LANDR BLOG

Strumenti musicali

10 Sintetizzatori Analogici Non-Nostalgici Che Rifiutano Di Ripetere Il Passato

10 Sintetizzatori Analogici Non-Nostalgici Che Rifiutano Di Ripetere Il Passato

Alcuni di noi sono decisamente non-nostalgici. La nostalgia può essere costosa e spesso non è così funzionale. Soprattutto quando si tratta di strumenti musicali…

Uno dei miei set-up preferiti include assolutamente
zero strumenti vintage, ed è tutto analogico. Lo strumento vintage è spesso costoso (non sempre per ragioni giuste).

Le innovazioni attuali nella sintesi analogica, nel design dell’hardware e nel firmware ci hanno portato alcuni flussi di lavoro incredibili nel campo degli strumenti musicali.
I sintetizzatori analogici possono ora essere utilizzati come plug-in VST e sincronizzati con qualsiasi cosa.

Anche se alcune riedizioni di strumenti vintage sono eccitanti per alcuni, non posso fare a meno di sentirmi come se tutto ciò fosse un po’ noioso e ridondante.

La parte interessante di queste reissues è che sta rendendo accessibili a più persone i synth iconici. Purtroppo faccio fatica ad esaltarmi per qualcosa che è una copia del passato. Ciò che ha reso questi sintetizzatori originali così emozionanti in primo luogo è stato il modo in cui re-inventavano l’attrezzatura del musicista secondo le nuove tecnologie della loro epoca.

Quindi, in onore di tutti gli innovatori là fuori, ecco qui 10 pezzi che guardano al futuro rifiutando di ripetere il passato:

1. Korg Minilogue

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/08/Gear-Futurism-inpost-11.png

Comincio questa carrellata con il mio synth attuale preferito: il Korg Minilogue.

Creato da Tatsuya Takahashi, questo fantastico synth polifonico a quattro voci della Korg ha colpito il mercato nel bel mezzo della recente democratizzazione della sintesi analogica. La popolarità del Minilogue completamente programmabile era già evidente in negozi e studi di tutto il mondo (spesso esaurito per mesi).

Il flusso di lavoro intuitivo di Korg e il firmware intelligente rendono questo un synth pronto da performance. Questa macchina consente di salvare le patch durante la creazione e salva le sequenze di movimento fino ad un massimo di 4 parametri.

Durante il mio ultimo set, ho salvato le mie 8 tracce nell’ordine di esecuzione per un richiamo facile; una vera e propria benedizione.

Altre caratteristiche fiche: un 16-step sequencer e 200 memorie di programma, delay a nastro incorporato, ring modulation e manopole per modellare le tue onde (diverse possibilità di forma delle onde).

L’oscilloscopio OLED mostra anche come stai colpendo la forma d’onda mentre modifichi i parametri in tempo reale, fornendo preziosi feedback visivi su come stai modellando il tuo suono.

Considerando tutte le caratteristiche, questo sintetizzatore si avvale di tutti i vantaggi di un synth vintage ma con un’interfaccia elegante e facile da usare, veramente moderna. Il prezzo ha senso anche per i musicisti di oggi (molto conveniente).

Se ti piace questo synth, dai un’occhiata a suo fratello, il mono bass synth, ovvero il Monologue. Aphex Twin ha addirittura progettato alcuni dei preset!

Scopri di più sul Korg Minilogue.

Prezzo: 500 USD / 630 EUR

2. Elektron Analog Rytm MKII

I produttori di strumenti svedesi Elektron sono famosi per tre fattori: costruire veri e propri cavalli da lavoro, progettare sequenziatori eccezionali e per riuscire a farti saltare dalla sedia non appena metti le mani su una delle loro macchine per la prima volta. Sono noti per avere una curva di apprendimento super ripida.

Diventi “bravo” con il tuo Elektron dopo molti mesi di immersioni profonde. Ma una volta che cominci a capire come funziona, scopri il potenziale esponenziale ed il potere di queste macchine. Lo so per esperienza; anch’io ho un Analog Rytm, o ‘AR’ per gli amici.

Dopo intense esplorazioni ho capito quante sequenze poliritmiche complesse e pattern avrei potuto costruire. È addirittura possibile costruire sequenze non quantizzate fuori dalla griglia per ulteriore groove.

L’Analog Rytm MKII è la nuova versione dell’AR. Hanno incluso pulsanti maggiormente dedicati e rapidi controlli pro performance; benediciamo il pulsante Salva Progetto! L’AR ha anche piena capacità di campionamento tramite ingressi audio jack bilanciati. Lo stile è nuovo ed i pad sono più grandi.

