorare tutto ciò che la produzione e il songwriting hanno da offrire.

Le storie dietro questi punti-cardine dimostrano che la musica ed il processo creativo possono trarre beneficio da un piccolo scossone di tanto in tanto…

I cambiamenti, grandi o piccoli, possono fare la differenza. Cambia qualcosa per te stesso e guarda cosa succede.

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post