LANDR BLOG

Strumenti musicali

10 drum machines vintage che eclissano il loro prezzo basso

10 drum machines vintage che eclissano il loro prezzo basso

Costoso non significa sempre migliore. A volte una drum machine economica può essere esattamente il suono di cui hai bisogno.

Tutti sanno che Jeff Mills fa faville con una TR-909. O che Egyptian Lover scuote una stanza con la sua TR-808. E anche che quel leggendario percussionista Sheila E (che ha lavorato con Prince, Marvin Gaye, Beyoncé, Diana Ross…) crea magia con una Linn LM-1.

Non c’è dubbio che queste drum machines (e gli artisti che le hanno rese iconiche) hanno cambiato la storia della musica. Hanno ridefinito l’aspetto del virtuosismo, seminando per nuovi generi e generazioni. Tuttavia oggi rimangono fuori portata per la maggior parte dei produttori di musica, costando oltre $5000 USD.

C’è un altro aspetto della storia della drum machine che spesso non viene raccontato. La storia di artisti che usano ed esplorano strumenti a basso costo per fare uscire un capolavoro. Una buona idea ed un ottimo mix fanno brillare anche gli strumenti più scadenti. Le attrezzature costose non trasformeranno mai una brutta idea in una melodia memorabile.

Drum machines economiche trovano addirittura seconde vite affascinanti nelle mani dei circuit bender e degli appassionati di “mod”. Poche persone oserebbero aprire o modificare una drum machine per la quale spendono migliaia di dollari.
C’è più spazio per la creatività fai-da-te con qualcosa per cui non ti dispererai se la rovini.

Ecco 10 drum machines vintage economiche che artisti rivoluzionari hanno trasformato nella loro arma creativa segreta:

1. Seeburg Select-A-Rhythm Model 601B (1960s)

Drum-Machine-Wizards-1

Select-A-Rhythm è una drum machine americana prodotta dalla Seeburg Corporation negli anni ’60. Il suo design è tipico delle prime drum machine dell’epoca. Ti permette solo di regolare il tempo con una manopola e selezionare tra vari preset ritmici non programmabili.

I preset sono vari stili di ballo: valzer, cha cha, rumba, bolero, swing e così via. Ma se spingi la manopola del tempo al limite, le cose diventano interessanti.

Questo è ciò che ha attirato l’attenzione di Martin Rev. Martin ha usato il preset Shuffle accelerato per dare il ritmo al brano più iconico dei Suicide: “Frankie Teardrop” (ascoltalo sotto).

“Abbiamo suonato almeno un paio d’anni senza batteria. Usavamo le testate degli amplificatori a cannone per farle andare in feedback. Quello era il beat ed era perfetto”, ha detto a RBMA Martin Rev, che è metà dei Suicide.

“Scansionavo gli annunci per gli oggetti usati. A volte vedevo forse una drum machine, ma era fuori dalla mia portata. $50 era troppo. E ne ho vista una una volta che costava $30, ho detto “wow, fammi dare un’occhiata. Si è rivelata essere un Seeburg. L’ho collegata, ho sentito il suono ed è quello che ho usato in “Frankie Teardrop”.

Le percussioni su Frankie Teardrop sono a malapena ritmiche. Sono così insistenti e sostenute che diventano quasi un tappeto “droney”. Questo è un brillante esempio di come trasformare una macchina apparentemente limitata in un tipo di sonorità completamente nuova: punk in faccia.

2. Roland TR-66 (1973)

Drum-Machine-Wizards-2

Il TR-66 Rhythm Arranger è uno dei primi tentativi di Roland di realizzare drum machines analogiche. Sebbene non potesse essere programmato, ha aperto la strada alla rivoluzionaria serie CompuRhythm di Roland (CR-68 e CR-78) mezzo decennio dopo.

Il TR-66 consente di combinare due pattern. La manopola al centro ti consente di scegliere un modello di cassa, rullante e hi-hat. È possibile sovrapporlo con uno dei ritmi preimpostati premendo uno dei pulsanti colorati nella riga inferiore. Premi Start e il gioco è fatto.


La New Wave e i gruppi pop degli anni ’80 hanno utilizzato questa drum machine con un effetto eccezionale. Puoi sentire il preset Cha Cha su “Dance Away” dei Roxy Music (ascolta qui sopra). Le sue morbide e vellutate congas analogiche, le casse e gli hi-hat sono difficili da non amare…

3. Mattel Bee Gees Rhythm Machine (1978)

Drum-Machine-Wizards-3

Prodotta dal 1978 ai primi anni ’80, la Bee Gees Rhythm Machine è stata realizzata dal gigante dei giocattoli per bambini Mattel. Produce un singolo suono synth: un’onda di impulso. Ci sono tre preset: Disco, Latin e Pop ed un pulsante di tempo.