L’AR MKII, proprio come l’AR originale, può integrarsi completamente con DAW utilizzando il software Overbridge di Elektron. Questo ti permette di utilizzare il tuo Elektron come un plugin. L’MKII ha una larghezza di banda più elevata giusta per Overbridge.

Elektron non solo costruisce strumenti futuristici ma addirittura costruisce flussi di lavoro futuristici, cambiando come percepire la creazione del suono. Nessuna nostalgia qui.

Non è una macchina a buon mercato, ma la sua complessità e la sua durata lo rendono molto valido. L’Analog Rytm MKII sarà disponibile ad ottobre 2017.

Prezzo: 1549 USD / 1699 EUR

3. Kilpatrick Phenol

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/08/Gear-Futurism-inpost-8.png

Il sintetizzatore analogico patchabile Phenol di Kilpatrick è una storia di successo di Kickstarter. Lanciato nel 2015 e da allora, di questo synth canadese se n’è parlato in tutto il mondo.

Il Phenol è un nuovo tipo di strumento. È ispirato a sintetizzatori modulari e compatibile con loro ma contenuto in una scatola ordinata che lo rende più accessibile.

È sia un’introduzione per i nuovi arrivati ​​nel mondo modulare, sia un’aggiunta facile da portare in giro per chi ha più esperienza nel settore.

Il Phenol è basato sul Formato Modulare di Andrew Kilpatrick. Utilizza jack a banana (sorprendentemente non solo un cereale per la colazione), proprio come i formati Buchla, Serge e Fenix. Per usufruire di Eurorack, devi solo avere alcuni adattatori mini-jack.

Ha due VCO analogici con uscite a triangolo, ramp e pulse, due filtri analogici e due VCA analogici con controllo di livello. Ha anche due generatori di envelope e combinazioni digitali LFO. C’è un built-in MIDI sequencer e looper, e contiene un mixer compatto ed un delay digitale.

La parte più bella è che il prezzo è assolutamente decente per una scatola modulare, cosa che non si sente troppo spesso in giro.

Scopri di più sul Kilpatrick Phenol.

Prezzo: 849 USD / ~900 EUR

4. Novation Peak

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/08/Gear-Futurism-inpost-7.png

Non sono affatto un purista analogico. Buona parte dei miei sintetizzatori ha comunque qualche forma di firmware digitale. Peraltro, gli ibridi tra analogico e digitale sono tra i migliori sintetizzatori là fuori.

L’ultimo sintetizzatore polifonico di Novation è un esempio incredibile di un ibrido analogico/digitale.

Che cosa è analogico? Le otto voci di sintesi, la distorsione ed i filtri (come dovrebbero essere.)

Quindi cosa è digitale? Beh, il processore utilizzato per il routing, la modulazione e gli effetti: riverbero, delay e chorus. Ciò significa che il tasso di campionamento degli effetti può funzionare a qualità molto alta: oltre 90 kHz!

I componenti digitali sono alimentati dal suo processore ad alta qualità, chiamato Field Programmable Gate Array (FPGA). A differenza dei soliti chip DSP, il processore può gestire molte funzioni contemporaneamente e funziona ad una velocità molto più elevata. Ciò significa maggiore precisione e chiarezza.

Il tipo di generazione di forme d’onda utilizzato è Oscillatori Numericamente Controllati (NCO) e 17 wavetables. NCO assicura che il Picco non vada mai fuori nota. La matrice di modulazione consente una grande complessità. Hai anche la sintesi FM per tutti i modulatori di frequenza che si trovano là fuori.

“Suona bene come qualsiasi synth analogico completo ed in alcuni casi suona addirittura meglio, se sei disposto a passare un po’ di tempo a scoprire come funziona.” – FACT Magazine

Questo è veramente uno dei più interessanti nuovi concorrenti sul mercato dei sintetizzatori oggigiorno.
Novation ha trovato un mix perfetto tra analogico e digitale in questo versatile synth. Prendi la tua tastiera MIDI preferita, collegala e sei a posto.

Scopri di più sul Novation Peak.

Prezzo: 1300 USD / ~1400 EUR

5. Dreadbox Erebus

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/08/Gear-Futurism-inpost-6.png

Dreadbox produce artigianalmente pedali e synth ad Atene, in Grecia dal 2012.

La loro reputazione è cresciuta e ora si possono trovare i loro marchingegni in quasi tutti i negozi di strumenti. Il sintetizzatore analogico parafonico Erebus è tra i loro modelli più popolari. Ha una parafonia analogica a 2-voci oppure unisono.

Questa scatola compatta è dotata di un convertitore MIDI-CV, un Filtro Low Pass unico nel suono, unità delay ed eco + un sacco di opzioni per patching modulare. Puoi collegarlo ai tuoi moduli Eurorack o ad un MS20. Ha anche un’implementazione MIDI di base per scopi di sincronizzazione.

