LANDR BLOG

Distribución musicalMix e mastering

6 lezioni tutti i musicisti dovrebbero conoscere riguardo lo streaming da formati fisici

6 lezioni tutti i musicisti dovrebbero conoscere riguardo lo streaming da formati fisici

Lo streaming sta conquistando il mondo. Basta dare una rapida occhiata ai numeri per capire come la tendenza stia esplodendo.

Le vendite di CD sono diminuite dell’80% nell’ultimo decennio e i download digitali sono su una traiettoria simile.

Al loro posto, lo streaming è aumentato. L’unico vero giocatore rimasto nel panorama fisico è il vinile.

In presenza di un mezzo digitale futuristico che convive con un formato analogico precedente, sembra che il passato ed il futuro esistano allo stesso tempo.

Ma la verità è che i formati fisici possono ancora insegnarci molto su come abbiamo imparato ad ascoltare da quando la musica registrata è diventata mainstream.

Ecco sei lezioni chiave: i formati fisici possono insegnarci la distribuzione e come i musicisti possono applicarle al nuovo mondo dello streaming.

1. L’importanza della copertina dell’album

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/PhysicalFormats_CoverArt.jpg

Ecco un piccolo viaggio per te: i dischi in vinile in realtà non si vendevano bene fino a quando la copertina non fu introdotta alla fine degli anni ’30.

Da allora, la copertina è profondamente legata all’esperienza della musica fisica.

Quella connessione profonda non si sta sbiadendo solo perché i formati fisici stanno scomparendo. È necessario disporre di copertine evocative ed accattivanti per far risaltare i tuoi album nel mercato digitale.

La presentazione visiva della tua musica è la prima impressione. Un artwork fico può fare molto per attirare potenziali ascoltatori e dare loro spunti visivi per interpretare il tuo lavoro.

Un artwork fico può fare molto per attirare potenziali ascoltatori e dare loro spunti visivi per interpretare il tuo lavoro.

Se vuoi imparare come creare la copertina del tuo album, dai un’occhiata alla nostra carrellata dei migliori strumenti online gratuiti.

2. La durata del tuo rilascio

Ci sono stati molti esperimenti con album insolitamente brevi o lunghi. Ma l’album di 30-50 minuti sembra essere bloccato nella nostra coscienza musicale.

Questa gamma ha le sue radici nel tempo di esecuzione di un vinile di 12″, che è di circa venti minuti per lato.

La durata di un LP è stata associata alla dichiarazione artistica completa di una band come il formato maturato negli anni ’70.

Consideriamo ancora la lunghezza di un LP come punto di riferimento nell’era dell’unità equivalente all’album.

A questo punto abbiamo tutti apprezzato album della stessa lunghezza, per così tanto tempo, che è incorporato nel nostro DNA musicale. Gli album ‘troppo lunghi’ possono essere estenuanti, anche nell’età dello streaming.

3. Tradizioni nel sequenziamento degli album

L’atto di alzarsi per girare il disco è immerso nella nostalgia di chiunque sia cresciuto con il vinile.

Ed il concetto di un lato A ed un lato B non erano solo limitazioni tecniche… Le conseguenze di design del mezzo stesso fanno parte delle tradizioni artistiche legate alla musica fisica.

Gli artisti sapevano che ci sarebbe sempre stato un periodo di silenzio mentre l’ascoltatore avrebbe girato il disco.

Lo hanno usato a loro vantaggio scegliendo strategicamente la traccia di apertura del lato B. E così è nato il lato B.

Silenzi più lunghi tra le tracce possono stimolare gli ascoltatori per un salto estetico o cancellare l’effetto di tracce simili affiancate.

C’erano anche altri vincoli tecnologici che riguardavano invece il sequenziamento. La distorsione del groove interno causa problemi di qualità del suono verso la fine di ciascun lato del disco.

Questo ha portato etichette a mettere ballate e canzoni più morbide verso la fine, in modo che la distorsione risultasse meno distraente.

Consciamente o inconsciamente, questi trucchi per il sequenziamento sono stati portati agli album moderni e agli album in streaming che ascoltiamo oggi.

4. L’importanza dei singoli

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/PhysicalFormats_Jukebox.jpg

Il singolo da 7″ a 45 giri era uno dei formati musicali più consumabili mai sviluppati.