Quando i Kraftwerk lo usarono nel loro album e tour Computer World nel 1981, divenne un classico di culto. Scusate Bee Gees!

Guarda questa versione live della canzone “Pocket Calculator”, sentirai la Bee Gees Rhythm Machine intorno a 01:00.

Questo dimostra che con un po’ di immaginazione, anche un giocattolo per bambini può creare una canzone di successo.

4. BOSS DR-55 (1980)

Drum-Machine-Wizards-4

Il Dr. Rhythm DR-55 introdotto nel 1980 fu un primo esempio del flusso di lavoro “step-write” nelle drum machine. È stata la prima linea di successo della BOSS Dr. Rhythm delle prime drum machine programmabili.

Il DR-55 memorizza sei pattern a 16 step. È fornito anche di due pattern a 12 step che consentono di eseguire ritmi in 3/4 e 6/8. La programmazione è semplice: metti il DR-55 in modalità Write e premi il pulsante Start per inserire un suono nella sequenza. Utilizza la manopola per passare allo step successivo. Gli hi-hat possono essere commutati solo in 8°, 12° o 16°. La manopola Variation è la funzione bonus: ti consente di mescolare il pattern al volo.

L’efficacia dei quattro suoni di batteria (rullante, cassa, piatto e hi-hat) ha attirato molte band come New Order, The Cure, Sisters of Mercy e più recentemente Xeno & Oaklander.

I Depeche Mode hanno usato il DR-55 per tutto il loro disco del 1981, Speak and Spell (ascolta una delle canzoni sopra). Resta una drum machine di culto che si può ancora trovare di seconda mano per alcune centinaia di dollari.

5. Sound Master Memory Rhythm SR-88 (1981)

Drum-Machine-Wizards-5

Il Memory Rhythm SR-88 prodotto da Sound Master era molto simile al BOSS DR-55, nel flusso di lavoro, nei suoni e nel numero di pattern. Gli hi-hat tuttavia erano interamente programmabili sull’SR-88. Ha anche sostituito il rimshot con un piatto che potrebbe raddoppiare come un hi-hat aperto.

Sebbene l’SR-88 abbia un aspetto magnifico, non sembrava molto incisivo. Robin Gurthie dei Cocteau Twins descrive l’idea di passarla attraverso ampli da chitarra e tramite il fuzz, ma i tecnici lo guardano male:

“All’epoca c’era una delusione che erano le drum machine che usavamo, una Boss Dr Rhythm ed una Sound Master SR-88 suonate attraverso il canale di distorsione di un combo HH IC100 erano ritenuti inadatti dai fonici e Ivo (gli adulti) e furono sostituite con la “più professionale” (all’epoca era appena stata inventata) Roland TR808″.

Proprio come il DR-55, l’SR-88 rappresentava un’epoca passata di macchine compatte per la scrittura a step. Mentre queste macchine potrebbero non essere eccezionali da sole, al giorno d’oggi prendono vita quando le campioni.

I ragazzi di Dubsounds hanno anche trovato un bel trucco: “Se vai in modalità di programmazione step e picchietti il pulsante di avvio per inserire una nota di piatto, in realtà ottieni un decadimento davvero lungo fino a 10 secondi che è il classico rumore bianco dai primi anni ’80.”

6. Roland TR-707 (1985)

Drum-Machine-Wizards-6

Il TR-707 era la drum machine digitale di Roland ricalcata sull’analogica TR-909. Ha 15 suoni a 12 bit, che gli conferiscono il suo carattere timbrico unico. Hi-hat, piatti e clap sono molto vicini ai suoni originali 909.

L’interfaccia rimane una delle più ingegnosamente progettate, con fader di volume per ciascun suono del drum kit e un layout di griglia che mostra la sequenza.

La sincronizzazione MIDI e DIN rende questa macchina facile da sincronizzare con un sacco di strumenti. C’è una funzionalità eccezionale e trascurata: l’output del rimshot può essere utilizzato per attivare l’hardware che funziona con l’impulso di tensione, come l’SH-101. Non c’è da stupirsi che molti artisti synth wave abbiano adottato la 707!