“Per la varietà di funzioni di solo e basso, l’Erebus brilla ma la sua vera forza potrebbe essere nella psichedelia. Onde di sottofondo sottilmente “detunate” ed un filtro di risonanza lentamente spazzato fluttuano all’infinito, soprattutto se lasciati a bagno in un eco sospeso.” – SoundOnSound

Comprendendo gli effetti analogici a bordo e il design funky, l’Erebus non lascia che le leggende gettino ombra su di esso. Sono d’accordo con il fare spazio a piccole aziende nel sistema di sintesi di oggi e questo è promettente ed abbastanza conveniente.

Scopri di più sul Dreadbox Erebus.

Prezzo: 600 USD / 530 EUR

6. Behringer Deepmind 12

Il tanto pubblicizzato Behringer DeepMind 12 è molto intrigante. Ha una tonnellata di voci per un synth analogico: una ricca polifonia a 12 voci.

Il DeepMind potrebbe sembrare esagerato, ma una volta che inizi a “detunare” tutte queste, puoi farti dei viaggioni.

Il DM12 ha 4 motori effetto realizzati da TC Electronic (produttori raffinati di pedali) e da Klark Teknik (che sviluppa elaborazione del segnale ed apparecchiature audio). È inoltre possibile scegliere tra 32 effetti digitali e caricarne 4 per patch.

Lo schermo offre utili feedback visivi su tutti i parametri che si sta modificando. Le 1024 posizioni di memoria delle patch per salvare le patch fanno in modo che tutte le tue idee non si perdano nell’improvvisazione.

È dotato di una funzione di accordo one-finger e di un arpeggiatore. Viene realizzato con 49 tasti con aftertouch, un filtro passa-basso a 2 o 4 poli per voce, un filtro passa-alto, modulazione e altro ancora.

Behringer è un po’ una società controversa soprattutto per questioni riguardanti l’originalità, ma questo synth non è sicuramente una copia (anche se si dice in giro che l’ispirazione iniziale viene dal Juno 106.) Comprende una tonnellata di funzioni carine per un prezzo incredibilmente basso.

Scopri di più sul Behringer DeepMind 12.

Prezzo: 1000 USD / ~1110 EUR

7. Moog Sub Phatty

Anche se Moog fa rima con sintetizzatori d’epoca, la società sta costruendo la propria eredità sull’innovazione. Anche se potrebbe rimembrare il classico look della Moog, il sintetizzatore monofonico Sub Phatty (nato nel 2013) ha un motore sonoro totalmente nuovo e rapido.

Il Sub Phatty suona vivace ed aggressivo grazie alla sezione Multidrive. Puoi davvero spingere il suono fino alle vette più grintose ed urlate.

Questo synth ha un bel pannello frontale con tante funzionalità e ad altre a cui è possibile accedere dal gratuito standalone/plugin editor.

Hai a disposizione due diversi oscillatori a forma d’onda. La parte più interessante è la manopola di selezione dell’Onda. Consente di selezionare un waveshape che è tra due onde, o persino “spazzare in mezzo” a loro durante una prestazione per sottili modifiche sonore.

C’è anche un oscillatore sub che genera un’onda quadra di un’ottava sotto l’Oscillatore 1. Questo aggiunge profondità e ciccia (“grassa” – “phatty”) al tuo suono. L’ultima fonte sonora è un generatore di rumore che è progettato per avere un sacco di corpo.

I 25 tasti semi-pesati hanno un tocco piacevole, come ci si aspetterebbe da un Moog.

Questo synth è fantastico per design del suono e anche per registrare il proprio kit personalizzato di percussioni. Ciò che lo rende futuristico è un motore rinnovato, l’editor di plugin ed il prezzo decente.

Moog è una compagnia che potrebbe basarsi semplicemente sul proprio catalogo di strumenti, decide invece di investire nel proprio futuro. Il Sub Phatty ne è la prova.

Scopri di più sul Moog Sub Phatty.

Prezzo: 790 USD / ~888 EUR già assemblato

8. Tasty Chip Electronics ST-4

La piccola compagnia olandese Tasty Chip Electronics è un’altra storia di successo di Kickstarter.

Il Tasty Chip Electronics ST-4 è il loro secondo synth. È un synth ibrido analogico-digitale. La sua caratteristica per definizione è la macchina musicale multitraccia a 16 bit. Pensa alla griglia del 707 unita ad un display iPod di prima generazione.

Ha oscillatori digitali e VCF e VCA analogici. Comprende anche possibilità di campionamento. Ci sono un sacco di manopole, pulsanti e fader per un tweaking veramente pratico.

È completamente controllabile con MIDI (ho visto demo di persone che usano addirittura una tastiera del computer della Apple). Usalo come desktop o montalo su scaffali standard da 19″.