I singoli erano abbastanza economici, in modo che i giovani potevano possedere le loro canzoni preferite per la prima volta. Erano enormemente popolari.

Le loro piccole dimensioni li rendevano portatili e facilmente suonabili. In un certo senso, una raccolta ben curata di 7 pollici era la prima versione di playlist.

In un certo senso, una raccolta ben curata di 7 pollici era la prima versione di playlist.

Le vendite dei singoli hanno portato allo sviluppo delle hit parade e single chart con cui abbiamo familiarità oggi.

Ora, quando parliamo di singoli, non ci riferiamo più al medium stesso. L’idea di un “singolo” è associata alla traccia principale che un artista sta promuovendo dalla sua uscita.

Ma l’eredità originale del singolo è un concetto utile da tenere a mente. Vuoi che le canzoni che scegli per i tuoi singoli siano abbastanza forti da reggersi da sole.

Se i tuoi ascoltatori pagano per comprare solo una canzone, dovrà valerne la pena, o no? Sei sicuro che trasmetta tutto ciò di cui ha bisogno per introdurre nuovi ascoltatori alla tua musica?

5. Ulteriori informazioni sulla pubblicazione

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/PhysicalFormats_CDBooklet.jpg

I media fisici hanno dato agli artisti e alle etichette lo spazio per dire qualcosa riguardo la loro musica.

Le note di copertina erano il primo posto in cui cercare indizi se eri curioso di sapere cosa accadeva dietro la musica.

Originariamente erano solo testo stampato sulle ‘protective sleeves’ che ospitavano gli LP.

Ma il termine crebbe includendo dettagli di produzione, informazioni aggiuntive e materiale artistico supplementare.

Le note di copertina facevano parte dell’era fisica che si estendeva fino agli opuscoli delle custodie per CD.

Nello scoprire informazioni succose riguardo la creazione della tua musica preferita, le note di copertina sono una parte potente della magia della musica fisica.

Gli ascoltatori accaniti desiderano ancora questo tipo di informazioni. Vale la pena provare qualsiasi modo per trasmettere lo stesso senso di scoperta.

Credita assolutamente tutti coloro che hanno lavorato al tuo album. Elenca i membri della band ed i loro ruoli. Comunica dove è stato fatto e quando. Fai una lista di “ringraziamenti speciali”.

Link diretti al mondo reale possono umanizzare un album digitale.

6. Il potere degli oggetti musicali

https://blog.landr.com/wp-content/uploads/2018/08/PhysicalFormats_RecordsStore.jpg

La cosa più importante che possiamo carpire dalla musica fisica è l’amore duraturo e la celebrazione che le persone hanno per i loro dischi.

In passato, la tua collezione di dischi diceva molto su di te e sul panorama musicale in cui ti trovavi.

Perché tutti quelli di una certa fascia d’età sembrano aver posseduto una copia di Frampton Comes Alive? Alcuni dischi sono diventati parte del momento musicale come oggetti puri.

Lo spazio fisico che una collezione di dischi potrebbe occupare è sconcertante per gli standard odierni. Eppure la gente li trascinava da un posto all’altro, rifiutandosi di separarsi dai loro tesori più cari.

Lo spazio fisico che una collezione di dischi potrebbe occupare è sconcertante per gli standard odierni.

Gli album moderni possono ancora ispirare questo tipo di ammirazione. Le grandi uscite possono ancora essere definite dalla generazione e vitali per la nostra identità, digitale o altro.

Sforzarsi di raggiungere lo stesso impatto culturale che ha fatto in modo che le persone trattassero i propri LP come gemme preziose dovrebbe essere un obiettivo, indipendentemente dal formato con cui si lavora.

Educazione fisica

C’è molta storia racchiusa nei formati di musica fisica di ieri. Si è tentati di dichiarare uno stato di decadenza ora che possedere la tua musica è una cosa del passato.

Ma invece di alzare le mani, è molto meglio spendere il tuo tempo cercando di fare la migliore musica possibile.

Inoltre, concentrandoci sui punti di forza dei media, ci focalizziamo sulle opportunità che possiamo realizzare per noi stessi nel nostro momento musicale.

Ora che hai qualche informazione sulle lezioni dell’era analogica, esci ed applicale alla tua musica.