Nei giorni nostri, la TR-707 sta vivendo un po’ una seconda vita; non è difficile trovarla usata per meno di $400 USD. Per questo motivo è una macchina economica che è matura per le modifiche come quella nella foto sopra.

L’artista canadese di elettronica Marie Davidson, ad esempio, brilla con le sue 707 che pompano sotto synth monofonici grezzi nel suo ultimo album Adieu Au Dancefloor:

La produttrice e DJ Helena Hauff è un’altra appassionata di 707. La macchina è stata utilizzata nel suo album del 2015 Discrete Desires, insieme ad una TR-808 ed una TB-303. “Ho la sensazione che sia più individuale: fai qualcosa e la macchina reagisce. Anche la macchina ha una sua mente, quindi restituisce qualcosa” ha scritto Hauff.

7. Electro Harmonix DRM 32 (1986)

Drum-Machine-Wizards-7

Fondata nel 1968, Electro Harmonix è una società americana nota per i suoi pedali classici per effetti. La loro breve incursione nelle drum machines analogiche alla fine degli anni ’70 e ’80 finì sotto il radar.

La serie Digital Rhythm Matrix (inclusi DRM-16 e DRM-15) ha gli stessi suoni di batteria preimpostati, con la differenza che il DRM-32 ha 32 ritmi.

Il DRM è senza dubbio una macchina elettronica. I suoni più caratteristici sono il rullante spaziale e lo snap delle dita, che suonano rispettivamente come un gigantesco tom disco e le nocche che si spezzano.

Moby adora il DRM-32 (guardalo provarlo sotto a 06:36). Esce nelle ricerche di seconda mano per un paio di centinaia di dollari qua e là.

Un’ultima cosa interessante del DRM-32, secondo Dubsounds: “Molti dei suoni hanno una grande quantità di ‘variazioni analogiche’ in essi (in particolare i charleston chiusi e snap) e nessun suono si ripete due volte e che quindi, se si usano i multi-campioni, possono davvero rendere interessanti le tue tracce ritmiche “.

8. Alesis HR-16B (1987)

Drum-Machine-Wizards-8

L’HR-16 era nota come una macchina hip hop. È il primo tentativo di Alesis con le drum machines digitali.

Ha batterie campionate a 16 bit e 100 pattern programmabili. È molto facile da usare e il modello 16B successivo ha addirittura campioni migliori. I suoni sono puliti e forse un po’ sdolcinati, ma hanno fatto la storia nelle mani del leggendario gruppo post-riot grrrl Le Tigre.

“Pensavamo che il punk fosse un atteggiamento e si trattava di raccogliere qualsiasi spazzatura su cui puoi mettere le mani e farne una band. Quindi per me una drum machine è totalmente liberatrice, ti rende autosufficiente “, ha dichiarato Johanna Fateman di Le Tigre.

Le Tigre ha usato la HR-16B per creare il successo del 1999 “Deceptacon”.

Sebbene la costruzione dell’HR-16B fosse fatta di plastica economica, ciò ne ha reso facile e intuitiva la modifica. Aggiungi il prezzo economico e avrai una delle preferite tra i circuit bender tipo Autechre e Orbital.

9. Roland R-8 (1989)

Drum-Machine-Wizards-9

Una classica drum machine da studio negli anni ’90 era il Roland R-8 MIDI Human Composer. È stato apprezzato per la sua flessibilità e qualità. I parametri di un suono (intonazione, decadimento, attacco, sfumatura, uscita) sono modificabili e le schede PCM aggiuntive espandono i suoni disponibili. L’R-8 ha polifonia a 32 note, 68 strumenti e 100 pattern preimpostati.

Il nome “Human Composer” è attribuito alla sua funzione Feel Patches. Aggiunge accenti e cambi di tono casuali, imitando un groove più umano. Ha un’altra caratteristica rivoluzionaria per i suoi tempi: la possibilità di registrare in tempo reale i cambiamenti dei parametri sonori in un pattern.

Autechre è noto per essere sfuggente quando si tratta di rivelare la propria attrezzatura. Ma è noto che hanno usato una Roland R-8. Come sottolinea FACT, “Autechre è un maestro nell’ottenere attrezzature di tutti i giorni per fare cose straordinarie”.

L’R-8 è stata utilizzata in particolare per la traccia “Flutter” (ascoltala qui sopra) oltre a un campionatore ed un Alesis QuadraVerb. Autechre ha ampiamente utilizzato l’R-8 come sequencer per altre apparecchiature, come un Juno-106 e una tastiera Ensoniq EPS, fino a quando non ha letteralmente preso fuoco.