L’ST-4 si rivolge anche ai nerd del fai-da-te: puoi acquistare il kit ST-4 per assemblarlo per un prezzo decisamente inferiore.

Tieni d’occhio Tasty Chip Electronics. Stanno lavorando inoltre ad un emozionante nuovo synth polifonico granulare, il GR-1.

Scopri di più sul Tasty Chip Electronics ST-04.

Prezzo: ~1070 USD fully built / 900 EUR completamente assemblato

9. Roland SE-02

La piccola società Californiana di synth analogici Studio Electronics ha collaborato con Roland per costruire l’SE-02.

Il risultato è un circuito analogico racchiuso in un involucro di dimensioni tipiche della Boutique Roland. È un synth analogico con un sacco di funzionalità che ci si aspettano da uno strumento contemporaneo.

Ha tre oscillatori analogici ma si sintonizzano automaticamente. C’è anche un 16-step che consente di modificare lo shuffle, la scala, la direzione e primi/ultimi passaggi durante l’esecuzione. Ha 384 preset e puoi salvarne 128 di propri. Viene fornito con un LFO ed un delay digitale che può essere sincronizzato.

La sezione XMOD consente tre diverse modulazioni cross. In combinazione con la sezione di feedback ed il generatore di rumore, è possibile ottenere alcuni suoni distintivi da questa piccola scatola.

Questo synth è figo perché probabilmente soddisfa la tua sete di sintesi ma la supera andando oltre, sia in suono che in modalità d’uso.

L’SE-02 strizza l’occhio alla costante ricerca dell’ibrido, sincronizzandosi perfettamente con un set-up del computer tramite USB, o con altri hardware o moduli tramite MIDI, CV ed integrazione di gate.

Tra tutti i synth della casa, questo è il più speciale. È il primo analogico della serie, e non si basa su una riedizione di una vecchia icona. Oh, ed è anche abbastanza economico!

Scopri di più sull’Roland SE-02.

Prezzo: 500 USD / ~600 EUR

10. Arturia MatrixBrute

http://blog.landr.com/wp-content/uploads/2017/08/Gear-Futurism-inpost1.png

“Analog Avant-Garde” è come Arturia descrive la sua ultima invenzione, il MatrixBrute. Anche se questo suona un po’ snob, questo synth ha certe caratteristiche di pensiero davvero avanti.

Il MatrixBrute è un sintetizzatore monofonico che ha una flessibilità tipo modulare, accoppiata con la possibilità di salvare 256 preset.

In termini di approccio, è simile a guidare un’astronave: tonnellate di pulsanti, manopole, tasti e mille direzioni in cui si può andare.

L’attenzione centrale è sicuramente la grande matrice di modulazione (la griglia dei pulsanti). Ti permette di effettuare i tuoi magheggi per creare suoni unici. Questa macchina non prevede full-immersion nel menu e funzioni doppie.

Ha tre oscillatori analogici “Brute” (resi famosi nei Mini- e Micro-Brutes dell’Arturia), due filtri di alta qualità e cinque effetti analogici (delay stereo, delay mono, riverbero, chorus e flanger). Questi effetti possono essere performati in vari modi sulla matrice.

È facile connetterlo ad entrambi i set-up analogici e digitali utilizzando USB, MIDI o CV/gate. Ciò significa che è possibile utilizzarlo direttamente con il tuo DAW o con qualsiasi installazione hardware in tuo possesso.

Questo è sicuramente l’elemento più costoso in questa lista, ma con tutte le possibilità che ti fornisce, il flusso di lavoro unico e la quantità di controlli pratici, vale la pena dare un’occhiata; sembra una bella unità che apre al percorso di innovazione.

Scopri di più sul Arturia MatrixBrute.

Prezzo: 2000 USD / 2000 EUR

Pensa Oltre il Vintage

Senza dubbio, ora è il momento migliore per la sintesi digitale ed analogica.

I produttori stanno uscendo con nuovi flussi di lavoro e macchine ibride, mantenendo i prezzi decenti. È tempo di esplorare ciò che questa nuova ondata di sintesi ha da offrire invece di rimanere bloccati nella modalità fetish del vintage a tutti i costi.

Ti accorgerai che il tuo setup sarà più leggero, più facile da usare e presenta più possibilità creative. Le aziende sanno che i musicisti di oggi sono intelligenti. I produttori hanno bisogno che la loro attrezzatura sia compatibile con una vasta gamma di macchine diverse senza compromettere il proprio suono. Hanno bisogno che i loro strumenti siano facili da trasportare ed affidabili.

Questo elenco fornisce una panoramica di alcuni degli esempi più raffinati di progettazione di synth analogici che guardano al futuro.

Non fermarti mai! Guarda AVANTI!

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post