10. Korg Electribe R (1999)

Drum-Machine-Wizards-10

Il 1999 è stato un buon anno per molte cose, incluso il lancio della linea Electribe di Korg. Electribe R (o ER-1) è il sintetizzatore di batteria che è uscito per accompagnare la sua controparte per la linea di basso, l’Electribe A (EA-1).

ER-1 utilizza la tecnologia di modellazione analogica che emula suoni di batteria “di tipo analogico” con processi digitali. Il suo sequencer a 64 step, le capacità MIDI, gli effetti integrati e la possibilità di salvare oltre 250 pattern lo rendono uno strumento potente. Anche la possibilità di salvare le modifiche dei parametri in tempo reale è una caratteristica preziosa.

Le Electribe sono note soprattutto per quanto siano divertenti e facili da usare. Tutti i parametri dei suoni sono modificabili senza molta immersione nel menu. La maggior parte delle Electribe ti consente anche di modificare i suoni così tanto che iniziano a sembrare strani, consentendo alcuni suoni altamente originali. I due ingressi audio consentono di collegare un altro strumento che il sequencer metterà a tempo con il ritmo.

I Prodigy erano fan delle Electribe, in particolare il campionatore ES-1 per l’esecuzione e ER-1 per la registrazione. Hanno usato l’ER-1 per l’album Always Outnumbered, Never Outgunned (ascolta uno dei brani qui sotto).

Liam Howlett, tastierista e compositore della band, ha dichiarato a Korg in un’intervista: “L’ER-1 non richiede molta elaborazione o equalizzazione, suona f******mente bene appena uscita dalla scatola.”

Le Electribe potrebbero non essere ancora così iconiche come l’808 e la 909, ma hanno sicuramente un seguito cult tra i live performer. Se fossi in te, me ne prenderei una ora prima che ci sia troppo hype attorno per rimanere così conveniente…

Bonus: Wurlitzer SideMan 5000

Drum-Machine-Wizards-00

Ikutaro Kakehashi (il defunto fondatore di Roland e inventore delle 808 e 909) si interessò per la prima volta alle drum machine dopo aver visto il Wurlitzer SideMan 5000. Quindi vale la pena menzionarlo!

SideMan è la prima drum machine disponibile in commercio risalente alla fine degli anni ’50. La macchina utilizza una miscela di parti meccaniche elettroniche e motorizzate per produrre dieci suoni e vari pattern preimpostati. Il suo esclusivo sequencer è disposto su una piastra circolare rotante. SideMan è racchiuso in un telaio di legno e assomiglia essenzialmente al comodino di tua nonna.

Al giorno d’oggi, il SideMan può ancora essere trovato negli scantinati delle chiese a prezzi decenti. Il problema è trovare qualcuno che lo ripari, per non parlare delle parti di ricambio obsolete.

Questa macchina è diventata il grande progetto di Darsha Hewitt: non solo riparare il SideMan, ma anche realizzare una serie di video che dimostrano come funziona. Guarda il viaggio del SideMan 5000 qui sotto, ti garantisco che imparerai qualcosa.

Inoltre, con brani come “Hotline Bling” di Drake, i suoni di questa era di drum machines stanno tornando di moda. Ascolta e scarica un sample del SideMan sulla mia pagina Freesound e crea la tua hit.

Costoso non significa sempre migliore

C’è tanto da dire sul fare molto con molto poco.

Sebbene queste drum machines abbiano apparentemente poco da offrire rispetto alle odierne tecnologie di produzione musicale, gli artisti hanno dimostrato che l’uso di attrezzature economiche può produrre musica eccezionale.

Vai su Craigslist o il tuo negozio dell’usato locale per trovare la tua attrezzatura usata a buon mercato. Provala, lanciala nella tua DAW, mettici degli effetti e masterizza. Sarai sorpreso da quante nuove possibilità questo offre.

La storia della tecnologia musicale ha creato molta spazzatura con cui essere creativi, perché non prenderla come una sfida.

Unendo il vecchio e il nuovo, l’economico e l’alta tecnologia, l’analogico e il digitale. Capito?

Masterizzazione e distribuzione illimitate, 1.200 campioni esenti da royalty, oltre 30 plugin e altro ancora! Ottieni tutto ciò che LANDR ha da offrire con LANDR Studio.

Nicola Donà

Cantautore / Musicista / Produttore / Compositore / DJ. Nato e cresciuto in Italia. Risiede a New York. nicolaonda.com

@Nicola Donà

Non perdere mai un post dal blog LANDR

Ultimi post